TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Manifestazione climatica contro una miniera di carbone a Lützerath, Germania – Greta Thunberg sul posto

Sabato a mezzogiorno è iniziata la manifestazione a Lützerath contro il pozzo. Secondo i rapporti della polizia ai media tedeschi, erano attesi circa 8.000 manifestanti, ma si ritiene che siano di più.

per me Westdeutscher Rundfunk È stato affermato che la polizia ha usato spray al peperoncino contro i manifestanti. Le immagini della scena mostrano anche scontri tra polizia antisommossa e manifestanti.

Migliaia di manifestanti protestano contro una nuova miniera di vignette a Lützerath, in Germania. immagine: INA FASSBENDER / AFP / TT

su di me Cinguettio La polizia avverte i manifestanti di non avvicinarsi troppo al pozzo della miniera, soprattutto dopo che ha piovuto negli ultimi giorni. “Non mettere a rischio la tua vita o la tua salute”. il Scrive Anche persone per lo più mascherate hanno cercato di raggiungere zone pericolose. Chiedono ai manifestanti di collaborare e di non trattare con la polizia.

attivisti nel tunnel

Anche due attivisti si sono trovati in un tunnel che avevano scavato sotto Lützerath. Secondo gli attivisti, vogliono dare ai manifestanti fuori terra il più a lungo possibile per mobilitarsi, dicono i rapporti BBC.

Il capo della polizia Dirk Weinsbat ha detto alla BBC di aver cercato di parlare con gli attivisti nel tunnel e di aver parlato loro dei pericoli. Nella giornata di sabato sono proseguiti i lavori per cercare di far uscire i due dal tunnel.

Venerdì, l’attivista svedese per il clima Greta Thunberg ha condiviso un post su Instagram di Lützerath. Ha anche partecipato alle proteste del sabato. È stata anche una di quelle che hanno parlato davanti ai manifestanti riuniti.

– Non ci arrenderemo, dice dal palco.

Le attiviste per il clima Luisa Neubauer, Greta Thunberg e Lakshimi Thevasagayam presso il sito di Lützerath venerdì. immagine: EPA / Finn Baker / TT

La città sarà evacuata

Le proteste vanno avanti da poco più di due anni nella Germania occidentale. Migliaia di manifestanti e attivisti hanno occupato le restanti case, ma hanno costruito capanne per sfuggire alla polizia. Il motivo dell’occupazione è che un’azienda energetica vuole estrarre ulteriore lignite nell’area. Il conflitto ha reso Lützerath un simbolo del dibattito energetico tedesco.

All’inizio di questa settimana, ci sono state segnalazioni secondo cui oltre 2.000 agenti di polizia sono stati chiamati sul posto per evacuare la città.

La Germania si è impegnata a eliminare gradualmente l’energia dal carbone entro il 2030, otto anni prima del precedente obiettivo del 2038. Lützerath dovrebbe quindi essere una delle ultime città minerarie di carbone, secondo i rapporti. BBC.

La miniera di lignite di Gartzweiler è lunga diversi chilometri. immagine: Michael Probst, AP/TT

READ  Il nuovo capo di Frontex promette di seguire la legge e mostrare maggiore apertura