TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il chip nel corpo di Han apre le porte e misura la sua salute

Il chip nel corpo di Han apre le porte e misura la sua salute

Hannes Sapiens Sjöblad si asciuga il petto con il cellulare che squilla velocemente e visualizza i numeri sullo schermo. Il minuscolo cuscinetto di riso che assomiglia a un chicco di riso piantato sotto la pelle del suo petto ha risposto misurando la sua temperatura attuale e inviandola a un’app per telefono cellulare. Hannes Sapiens Sjöblad lo descrive come un termometro compatto.

La nostra visione con questa tecnologia è creare un nuovo organo per il corpo umano e risolvere i problemi, afferma Hannes Sapiens Sjöblad.

Hannes Sapiens Sjöblad si definisce un ottimista tecnologico.

Foto: Anita Zava

Questa diapositiva non esiste mercato ancora, ma Hannes Sapiens Sjöblad e i colleghi della startup Dsruptive mirano a portare la tecnologia al pubblico e per ora gli impianti sono in fase di sperimentazione con ricercatori e aziende. Oltre alla temperatura, l’azienda spera anche di essere in grado di misurare fattori come la frequenza cardiaca e l’ossigeno nel sangue per fornire all’utente informazioni sulla propria salute e su eventuali malattie.

– Il chip non è molto diverso da un normale braccialetto o orologio che misura i passi e la frequenza cardiaca e tutte le informazioni vengono salvate nel telefono cellulare, il principio è lo stesso, spiega Hannes Sapiens Sjöblad.

Questo tipo di iniziativa tende a suscitare grande entusiasmo e interesse in alcuni mentre altri recedono in puro orrore all’idea di osservazione e integrità personale.

Hannes Sapiens Sjöblad mostra uno dei suoi impianti.

Hannes Sapiens Sjöblad mostra uno dei suoi impianti.

Foto: Anita Zava

Non ci sono molti dubbi su quale parte stia Hannes Sapiens Siobled. Si descrive come un ottimista tecnologico che esplora come le nuove innovazioni influenzano la vita delle persone. Lui è il cosiddetto biohacking e vuole migliorare il suo corpo con l’aiuto della tecnologia. Ci incontriamo all’Epicenter Innovation House, dove da qualche anno ha il titolo di “Chief Chaos Officer”, il che significa che è la persona che guida e crea nuove iniziative. Epicenter in realtà ha iniziato diversi anni fa organizzando feste in cui craccano impianti alle persone che consentono di aprire le porte con la tecnologia.

Hannes Sapiens Sjöblad Appare sulla mano dove si trova il “chip chiave” e poi procede fino all’avambraccio dove scansiona un terzo impianto utilizzando un telefono cellulare. Nella casella compare il suo profilo digitale personale con informazioni sulla sua carriera, sui social media e sui canali di comunicazione. Qui conserva anche il suo passaporto per i vaccini. In altre parole, con questa soluzione, puoi buttare nel cestino il classico biglietto da visita. Una persona può utilizzare il proprio telefono cellulare per leggere il braccio di chi lo indossa e accedere alle informazioni, che possono essere utili in caso di emergenza, ad esempio. Tuttavia, solo lo stesso Hannes Sapiens Sjöblad può accedere ai dati sanitari dell’impianto che misura la sua temperatura.

Almeno questa è l’idea, ma sarebbe ingenuo non mettere in discussione questo tipo di innovazione in un momento in cui la questione dei dati personali è di grande importanza e si alternano scandali informatici. Soluzioni di questo tipo possono interessare sia gli Stati che gli attori privati ​​e le aziende.

Hannes Sapiens Sjöblad afferma di non poter davvero vedere i vantaggi del furto dei dati sulla temperatura delle persone, ma concorda sul fatto che c’è ovviamente una minaccia poiché raccogliamo sempre più dati.

– Se, ad esempio, misuri la frequenza cardiaca E qualcuno “intercetta” il mio chip, può dire se sono nervoso, ho una fibrillazione o qualcosa del genere. Sono dichiarazioni che in un ipotetico scenario potrebbero essere rivolte contro di me, ad esempio un datore di lavoro che vuole licenziarmi prima che inizi l’assicurazione sanitaria.

Allo stesso tempo, aggiunge, l’impianto è difficile da raggiungere perché è a corto raggio e non invia nessuno dei suoi segnali. Manca di batterie e si attiva e invia i dati a un’app quando la attivi trascinandoci sopra il cellulare. Quindi potrebbe esserci il rischio che qualcuno possa accedere ai dati tramite il tuo telefono cellulare.

La diapositiva viene inserita tramite un foro in studio.

La diapositiva viene inserita tramite un foro in studio.

Foto: Anita Zava

Oggi ce n’è in abbondanza Una delle app sul mercato che ci aiuta a misurare la nostra salute. La capacità di misurare le temperature è un’area importante di applicazioni che lavorano con la fertilità. Ad esempio, la società svedese Natural Cycles, fondata dalla ricercatrice Elina Berglund, ha creato un’app che misura le temperature per mappare i cicli di fertilità delle donne al fine di prevenire e facilitare la gravidanza. L’idea di base è che l’utente debba misurare quotidianamente la propria temperatura con un termometro e trasferire i dati in un’app. Questo è qualcosa che pone delle esigenze all’utente e ora la responsabilità è sempre più attribuita alla tecnologia poiché l’app sviluppa le proprie soluzioni mobili che misureranno le temperature degli utenti e le riferiranno automaticamente all’app.

Il prossimo passo nello sviluppo potrebbe essere che non devi nemmeno portare questo tipo di tecnologia, ma solo un chip all’interno del tuo corpo. Questa è anche una tecnologia che può essere utilizzata per misurare e ricercare malattie, come il riscaldamento in gruppi più grandi in relazione alle epidemie. Hannes Sapiens Sjöblad afferma che l’azienda deve garantire che il suo processo di produzione sia certificato e quindi prevede di lanciarlo. L’elenco dei proprietari di Dsruptive include la società danese Nordic Group, attiva nel settore sanitario.

Il rapido sviluppo solleva anche domande su chi e chi ha accesso alle nuove tecnologie e informazioni. Attualmente, questo tipo di impianto costa diverse migliaia per l’acquisto.

– Lo sviluppo è spesso lento all’inizio con una tecnologia costosa e scadente, poi gradualmente diventa migliore e più economico, i telefoni cellulari ne sono un buon esempio. Ci stiamo muovendo verso un mondo in cui anche coloro che in precedenza non avevano accesso alle cose ora lo ottengono attraverso il digitale.

Non importa cosa ti piace del nuovo, idee tecniche un po’ folli, è impossibile trascurare il fatto che lo sviluppo procede a ritmo sostenuto. Oggi, i giganti dei social media come Facebook e Google sono una parte normale della vita quotidiana di molte persone e le app di ogni tipo tendono a stringere il pugno di ferro intorno a noi.

Questi sono sistemi incredibilmente complessi che sono abili nel manipolare noi e i nostri comportamenti. La tecnologia stessa è di conseguenza neutrale nella sua esistenza. Puoi usare il martello per costruire una casa o colpire qualcuno in testa, e Facebook può connettere persone in tutto il mondo ma anche iniziare la persecuzione. Alla fine, afferma Hannes Sapiens Sjöblad, sono gli utenti e i meccanismi di protezione che costruiamo a decidere.

Professore Associato Moa Petersen Ha conseguito il dottorato di ricerca in culture digitali presso l’Università di Lund e, tra le altre cose, è autrice del libro The Swedish Microchip Phenomenon, pubblicato nel 2019, in cui ha studiato la tendenza con i microchip. Moa Petersén afferma che molti utenti con cui ha parlato all’epoca avevano riscontrato che il chip era limitato nelle aree di utilizzo e lo consideravano invece come un inizio di conversazione divertente da mostrare agli altri.

Moa Petersén dice che sta perseguendo lo sviluppo di microchip, ma è titubante su quanto saranno effettivamente utili. Da un punto di vista medico, il chip potrebbe essere utilizzato, ad esempio, per raccogliere e analizzare i dati sulle malattie, ma la raccolta di grandi quantità di dati da un’ampia popolazione potrebbe entrare in conflitto con il concentrarsi sulla sicurezza di un individuo.

– Non riesco ancora a vedere l’innovazione in esso, è ancora lo stesso tipo di chip che dovrebbe essere letto allo stesso modo attraverso un lettore esterno. Capisco che potrebbe aiutare con la ricerca ed essere utile per le persone che vogliono monitorare la malattia, ma non capisco come dovrebbe funzionare per il bene più grande, dice Moa Petersén.

Moa Petersen.

Moa Petersen.

Foto: Christian Petersen

Dice che la Svezia in generale è un paese molto ottimista quando si tratta di nuove tecnologie, sia in termini di innovazioni, nuove politiche che di utilizzo della popolazione.

Non abbiamo motivo di non fidarci della tecnologia perché è andato così bene per noi investire in tecnologia e ci stiamo godendo il suo forte acquisto. Ma consentendo alla tecnologia di prendere sempre più il sopravvento, c’è il rischio che stiamo assumendo un modo di pensare politico o ideologico senza effettivamente scegliere in modo efficace, avverte Moa Petersén.

Sottolinea che è importante essere consapevoli delle idee che potrebbero essere alla base della nuova tecnologia.

– È importante valutare qui la prospettiva del transumanesimo, poiché è stato identificato come un’ideologia basata sul fatto che ci deve essere una parte dell’umanità che è stata migliorata e un’altra parte che non lo è, dice Moa Petersén e continua;

Esiste già l’esclusione digitale nella società con gruppi che non sono accettati nel sistema tecnico, come i poveri che non hanno accesso ai telefoni cellulari o a un’identità digitale.

READ  Il successo della casa di moda di lusso: vendite quasi doppie