TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo vuole espellere più persone - con nuove misure

Il governo vuole espellere più persone – con nuove misure

– In pratica, significherebbe molto sia per la polizia che per il Consiglio svedese per l’immigrazione, ha detto a TTV il ministro della Giustizia Morgan Johansson (S) in merito a una conferenza stampa con il ministro dell’Immigrazione e dell’integrazione Anders Yegmann (S).

Negli ultimi anni, il ritorno di persone che non hanno il diritto di rimanere in Svezia è diminuito. Durante la pandemia di Corona, è stato difficile attuare le deportazioni forzate e il rimpatrio volontario delle persone.

– Rispetto ad altri paesi europei, la Svezia ha un rendimento nettamente superiore alla media. Ma dobbiamo fare di più, e dobbiamo farlo con la polizia, il Servizio carcerario e di libertà vigilata svedese e il Consiglio svedese per la migrazione, afferma Yegmann.

Test di malattia obbligatorio

L’obiettivo del governo di far tornare più persone significa aumentare il numero di persone da 6.000 a 9.000 all’anno.

L’autorità di polizia e l’Agenzia svedese per la migrazione presenteranno un rapporto congiunto sulla situazione alla fine del 2023. Le autorità torneranno anche con sotto-obiettivi dettagliati per diverse categorie poiché più persone, secondo il governo, devono tornare.

Al fine di espellere più persone, il governo vuole in un’imminente indagine sul rimpatrio indagare sulla possibilità di testare con la forza qualcuno in caso di malattia socialmente critica.

Durante la pandemia, è stato difficile deportare le persone in paesi che dovevano essere testati. Poiché la legislazione svedese non consente il test contro la volontà di nessuno, il test avrebbe potuto essere rifiutato, afferma Anders Yegmann.

Coercizione della polizia

La percentuale delle espulsioni forzate è aumentata e sfiora la metà. L’anno scorso, 3.200 persone sono tornate volontariamente, mentre 2.700 se ne sono andate sotto costrizione.

READ  Gli atleti olimpici difendono il loro paese dall'invasione russa

Pertanto, anche le autorità e le misure coercitive della polizia e della polizia di sicurezza devono essere indagate per identificare le persone.

In particolare, si tratta di trovare, coinvolgere e ricercare i media digitali. Tutti sanno che nei nostri telefoni cellulari ci sono molte informazioni che possono essere utili per identificare una persona e sapere da quale paese provengono, afferma Morgan Johansson.

L’idea è, ad esempio, che questa procedura possa essere utilizzata quando una persona con un’identità poco chiara chiede asilo e allo stesso tempo non desidera collaborare.

TT: Come consideri l’aspetto dell’integrità della ricerca sui telefoni cellulari e dell’esecuzione di test medici obbligatori?

Quando si richiede asilo, è necessario mostrare la propria identità. L’onere della prova spetta al richiedente. Se non hai un passaporto o un documento d’identità, dovresti essere in grado di mostrare la tua identità in qualche altro modo. È una misura ragionevole, dice Johansson.

Trinidad e Tobago: chi sono le persone che speri di raggiungere con questo?

Queste sono persone la cui identità non puoi chiarire, persone che potrebbero non voler partecipare o avere qualcosa da nascondere. Poi la polizia ottiene soldi extra.

Dovrebbe essere “limitato”

Ygeman sottolinea che si tratta di una forma di coercizione a cui dovrebbe essere “vincolato”.

Gli investigatori dovrebbero considerare gli aspetti costituzionali esistenti.

L’istruttoria sulla reintegrazione dovrà concludersi nell’ottobre 2023. Qualsiasi normativa potrà entrare in vigore entro il 2024.