TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il CEO di Activision Blizzard si è dimesso

Il CEO di Activision Blizzard si è dimesso

Secondo i rapporti, alla fine di luglio, più di 2.000 dipendenti del gigante dei giochi Activision Blizzard hanno firmato una lettera aperta al management. Bloomberg. Questo dopo un’indagine di due anni da parte del California State Office of Fair Employment Terms (DFEH) ha mostrato che le donne e le minoranze ricevono salari e condizioni inferiori e sono soggette a molestie, ed è stata intentata una causa.

Nella lettera, il personale ha chiesto Cambiamenti all’interno delle aziende e richieste avanzate dopo che la direzione ha respinto per la prima volta l’indagine per non essere stata sufficientemente approfondita. Ma ora, dopo settimane di curiosare intorno al gigante dei giochi, uno dei CEO della sua sussidiaria Blizzard Entertainment, J Allen Brack, si è dimesso. Lo annuncia l’azienda in un comunicato.

Blizzard Entertainment è stata al centro di gran parte delle critiche del gruppo. J Allen Brack sostituirà Jen Oneal e Mike Ybarra, che lavoreranno per “accelerare il ritmo del cambiamento” e creare “il posto di lavoro più sicuro e accogliente per le donne, persone di ogni genere, razza, orientamento sessuale o background”, afferma una stampa pubblicazione.

Dopo i risultati delle indagini Si è saputo e nell’ultimo mese diversi dipendenti hanno testimoniato sulle molestie e sulla mancanza di condizioni di lavoro. Ho menzionato questo fine settimana vice Un dipendente ha filmato di nascosto i colleghi nei bagni del posto di lavoro. In una causa contro il gigante dei giochi che Il New York Times Ha partecipato alla conferenza e diverse dipendenti donne hanno testimoniato su commenti offensivi, aggressioni sessuali e condizioni di disparità.

Activision Blizzards VD Bobby Cutick.

Foto: Javier Rojas/PI/TT

“È imperativo che siamo consapevoli di tutti i punti di vista e delle esperienze e rispettiamo i sentimenti di coloro che sono stati trattati male in qualche modo. Mi dispiace che non abbiamo offerto la giusta empatia e comprensione”, ha scritto il CEO di Activision Blizzard Bobby Kotik in un dichiarazione della scorsa settimana in cui si è anche scusato per il rigetto delle accuse.

Si affermava nel comunicato Che l’azienda intende adottare misure per apportare cambiamenti ai dipendenti, tra le altre cose coinvolgendo uno studio legale che esaminerà le linee guida dell’azienda.

Activision Blizzard è dietro a giochi di successo come “World of Warcraft”, “Call of duty” e “Overwatch”.

Leggi di più:

Netflix fa il primo passo verso i videogiochi

Regina svedese dei giochi per computer: essere un nerd è figo

READ  L'ingiustizia economica guida il traffico di specie selvatiche