TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il supporto extra fornito da un vaccino fornisce un’infezione più lieve

Questo è secondo uno studio su The Lancet Infectious Diseases.

Le persone che risultano positive al sars-cov-2, il virus che causa il covid-19, hanno un rischio significativamente inferiore di sviluppare malattie gravi e di finire in ospedale se vaccinate, rispetto alle persone che non sono completamente vaccinate.

Leggi anche: Ecco come funzionano le cose con i sopravvissuti al Covid-19

Mostra un’analisi di oltre 1,2 milioni di britannici che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino tra dicembre e luglio e che poi hanno riportato sintomi e risultati dei test utilizzando un’app.

Lo studio pubblicato sulla rivista Malattie infettive della lancettaMostra, tra l’altro, che le persone a maggior rischio di sviluppare le cosiddette superinfezioni, in cui si infettano nonostante siano vaccinate, sono le persone di età superiore ai 60 anni e quelle con malattie di base. Inoltre, le persone che vivono in aree affollate hanno un rischio significativamente maggiore.

“Lo sapevamo semplicemente all’epoca. Rose Penfold, una delle autrici dell’articolo, Rose Penfold del King’s College di Londra, dice alla rivista che questi gruppi sono a maggior rischio di esposizione al virus e quindi più suscettibili all’infezione.

I ricercatori possono anche segnalare che meno dello 0,5 per cento nel Regno Unito ha riportato un’infezione rivoluzionaria 14 giorni dopo una dose di vaccino, nella prima metà di quest’anno. La proporzione corrispondente dopo due dosi era inferiore allo 0,2 percento.

Tuttavia, per coloro che hanno sviluppato un’infezione, la probabilità di assenza di sintomi è aumentata del 63 e del 94 percento dopo una e due dosi di vaccino, rispettivamente, rispetto ai non vaccinati. Inoltre, il rischio di ricovero è stato ridotto del 70 per cento, dopo una o due dosi, mentre il rischio di sviluppare cinque o più sintomi dopo la prima settimana è stato ridotto di due terzi. Allo stesso tempo, il rischio di malattia della durata di 28 giorni o più è stato dimezzato.

READ  Il grasso intorno al cuore secerne sostanze pericolose - aumenta il rischio di infarto

“Ci si aspettano lesioni gravi e non diminuiscono il fatto che i vaccini fanno esattamente ciò per cui sono progettati, ovvero salvare vite umane e prevenire malattie gravi. Questi risultati sottolineano il ruolo fondamentale dei vaccini nella prevenzione dell’infezione da COVID-19.

I vaccini che le persone nel presente studio hanno ricevuto erano vaccini di Moderna, Pfizer Bionic e AstraZeneca.

Il punto debole dello studio, hanno scritto i ricercatori, è che i soggetti stessi hanno riportato sintomi, così come morbilità, stato del vaccino e/o risultati dei test, quindi in alcuni casi questi dati potrebbero essere errati o incompleti.

Johan Nelson / TT

Commenti

Lavori nel settore sanitario e vuoi commentare un copione basato sul tuo ruolo professionale?

clic Qui!

I commenti vengono pubblicati dopo la revisione.