TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il lavoro televisivo ha dato speranza quando le commozioni cerebrali sono cessate

Il lavoro televisivo ha dato speranza quando le commozioni cerebrali sono cessate

Invece di essere amareggiato, cerco di concentrarmi sulle cose belle della vita. “All'inizio non era facile vederla in questo modo, ma ora almeno ho fatto qualche progresso”, dice Jacob Josephson, 33 anni.

– Ci sono molte persone le cui condizioni sono peggiori delle mie. Ho una moglie meravigliosa e due figli meravigliosi, quindi vivo una bella vita.

– L'hockey mi ha dato molto e ne sono grato. Ho vissuto esperienze straordinarie e ho tanti bei ricordi che porterò con me per il resto della mia vita. E grazie al mio lavoro di esperto Viaplay, ho ancora un piede nel mondo dell'hockey.

Foto: Simon Hastigard/Bildeberan

Dopo l'esistenza Esperto durante le trasmissioni NHL di Viaplay – così come durante la Coppa del Mondo Junior – Jakob Josefsson si sta ora preparando per la sua prima Coppa del Mondo da esperto.

Quando DN lo ha incontrato prima del torneo, ha parlato con gioia nella sua voce di quanto pensasse fosse divertente interpretare il ruolo di esperto.

– Poiché la fine della mia carriera è arrivata all'improvviso, per me è stato molto importante, afferma Jacob Josephson sull'importanza del lavoro di esperto.

– La sensazione prima della trasmissione ricorda un po' la tensione e il nervosismo che si possono provare prima di giocare una partita. Una sensazione che mi ha fatto capire quanto mi mancava quando ho iniziato come esperto.

-Inoltre, imparare qualcosa di nuovo è stato emozionante e utile. Sono ancora un po' principiante, ma ho la fortuna di lavorare con persone che hanno molta esperienza, il che mi fa sentire sicuro davanti al bagno.

Ma anche se Ci sono molti aspetti positivi nella vita di Josephson ed egli non nasconde il fatto che sta ancora piangendo ciò che ha perso.

– Mi manca anche quella forte pressione che puoi sentire prima delle partite importanti quando sai che stasera dobbiamo fare una bella prestazione. Qualcosa che pensavi fosse una buona idea evitare.

Jakob Josefsson, di estrema destra, lavorerà con Håkan Södergren, Jonathan Lindquist, Valentina Lizana, Peter Gedi, Niklas Gedi, Peter Forsberg e Mattias Norström durante la Coppa del Mondo di hockey.

Foto: Maxim Thuri/Bildeberan

Solo 18 anni Il giocatore di lunga data della SHL Jacob Josephsson è a Djurgården dove ha ricevuto la sua formazione nell'hockey.

Dopo la stagione 2010-2011 si trasferisce negli Stati Uniti per giocare nella NHL. In tutto, ha trascorso otto stagioni nella massima lega di hockey del mondo, sette nel New Jersey e l'ultima a Buffalo, prima di tornare in Svezia per la stagione 2018-19.

È stato accolto a braccia aperte dal Djurgården e nella prima stagione ha guidato la squadra nella finale dell'SC dove, però, c'è stata una sconfitta contro il Frölunda.

Dopo quella stagione, è stato nominato “Most Valuable Player” del campionato dai giocatori della SHL.

Nella seconda stagione casalinga, la pandemia ha posto fine ai playoff dell'SC, quindi Josephson non vedeva l'ora di iniziare un'ulteriore stagione 2020-2021.

Ma poi tutto finì, anche se gli ci volle un po' per rendersene conto.

Dopo la stagione 2018-19, Jakob Josefsson si è guadagnato la possibilità di conquistare il titolo

Foto: Johanna Lundberg/Bildeberan

per un lungo periodo Josephson ha subito una serie di commozioni cerebrali prima della stagione 2020-2021. Individualmente non erano così seri e, dopo aver seguito la Brain Ladder, è riuscito a tornare sul ghiaccio molto rapidamente dietro di loro.

Ma quel colpo alla testa nel gennaio 2021 – quando Djurgården incontrò Rogel – avrà conseguenze disastrose.

All'inizio pensava che sarebbe stato come i precedenti traumi cerebrali: un periodo di riposo e poi tutto sarebbe andato bene.

Questo non era il caso. Quella primavera non ci furono più partite, ma la speranza di ritornare un giorno rimase a lungo. Ma alla fine ha dovuto rendersi conto che non sarebbe stato così. Nell'estate del 2022 Jakob Josefsson ha annunciato che la sua carriera calcistica era definitivamente finita.

-L'hockey è sempre stata la mia passione. Era ciò che amavo di più fare al mondo, e che non fossi io a dover prendere la decisione una volta finita la mia carriera, ma piuttosto fosse la mia testa a mettervi fine, è una sensazione difficile che provo ancora . Dice: lottare con.

Quando Jacob Josephsson è tornato a Djurgården per la stagione 2018-19, è stato nominato capitano della squadra.

Foto: Andreas Hellergren/TT

nonostante 33 anni Josephson oggi è più in forma rispetto a quando ha dovuto smettere di giocare, soffre di continui problemi fisici dovuti ai colpi alla testa.

– Se ho troppo tempo per concentrarmi e concentrarmi – e c'è troppo rumore intorno a me – mi viene mal di testa, il mio cervello si stanca e si sente lento.

– Ma ho accettato che non sarebbe andata bene in un secondo, ci sarebbe voluto del tempo. Oggi so cosa lo scatena e, anche se è difficile in questo momento, so che a lungo termine non è grave. Quindi potresti dire che ho trovato un equilibrio e ho delle strategie che mi permettono di non soffrire più di gravi postumi di una sbornia, per così dire.

La vita non è ancora quella di prima del colpo finale alla testa, ma oggi Jacob Josephson non è amareggiato.

Foto: Maxim Thuri/Bildeberan

Dal lato che ho ottenuto Anche Jakob Josephsson è qui questa stagione per seguire come il suo amato Djurgården ha mancato il passaggio alla SHL.

La stagione è stata instabile e nel finale si è capovolta. Brynäs è stato decisamente migliore, anche se per certi versi penso che abbiano reso la loro ultima uscita troppo facile offrendo troppo.

Josephson continua, sorridendo:

– Ma a quest'ora, l'anno prossimo, spero che Djurgården tornerà di nuovo nella SHL.

Ad un certo punto, Jacob Josephson spera di poter assumere un ruolo più attivo nell'hockey piuttosto che essere un commentatore esperto.

– Come ho detto, mi piace lavorare in Viaplay e adoro poter lavorare nell'hockey in questo modo, ma mi manca il ritmo e la capacità di mettermi in gioco e avere un impatto. Quindi, ad un certo punto della mia vita, ho voluto approfondire questo argomento, Josephson ha risposto alla domanda se poteva immaginare di diventare un capitano/allenatore.

– Ma adesso non ci sono, e non so quanto tempo passerà prima che ci arrivi. Potrebbe volerci un anno o forse dieci. Cerco di non pianificare troppo ma di essere aperto a ciò che accade e di sentirmi il più bene possibile.

Durante la Coppa del Mondo di hockey Nella Repubblica Ceca, che inizierà venerdì, Jacob Josefsson sarà l'esperto nel suo studio di casa a Stoccolma.

La squadra di Tre Kronauer questa volta include diversi nomi di star come Erik Karlsson e Rasmus Dahlin, e Josefsson crede che potrebbe essere un torneo davvero interessante dal punto di vista degli svedesi.

– Penso che possiamo avere grandi speranze per questa squadra

fatti.Squadra toilette Viaplay

il responsabile del programma
Niklas Gjedde – studio a Stoccolma.
Peter Guede – studio a Ostrava/Praga.

Commentatori
Niklas Holmgren, Tobias Dahlberg, Jonathan Lindquist (anche corrispondente) e Magnus Dahlborn

Esperti
Peter Forsberg, Matthias Norström, Håkan Södergren, Valentina Lizana, Jakob Josefsson, Erik Granqvist

Reporter
Ludovico Cigno.

READ  Il nuovo approccio di Ståhl: battere il record del mondo