TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il clima non può aspettare - è necessario un cambiamento al sistema socialista -

Il clima non può aspettare – è necessario un cambiamento al sistema socialista –


Il rapporto sul clima del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) è deprimente. Gli incendi e altri disastri naturali sono determinati, tra l’altro, dalla loro intensità e frequenza (Immagine: Creative Commons).

Di Robert Bilkey // Saggio sull’attacco

Pannello delle Nazioni Unite per il clima Il nuovo rapporto di punta sul clima del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) è un atto d’accusa devastante contro la governance e il capitalismo mondiali. È molto più caldo ora di quanto non fosse 100.000 anni fa durante un periodo “secolare” e gli scienziati possono ora mostrare un chiaro legame tra il clima estremo dell’ultimo decennio e il cambiamento climatico.
Le variazioni di temperatura seguono i modelli precedenti, ma gli effetti rispetto al rapporto precedente sono molto più ampi e gravi del previsto. La necessità di un cambio di regime sta diventando sempre più urgente.

cattive condizioni meteo

L’ultimo importante rapporto sul clima nel suo genere uscito nel 2013, che a quel tempo non era del tutto in grado di stabilire un legame tra l’aumento degli eventi meteorologici estremi e gli effetti del riscaldamento globale. Ma dal 2013, abbiamo assistito a disastri naturali sempre peggiori, con danni ingenti alle infrastrutture, all’agricoltura, agli ecosistemi, agli esseri umani e a tutta la vita sul pianeta.
Attualmente, orribili incendi stanno imperversando in Grecia, un paese che ha sperimentato temperature estreme di oltre 40 gradi per più di una settimana.
Sull’isola greca di Evian, dove infuriano enormi incendi, dal 3 agosto 2000 residenti sono stati costretti a fuggire. Reuters ha riferito che il lavoro antincendio sta diventando più difficile perché l’acqua evapora prima che raggiunga le fiamme! Anche alla periferia di Atene, migliaia di persone sono state costrette a fuggire a causa degli incendi violenti.
Stiamo parlando della fine del mondo, e non so come descriverla diversamente, dice alla BBC britannica Sotiris Danikas, che lavora nella guardia costiera di Evian.
Ma il mondo intero ha preso fuoco durante l’estate. Oltre che in Grecia, sono scoppiati grandi incendi e sono attualmente in corso in Italia, Bosnia, Turchia, Russia, Stati Uniti, Canada, Spagna, Finlandia, Macedonia del Nord, Albania e altri.
Lo scenario è lo stesso: enormi incendi causati da intense ondate di calore costringono migliaia di persone a fuggire.
La sintesi del rapporto afferma ai decisori che “è certo in linea di principio che il calore estremo (comprese le ondate di calore) è diventato più comune e più intenso nella maggior parte delle regioni dagli anni ’50” e che “il cambiamento climatico causato dall’uomo è il principale motore dietro questo .” le modifiche “.
L’IPCC scrive che “alcune delle temperature estreme che abbiamo visto nell’ultimo decennio sarebbero state altamente improbabili se non fosse stato per un impatto umano sul sistema climatico”.

Oltre alle ondate di caldo estremo siccità e incendi, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici vede anche un aumento del rischio di forti piogge. Ne abbiamo visti esempi ravvicinati alcune settimane fa, quando le aree in Germania, Belgio e Paesi Bassi sono state inondate a causa di enormi quantità di pioggia.
Anche le scorte di cibo sono colpite, quando le ondate di calore e le inondazioni minacciano di distruggere vaste aree di terreno coltivabile e distruggere l’agricoltura. Soprattutto nei paesi poveri e neocoloniali, dove questa è già diventata una triste realtà.
Oltre agli effetti di tutto ciò sugli esseri umani, l’intero ecosistema è naturalmente influenzato negativamente. La vita animale e vegetale è stata spazzata via a causa di fenomeni meteorologici estremi. Il rapporto mostra (e di fatto) che gli eventi meteorologici estremi non sono diretti a parti specifiche della Terra, ma piuttosto cose come gravi siccità, peggiori ondate di calore e piogge torrenziali appaiono in tutto il mondo.

READ  Le banche svedesi contribuiscono alla rovina

Il rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change mostra che Le ondate di calore estremo sono 2,8 volte più comuni che senza riscaldamento (quindi le ondate di calore si verificano una volta ogni dieci anni, secondo il rapporto). Lo stesso vale per le forti piogge e la siccità che colpiscono l’agricoltura, che aumentano rispettivamente di 1,3 e 1,7 volte.
Anche i cicloni tropicali si sono intensificati e intensificati negli ultimi dieci anni, causando ingenti danni alle infrastrutture e agli ecosistemi. A DN il 9 agosto, il ricercatore climatico Markku Rummukainen, che è anche rappresentante della Svezia presso l’IPCC, ha dichiarato:
I cambiamenti attuali sono molto ampi e rapidi nel sistema climatico. In molti casi, la controparte è troppo lontana nel tempo. La relazione tra cambiamento climatico e condizioni meteorologiche estreme è molto più forte rispetto ai rapporti precedenti.

Il riscaldamento globale

Rispetto agli anni ’90, il ghiaccio e i ghiacciai del mondo si stanno sciogliendo quattro volte più velocemente (Immagine: Creative Commons).

La temperatura media del pianeta Lo afferma il Rapporto sul clima del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC). Fa molto più caldo ora di quanto non fosse più di 100.000 anni fa!
Dal 2013, la temperatura media globale è aumentata di 0,2°C, fino a 1,1°C rispetto all’inizio della Rivoluzione Industriale a metà del XVIII secolo. Il riscaldamento sta accelerando nell’emisfero settentrionale. In Svezia, ad esempio, abbiamo visto le temperature regionali aumentare di circa due gradi.
Non c’è dubbio che sono le emissioni di gas serra degli “umani” che stanno creando grandi cambiamenti nel clima.

Ma raddoppia il rapporto In particolare il concetto di “uomo”. Invece, dovrebbe essere scritto come “la ricerca sempre più intensa di profitti sempre crescenti da parte di grandi società e nazioni”.
È impossibile sottolineare abbastanza che la ricerca del profitto da parte del sistema capitalista e la sua visione delle risorse naturali come fonte inesauribile di ricchezza sono responsabili della grave crisi climatica che tutti noi affrontiamo. Le compagnie petrolifere, altre grandi compagnie e i politici aumenteranno solo le emissioni. La lotta per la minaccia esistenziale della crisi climatica è combattere il sistema economico.

Il Rapporto sul clima continua a dire Che circa la metà delle emissioni, stimate in 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica all’anno, sono associate a pozzi naturali di carbonio, come le foreste della Terra e le regioni oceaniche.
Ma la massiccia distruzione delle foreste pluviali e di altre foreste rilascia grandi quantità di anidride carbonica e la sua funzione di pozzo di carbonio scompare. Con gli sviluppi attuali, la Terra sarà in grado di ridurre le emissioni di anidride carbonica, rilasciandone allo stesso tempo sempre di più.
La combustione di combustibili fossili – petrolio, carbone, ecc. – sta riscaldando il pianeta. Ma la verità è che il “Sommario dei responsabili della politica” dell’IPCC non menziona le parole petrolio, combustibili fossili o società, ma usa solo termini come “emissioni provocate dall’uomo”.

READ  L'Inter prova a fermare un'intera gara dopo Lukaku

Indipendentemente da ciò, hanno un grande Le società energetiche e i paesi del mondo non hanno in programma di adottare misure efficaci per ridurre le emissioni. Non sono state prese misure significative dall’accordo di Parigi del 2015, solo impegni climatici “volontari” e “determinati a livello nazionale” molto limitati.
E la strategia comune per il clima dell’UE adottata quest’anno è lungi dall’essere sufficiente e i suoi strumenti non sono abbastanza efficaci. Si affidano a soluzioni di mercato condannate, come rendere più costose le emissioni di anidride carbonica e imporre tasse più elevate sui combustibili fossili, nonché una forte attenzione allo “scambio di emissioni”. Le aziende permetteranno alle famiglie lavoratrici e ai poveri di pagare. Il programma dell’UE mira anche a avvantaggiare le sue grandi aziende rispetto ai concorrenti al di fuori dell’UE.
Il Trex con i dati sulle emissioni tramite lo scambio di emissioni potrebbe sembrare buono sulla carta, ma non riduce le emissioni quanto necessario. Le nazioni del G-20, da parte loro, non hanno nemmeno potuto accettare di eliminare gradualmente l’energia dal carbone durante il loro ultimo vertice. Non è possibile certificare che la Fondazione abbia raggiunto accordi sul clima veramente vincolanti ed efficaci alla COP26 di Glasgow.

“La maggior parte delle calotte glaciali e dei ghiacciai” si stanno sciogliendo sempre più velocemente.

Contenuto di anidride carbonica nell’atmosfera Rosa in continuazione. Ora è di 410 parti per milione (ppm), rispetto alle 391 parti per milione dell’ultimo rapporto sul clima del 2013. Il contenuto è “più alto di quanto non fosse due milioni di anni fa”, riassume tristemente il rapporto.
E per una “probabilità del 67%” di raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi, potrebbero essere emessi solo 400 miliardi di tonnellate di anidride carbonica. Tuttavia, questa cifra risale all’inizio del 2020; Ciò significa che mancano solo 7-8 anni dall’attuale livello di emissioni prima che il “bilancio del carbonio” si esaurisca.
Un ulteriore effetto del riscaldamento globale è l’innalzamento del livello del mare e lo scioglimento dei ghiacci. Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici afferma: “Quasi tutte le calotte glaciali e i ghiacciai interni si stanno sciogliendo sempre più velocemente, e questa è anche la principale causa dell’innalzamento del livello del mare a livello globale. Rispetto agli anni ’90, il ghiaccio e i ghiacciai del mondo si stanno sciogliendo quattro volte più velocemente , e i poli stanno rischiando Il Nord potrebbe diventare completamente libero dai ghiacci “almeno qualche volta” prima del 2050.
Se si fosse verificato lo scenario più ottimistico e la temperatura globale media fosse scesa a soli 1,5 gradi, il livello del mare avrebbe potuto aumentare di mezzo metro fino a raggiungere il 2100. Ma gli oceani stanno reagendo lentamente ai cambiamenti di temperatura; Nel 2300 potrebbe essersi alzato di tre metri.
L’innalzamento del livello del mare è triplicato negli ultimi 10 anni e in totale il mare è aumentato di 20 cm tra il 1901 e il 2018. I calcoli del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici mostrano che il mare sta ora aumentando di 3,7 mm all’anno.

READ  La politica relativa alle auto verdi è stata volatile

Come fermare gli scenari da incubo?

Le emissioni dovrebbero essere ridotte a Zero intorno al 2050 per qualsiasi possibilità, secondo il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici. Ma non vediamo l’ora: sono necessari cambiamenti grandi e di vasta portata, ora. Siamo già pericolosamente vicini ad attraversare diversi punti critici che, se attraversati, diventeranno irreversibili a causa dell’accelerazione del riscaldamento globale, come lo scongelamento del permafrost o la deforestazione dell’Amazzonia.
Nella scorsa settimana, ci sono stati anche nuovi rapporti di allarme secondo cui la Corrente del Golfo rischia di defluire nei prossimi decenni. In Svezia, di conseguenza, la temperatura diminuirà drasticamente, per non parlare degli effetti negativi sulla vita marina e sull’ecosistema in tutto l’Atlantico e nelle aree circostanti.
Scenari terrificanti con aumento delle emissioni, che porteranno ad un aumento della temperatura media globale di 3-5 gradi e ad un innalzamento del livello del mare di diversi metri nei prossimi decenni, sono quasi garantiti a meno che il capitalismo come sistema non venga sostituito da un sistema socialdemocratico, in quale sistema produttivo, distributivo e economico L’intero schema si basa sui bisogni delle persone e dell’ambiente sotto il controllo democratico e il governo dal basso.
Ciò richiede un movimento rivoluzionario di massa contro il potere economico e contro il capitalismo. Il movimento per il clima, i sindacati e le organizzazioni popolari hanno bisogno di un’organizzazione democratica e di un programma socialista.

Vuoi aiutare? Il Partito Socialisti Attacco e Giustizia ha bisogno del tuo sostegno!

La crisi del coronavirus è stata duramente colpita sia dalla crisi sanitaria che dalla crisi economica. Centinaia di migliaia vengono gettati nella disoccupazione e nell’insicurezza, mentre la politica di destra ha lasciato l’assistenza sanitaria, l’assistenza agli anziani e la società in generale altamente vulnerabili alla pandemia.

Ora più che mai è necessaria una voce che difenda i diritti dei lavoratori, chieda maggiore benessere e posti di lavoro più sicuri piuttosto che deteriorare la sicurezza del lavoro, continui tagli e affitti di mercato. che fornisce un’alternativa socialista alle lamentele del capitalismo, alla crisi climatica, alla guerra e ai disastri dei rifugiati.

Sostieni il nostro lavoro: Swisha qualsiasi importo a 123 311 40 48. Se desideri essere coinvolto ulteriormente, ci sono ulteriori informazioni. quaggiù!