TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Isaac Casey Thielen sull'esclusione di Hinkie Larsson: “Capisce cosa significa”

Re Sagittario sui suoi grandi idoli d'infanzia, sulla crescita e sul razzismo

Pubblicato il 07.04.2024 07.57

Malmö. Henrik Larsson era il grande idolo d'infanzia di Isaac Casey Thielen.

Non è rimasto sorpreso quando ha letto come Henke si sentisse straniero in Svezia.

– Ovviamente capisco cosa intende. Ed è bene dirlo, dice l'attaccante di MFF.

Le foto di Sportbladet del giovane Zlatan Ibrahimovic a casa nel bagno dei ragazzi con le pareti ricoperte di immagini del suo idolo Ronaldo sono dei classici.

Sono quelle immagini a cui inevitabilmente si rivolgono i pensieri quando Isak Casey Thelen mostra le foto della sua stanza d'infanzia a Örebro con ritagli e poster del suo grande idolo sulle pareti.

L'anno è il 2006 e Keez Thielen ha 14 anni.

Ma l'idolo non è Zlatan, ma Henrik Larsson, da molti anni.

– Probabilmente è iniziato quando avevo otto o nove anni. Ho sempre indossato una maglia da football con sopra il nome Hinkie, anche nella mia foto scolastica. Avevo le treccine proprio come lui, ed ero solito fare le sue mosse da gol, tirando fuori la lingua quando segnavo. È stato un grande modello. “Tutti capivano che era il mio modello”, dice oggi Casey Thelen.

Ha ricevuto elogi nel primo e unico incontro

Perché il giovane attaccante era Larsson e non Ibrahimovic?

– Hai visto in te stesso una somiglianza con qualcuno. Tra i giocatori della Nazionale, Heynke aveva un background simile al mio. Mio padre veniva dal Congo (Larson è di Capo Verde). Penso che sia stato inconsciamente per questo. Poi non ha fatto male il fatto che abbia segnato tanti gol e sia stato un attaccante.

READ  Garpenlöv vuole continuare a guidare Tre Kronor

Hai incontrato Hinky?

– Sì, quando giocavo a Norrkoping abbiamo conosciuto Falkenberg quando era allenatore lì. Abbiamo programmato il gioco quindi sono rimasto deluso. Ma dopo la partita, nella corsia dei giocatori, è venuto da me e mi ha detto qualcosa del tipo: “Ben giocato”. È diventato difficile perché ero triste per la nostra perdita, ma ero più felice che mai che fosse venuto a dirmelo. Ricordo di aver chiamato mio padre e mio nonno, che all'epoca era vivo e molto esperto di calcio, e dissi loro che mi aveva accolto e almeno sapeva chi ero. È stato perfetto.

Casey Thielen da allora non ha più incontrato Hinkie, ma ha riconosciuto suo figlio Jordan, tra gli altri, nella squadra nazionale.

Hinky sapeva che era il tuo idolo?

– Forse lo sa tramite Jordan perché potrei averglielo detto. Forse Hinke me lo ha detto perché si rende conto che persone come me lo ammirano, che hanno un background comune nel calcio svedese. Per me andava bene comunque.

“Ha ragione”

Un mese fa, Henrik Larsson ha rilasciato un'intervista a Guardiano Che ha attirato molta attenzione quando il leggendario attaccante ha raccontato di non provare sentimenti per la Svezia.

– Mi vedo come uno straniero. Lo so, sono svedese, sì. “Ma non mi sono mai sentito svedese al 100%”, ha detto Hinke.

-Devo rispettare l'eredità di mio padre, forse è per questo. Ma non credo di essermi sentito svedese finché non ho avuto successo sul campo di calcio. Quando non sei niente, non importa. Quando sei qualcosa, fai parte di quella comunità. Poi le persone dimenticano da dove vieni e quali sono le tue origini.

Naturalmente il capocannoniere del campionato svedese ha letto l'intervista.

– Ovviamente capisco cosa intende. Quando sei, dice, “qualcuno”, sei visto in un certo modo. Quindi c'è sicuramente qualcosa in quello che sta dicendo. decisamente.
Ha un punto di vista su quello che dice. Ma in un certo senso ci si abitua, dice Casey Thelen.

– La questione potrebbe sorprendere chi non è nella sua posizione. Ma per me, che mi trovo in una situazione simile, quello che dice non sorprende. Ecco perché dico che ha ragione. È un bene che lo dica. In modo che le persone sorprese possano pensarci.

Il 31enne continua:

La mia educazione è stata meravigliosa. Sono cresciuto in un ambiente culturale molto misto, quindi era raro per me sperimentare il razzismo. Ma è ovviamente toccante leggere quello che dice Henke, perché so quanto fosse difficile sentire certe parole da bambino, ma anche da adulto.

Isaac Casey Thielen.

“Non ho mai sentito alcun razzismo in Svezia”.

Casey Thelen è convinto che sia stato più difficile per Larson crescere più oscuro di molti altri negli anni '70 rispetto agli anni '90.

-Ho un cugino che ha dieci anni più di me e gli sono successe molte cose. Ma ancora una volta, le cose non sono più le stesse degli anni ’90. Spero che la generazione più giovane, che sta crescendo adesso, sia più istruita. Perché penso che alla fine la questione si risolverà in questo.

READ  Un record mondiale! Duplant è stato nominato miglior roster outdoor del mondo - Lehikoinen 6° nella Diamond League con New Personal Best

Kiese Thelin non sperimenta il razzismo nell'Allsvenskan.

-Siamo sopravvissuti completamente nella massima serie svedese. Non ho sentito nulla dagli spalti. “È fantastico”, dice.

Oggi il Malmö FC affronta l'Hammarby nella partita d'esordio in casa.