TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In memoria: Gunnar Roosevel – DN.SE

L’educazione di Gunnar è stata difficile. Quando aveva due anni, sua madre tornò nella sua nativa Svizzera. Pochi anni dopo, nel 1930, suo padre morì in un incidente stradale. Gunnar si trasferì poi da sua madre e dalla sua nuova famiglia a Berna. Appena arrivato, andò in un collegio a Oberhofen.

All’età di sedici anni, dopo essersi diplomato, Gunnar tornò a Stoccolma nel 1935 da solo. Il suo primo lavoro è stato presso l’agenzia di viaggi Cook e quello è stato l’inizio della sua carriera nel settore del turismo. Nel frattempo, la seconda guerra mondiale ha raggiunto la Svezia. Mentre il paese era neutrale, Gunnar ha vissuto gli echi della guerra, prima come soldato al confine tra Svezia e Finlandia e poi al confine tra Svezia e Norvegia. Negli ultimi anni di guerra lavorò anche come traduttore militare.

Dopo la guerra, iniziò a studiare economia, ma decise di abbandonare gli studi e iniziò invece a lavorare per la neonata Associazione Svedese dei Trasporti Turistici (ora Ente Svedese per il Turismo) e allo stesso tempo imparò l’italiano, lo spagnolo e il russo.

In età avanzata, ha conseguito una laurea in inglese, tedesco e francese. Ha anche imparato a leggere e scrivere in greco, una lingua che ha studiato da anziano nelle università di Stoccolma e Salonicco.

Il coinvolgimento di Gunnar con l’Ente per il Turismo Svedese, dove rimase fino al suo pensionamento nel 1984, gli diede l’opportunità di incontrare molte persone nel campo dell’arte e della cultura. La professione gli ha anche dato l’opportunità di viaggiare per il mondo e ha viaggiato bene.

Gunnar arrivò per la prima volta in Grecia nel 1953 e fu presto affascinato dal paese. Dal 1992 in poi, ha deciso di trascorrere sei mesi ad Atene studiando da vicino la cultura greca antica e la lingua greca moderna.

READ  Notizia del giorno: 15 luglio

Ho incontrato Gunnar nel 1993. Siamo diventati amici e abbiamo viaggiato insieme in Grecia e all’estero. Gunnar ha incontrato i miei genitori, suoceri e parenti e lo ha accolto come un membro della famiglia nella nostra vecchia casa a Ikaria.

Durante gli ultimi anni della sua vita, la sua salute si è deteriorata, quindi è stato purtroppo confinato nella sua casa a Gärdet a Stoccolma.

Gunnar Roosevel era un uomo importante che ha vissuto una vita interessante. non sarà dimenticato.