TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il contatto visivo prende il sopravvento sulle videochiamate mentre Nvidia aggiorna lo streaming

Con l’inizio della pandemia, le videochiamate sono diventate la nuova normalità per le riunioni, qualcosa che rimane ancora così in molti luoghi. I servizi di meeting online sono stati gradualmente aggiornati con filtri per migliorare il suono e l’immagine, ma il problema del contatto visivo tra i partecipanti a un meeting digitale esiste ancora. Nvidia sta ora aggiornando il suo software di streaming con una soluzione per tutti coloro che hanno una scheda grafica Geforce RTX nel proprio PC.

La trasmissione include già funzioni come la riduzione del rumore audio, la sfocatura dello sfondo e una funzione per centrare l’utente nella telecamera. Durante il CES, Nvidia ha mostrato la nuova funzionalità di chiamata ottica, disponibile in versione beta a partire dalla nuova versione 1.4.0. Proprio come indicano altre funzionalità di streaming, si tratta di un filtro basato sull’intelligenza artificiale, che in questo caso sposta l’attenzione dei tuoi occhi dallo schermo alla webcam.

Quando SweClockers dà una rapida occhiata al filtro, è chiaro che la funzionalità può significare una vera spinta per coloro che trascorrono molto tempo nelle riunioni. La funzione non è del tutto perfetta e gli occhi a volte possono muoversi in modo anormalmente rapido. Esattamente in linea con quanto promesso da Nvidia, la direzione degli occhi guarda lontano dal contenuto sullo schermo e verso la telecamera, ma senza trasformare l’utente della trasmissione in qualcuno che fissa i partecipanti alla riunione. Le finestre di corvo modificate dall’intelligenza artificiale, ad esempio, tengono traccia dei battiti di ciglia e se l’utente distoglie lo sguardo chiaramente dallo schermo.

Il Nvidia Broadcast aggiornato è disponibile per il download attraverso il sito web della società E può essere utilizzato da chiunque abbia una Geforce RTX 2060 o un modello di scheda grafica più potente con Tensor core sotto la pelle.

READ  Google pubblica Pixel 6 e Pixel 6 Pro, alimentati dal proprio chip Tensor

Devi avere Javascript abilitato per partecipare ai sondaggi.