TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il presidente è contrario alla vittoria del Ciad alle elezioni

Il presidente Idriss Deby si avvia verso la prevista vittoria alle elezioni presidenziali in Ciad. Allo stesso tempo, ci sono state segnalazioni di combattimenti tra esercito e ribelli nelle parti settentrionali del paese.

Il presidente ciadiano Idriss Deby durante un incontro con i leader dei paesi del Sahel lo scorso anno.immagine: Ludovic Marine / AP / TT

Quando 51 dei 61 ministeri sono stati contati, Déby ha raccolto il maggior numero di voti di tutti tranne uno, secondo la commissione elettorale della nazione. Ma secondo un presidente della commissione elettorale, poco meno di un terzo dei voti è stato conteggiato dopo le elezioni di domenica scorsa. Il risultato finale potrebbe essere posticipato fino al 25 aprile.

L’ex leader militare Deby ha preso il potere con un colpo di stato nel 1990 quando ha introdotto elezioni democratiche – che ha vinto costantemente. Nelle elezioni di quest’anno, si è trovato di fronte ad altri cinque candidati, ma i valutatori hanno ritenuto in anticipo che le possibilità dei concorrenti fossero scarse. Il fatto che Déby fosse in corsa per la rielezione ha portato diversi partiti di opposizione a chiedere il boicottaggio delle elezioni.

Alla vigilia delle elezioni, il Ciad – il cui attuale presidente è uno stretto alleato delle potenze occidentali che combattono i movimenti jihadisti nella regione del Sahel – tra le altre cose, ha sciolto con la forza dimostrazioni pacifiche e lanciato raid contro esponenti dell’opposizione.

Le Nazioni Unite hanno criticato questa misura e gli Stati Uniti hanno chiesto al Paese di “garantire che le elezioni siano libere, eque e trasparenti”.

READ  Rapimento di studenti - un sanguinoso tentativo di liberarli

Sabato, l’esercito del paese ha annunciato di aver “distrutto” un gruppo di ribelli nel nord del Ciad se avessero effettuato attacchi nel tentativo di interrompere le elezioni. “L’avventura dei mercenari libici è finita”, ha scritto su Twitter il ministro delle Comunicazioni, lo sceriffo Mohamed Zein. Secondo testimoni oculari, secondo l’Agence France-Presse, una grande presenza militare può essere vista nel nord del Ciad.

I rischi di un’escalation di violenza nel paese e nella capitale, N’Djamena, hanno spinto gli Stati Uniti sabato a ordinare a tutto il personale non essenziale dell’ambasciata di lasciare il paese e la Gran Bretagna ha esortato i suoi cittadini a lasciare il Ciad il prima possibile.

Dopo aver modificato la costituzione del paese, Idriss Déby, se vince le elezioni, può essere rieletto una volta e rimanere fino al 2033. Viene abolito e il presidente diventa capo del governo. aziende.