TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jenny Larson sfida i pregiudizi sulla visione più pulita

In poco tempo Jenny Larson, affetta da paralisi cerebrale, è diventata la regina di Instagram con più di centomila follower. Condivide la sua vita come terapista occupazionale, madre di bambini piccoli e proprietaria di una villa. Ma soprattutto cerca di creare una comunità in cui tutti possano contribuire.

È impossibile descrivere Jenny Larson in altro modo se non come un'incredibile successo e una vera celebrità di Instagram. Post affascinanti con bambini felici che giocano. Tali boschi che affermano la vita ti fanno dimenticare per un po 'tutti i dolori e le preoccupazioni. Testi basilari e quotidiani facilmente riconoscibili da molti, il che significa che hanno preso d'assalto la Svezia.

Testo alternativoAttualmente, Jenny Larson è in ferie per concentrarsi completamente sul lancio del suo libro e sul ruolo di influencer.

Non molte persone possono eguagliare i 112.000 follower di Jenny Larson. Inoltre, ha ricevuto numerosi premi: il Mother's Voice Award 2022 (assegnato da Mama Magazine) e uno dei Woman of the Year Awards 2023 (assegnato dal Expressen Evening Newspaper).

Ma diventare una celebrità non è mai stato il piano. Il fatto che abbia aperto un account e abbia iniziato a pubblicare contenuti sulla vita con paralisi cerebrale circa quattro anni fa ha una spiegazione completamente diversa.

-Sono un po' stanco che tutti si chiedano cosa mi è successo. Ma nessuno ha osato chiedere nulla. I genitori mettono a tacere i loro figli quando fanno domande e li additano, spiega Jenny Larson e continua:

-Capisco che potrebbe essere difficile sollevare l'argomento e parlarne in modo normale. Così ho pensato a come ottenere informazioni sulla paralisi cerebrale. Ho visto un account americano che mi piaceva e ho pensato: “Potrei aprirne uno simile anch’io”. Poi noti che devi distinguerti per ottenere una risposta positiva. E poi ho continuato a pubblicare le cose che hanno portato a ciò”, dice.

Lavora nella regione del Värmland

Jenny Larson abita in una villa degli anni '60 alla periferia di Karlskoga. La città dove sono nato e cresciuto. Attualmente è in congedo dal suo lavoro come terapista occupazionale presso il Centro di riabilitazione per bambini e giovani di Värmland. L'idea è di concentrarsi per un po' sul blog, sulle conferenze e sulla promozione del nuovo libro Hej jag har CP!.

Testo alternativoÈ tempo di fotografare a casa nella villa di Karlskoga.

È una luminosa giornata primaverile e i due bambini, Astrid di quattro anni e Gösta che presto compirà due anni, si stanno preparando per andare al parco giochi con il padre, che è in congedo parentale. Qui e ora si svolge una vita da single abbastanza ordinaria. Esattamente il tipo che molti sognano. La paralisi cerebrale di Jenny Larson è solo una parte di tutto questo. Ma la sua vita non è stata sempre così rosea.

READ  È così che i batteri infettati dal virus vengono indotti al suicidio

→ Stipendi nei comuni e nelle regioni

“No, è stato difficile per me in molti modi”, ha detto, appoggiando la testa tra le mani mentre ci sedevamo al tavolo bianco della sala da pranzo. Il bicchiere pieno d'acqua e le tazze vuote vengono rapidamente rimossi.

Trovare e ottenere un lavoro non è stato facile per Jenny Larson.

Non ho osato fare domanda per un lavoro estivo

– Quando ero al liceo e tutti i miei amici trovavano lavoro estivo nel servizio clienti nelle vicinanze, non osavo nemmeno fare domanda. “Avevo paura di parlare al telefono perché sembrava che avessi una paralisi cerebrale quando parlavo”, ricorda.

Quindi a quel tempo non esistevano lavori estivi.

Fatti: paralisi cerebrale – Paralisi cerebrale

A causa di una lesione cerebrale avvenuta prima dei due anni. Ad esempio, durante la gravidanza o il parto. La paralisi cerebrale può manifestarsi in modi diversi in individui diversi. I sintomi della paralisi cerebrale comprendono movimenti involontari in tutto il corpo. Esistono diverse forme di paralisi cerebrale: spasticità, discinesia e atassia. Succede che le persone con paralisi cerebrale abbiano anche una disabilità intellettiva, ma di solito non è così. Ogni anno nascono circa 200 bambini affetti da paralisi cerebrale.

fonte: Hjarnvonden, 117, Vardjoiden.

Ma quando ha compiuto 23 anni e ha completato la sua formazione per diventare terapista occupazionale, è arrivato il momento di mettere da parte la paura e provarci. Come i suoi compagni di classe, voleva acquisire esperienza come infermiera prima di iniziare a candidarsi per un lavoro come terapista occupazionale. Ecco perché Jenny Larson ha fatto domanda per un lavoro come assistente sanitaria in una casa di cura dove c'è bisogno di persone in estate. Ha avuto l'opportunità di fare un lavoro di prova con uno dei clienti abituali e ha pensato che fosse andato tutto bene.

Quando un giorno di maggio telefonò il direttore della casa di cura, splendeva il sole. C'era una pausa tra le lezioni e Jenny Larson si sedeva in giardino e parlava con i suoi compagni studenti. Il messaggio che ha ricevuto al telefono è arrivato inaspettato.

Riferire al direttore

– Non ho ottenuto il lavoro. A quanto ho capito, la spiegazione era che avevo impiegato troppo tempo per eseguire determinati passaggi. Pertanto, non potevano rischiare di assumermi.

READ  Una nuova sostanza potrebbe rallentare i sintomi del morbo di Alzheimer

– Ero molto triste. E poi fastidio e rabbia. Non sono un rischio, sono una risorsa! Pertanto, ho segnalato questo al difensore civico contro la discriminazione, DO. Ma mancavano le prove. Non è stato possibile procedere legalmente.

Poco dopo ottenne un lavoro estivo come assistente sanitaria in un'altra casa di cura. Ho lavorato lì tutta l'estate.

– La maggior parte delle cose difficili per me possono essere risolte facilmente. Ad esempio, potrebbe essere necessario più tempo per indossare i guanti di plastica, di cui hai bisogno come assistente sanitario. Ma poi scelgo una taglia più grande e poi va più veloce. Un'altra cosa che rappresenta un problema è trasportare un vassoio di tazze con dentro il caffè, questo si risolve preparando prima le tazze e poi prendendo la caraffa e versando.

→ Gisele: “Una diagnosi di ADHD mi ha salvato la vita”

Jenny Larson ritiene che non consentire alle persone con disabilità di entrare nel mondo del lavoro sia un problema sotto molti aspetti.

Jenny Larson

Fare: Un terapista occupazionale autorizzato spinge per questioni di inclusione sotto la firma @jennypyssel su Instagram. Uscirà presto insieme al libro Ciao, ho la CP!. Lezioni.

Vita: A Karlskoga.

famiglia: Compagno e due figli.

Interessi: Interessato all'arredamento e alla manutenzione della casa. Adora armeggiare e fare cose con le mani.

– Spesso le persone pensano che abbiamo molto sostegno, ma non è così. Le richieste della società nei confronti delle persone con disabilità stanno diventando sempre più rigorose. Ad esempio, molte persone non possono permettersi di lavorare a tempo pieno, ma non ricevono alcun compenso per questo. Sottolinea che faccio fatica nello stesso mercato del lavoro di tutti gli altri.

Testo alternativoJenny Larson è una terapista occupazionale qualificata.

Durante una tipica giornata da terapista occupazionale, Jenny Larson lavora per rendere la vita quotidiana il più funzionale possibile per i bambini e i giovani con cui entra in contatto. Potrebbe trattarsi di andare a scuola e verificare come funziona con un dispositivo di assistenza, ad esempio una sedia a rotelle. Tenere riunioni con il personale scolastico e con i genitori e riferire sui bisogni e sulla diagnosi del bambino. Ci vuole tempo anche per prescrivere dispositivi di assistenza, scrivere testimonianze di adeguamento abitativo e conservare registri di lavoro.

Aiuta i bambini a funzionare meglio

– Lavoro per aiutarli a migliorare il loro lavoro affinché la loro qualità di vita aumenti. È importante che le persone si sentano quanto più competenti e indipendenti possibile.

READ  In che modo i nanomateriali possono influenzare il sistema immunitario nell'intestino -

Un'idea per l'account Instagram è quella di mettere in evidenza le persone con disabilità visive, come lei. Eliminare i pregiudizi e facilitare così la partecipazione di queste persone alla società. Ad esempio, attraverso il lavoro. Quanti e quali aggiustamenti siano necessari sul lavoro per le persone con paralisi cerebrale è una questione individuale.

– Credo che la responsabilità di spiegare questo non debba ricadere sulla persona con disabilità. Oppure dovresti far sedere i responsabili delle assunzioni con tutte le conoscenze. Sono necessari sforzi e informazioni più ampi da parte di diversi attori. Sarebbe fantastico se il sindacato, ad esempio Vision, offrisse corsi di formazione sulle disabilità fisiche, afferma Jenny Larson.

Vuoi più influenza

È tempo che le persone con disabilità visive inizino a prendere una posizione più forte e a rivendicare i propri diritti. Le femministe hanno fatto il loro viaggio. Quindi Jenny Larson crede che le persone LGBTQ.

– Adesso tocca a noi vedere. Ma quando ascolto il dibattito politico, spesso mi chiedo: dove sono le mie domande? Molte persone con disabilità vivono momenti molto difficili.

In futuro, Jenny Larson non vede l'ora di partecipare e influenzare la comunità in una direzione più inclusiva, ancora di più.

-Penso che sia divertente presentare le informazioni a livello di gruppo. Sono guidato dalla capacità di partecipare e migliorare le cose. Il mio sogno è lavorare politicamente per un’organizzazione che porta avanti questi problemi.

Testo alternativoJenny Larsson è cresciuta qui a Karlskoga.

Ora l'acqua nella tazza sul tavolo è stata bevuta e il sole comincia a tramontare. I bambini torneranno presto dal parco giochi ed è ora di finire.

Vivi il sogno

Pensavi che sarebbe stato così grande? Che avrebbe preso un congedo dal lavoro, vinto premi e scritto un libro. Quindi, all'inizio, quando ha pubblicato sui social media alcune foto della sua vita con paralisi cerebrale? La risposta alla domanda arriva rapidamente.

– No, se l'avessi fatto e avessi avuto un obiettivo prefissato, probabilmente non sarebbe stato così bello. Neanche questo ha avuto lo stesso effetto. Ma sono felice che sia andata così. Lo amo. Ora faccio esattamente quello che voglio fare!