TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il canto degli uccelli credeva nelle vele per l’esplorazione dello spazio

La sonda più veloce della NASA impiega 18.000 anni per raggiungere Alpha Centauri. Ma una vela solare alimentata a laser potrebbe andare lontano in 20 anni. “Solo in teoria, non vedo alcun problema”, dice Krister Vogelsang a Lee Technic.

Le tre stelle di Alfa Centauri sono i nostri vicini più prossimi. Finora, solo la nana rossa Proxima Centauri ha un esopianeta confermato, ma ci sono speranze che i soleggiati Alpha Centauri A e B possano avere pianeti rocciosi all’interno della zona abitabile.

Nel novembre 2021, Breakthrough Initiatives ha presentato un lavoro su TOLIMAN (Telescope for Observing Orbital Interferometry in Our Astronomical Neighborhood). Un telescopio spaziale la cui missione è cercare i pianeti rocciosi intorno ad Alpha Centauri. Il progetto, iniziato ad aprile, è gestito congiuntamente dalla NASA JPL, dall’Università di Sydney e da Sabre Aeronautics, con il finanziamento dello stato australiano.

TOLIMAN è un telescopio spaziale la cui missione è specificamente quella di cercare pianeti rocciosi nella zona abitabile intorno alle stelle di Alfa Centauri. Immagine: iniziative di hacking

Tuttavia, le osservazioni possono provenire da un’altra direzione. Il giorno di Natale, la NASA ha lanciato il telescopio James Webb. I quattro strumenti a bordo, tra le altre cose, forniranno immagini chiare di galassie lontane dall’infanzia dell’universo, ma il telescopio è anche progettato per esplorare il nostro sistema solare e dovrebbe essere in grado di rispondere alla domanda sui potenziali esopianeti intorno ad Alpha Centauri .

La distanza dalle tre stelle è di circa 4,3 anni luce. Attualmente il veicolo spaziale più veloce sulla Terra è la sonda DART (Dual Asteroid Redirection Test) della NASA, il cui motore a ioni fornisce una velocità di 24.000 km/h. A questa velocità, secondo interessanti rapporti di ingegneria, ci vorrebbero 18.000 anni per raggiungere Alfa Centauri.

20 percento della velocità della luce

Già nel 2016, Breakthrough Initiatives ha introdotto l’idea di Breakthrough Starshot, in cui un veicolo a vela assistito da laser a terra può raggiungere fino al 20% della velocità della luce. A questa velocità, ci vogliono 20 anni per arrivare ad Alfa Centauri.

Durante l’estate, i ricercatori dell’Australian National University hanno sviluppato un progetto di spinta e hanno stimato che sarebbero stati necessari 100 gigawatt, che ora si tradurranno in 100 milioni di laser. Tuttavia, l’università si riserva il diritto di presumere che l’intero progetto presuppone progressi in diverse aree della tecnologia.

Christer Fuglesang di KTH lavora personalmente al progetto della vela solare, per bloccare la luce solare. Foto: Tommy Hall/TT

Christer Fuglesang, professore di spazio al KTH, vede che in teoria non ci sono problemi con il concetto, ma ci sono sfide tecniche su più livelli. Si tratta, ovviamente, di costruire un sistema laser per fornire accelerazione, ma anche di creare una tecnologia che si adatti a una piccola automobile ma che allo stesso tempo possa raccogliere e trasmettere dati. La sfida più grande con la vela è produrre un materiale in grado di gestire l’enorme energia iniziale durante la fase di accelerazione.

Lavorando su questo concetto, probabilmente troverai molti nuovi usi. Vedremo cosa succederà alla fine, ma penso che sia molto eccitante, dice Krister Vogelsang a Lee Technic.

Milioni di paracadute nello spazio

Crede che la navigazione solare abbia un grande potenziale per vari usi in futuro. Fuglesang sta ora esaminando un progetto per utilizzare una vela solare per creare possibilmente milioni di paracadute nello spazio, tra il sole e la Terra, come un modo per frenare l’aumento della temperatura sulla Terra.

Bloccano la luce solare, ma solo una piccola parte di essa. Stiamo parlando di mezzo percento di luce solare, che ridurrebbe la temperatura di circa un grado, dice.

Il luogo è il cosiddetto Punto Lagrangiano 1 dove la gravità della Terra e del Sole si scontrano. L’idea è di usare la luce del sole per andare lì e mantenere la posizione del baldacchino.

Simulazione di una foto che Toliman fa all’Alfa Centauri. Immagine: iniziative di hacking

Gli astronomi hanno notato, tra l’altro, quello che potrebbe essere un interessante esopianeta intorno ad Alpha Centauri A, ma per il nostro astronauta non è necessario con risultati così entusiasmanti stimolare una sonda del sistema.

– Soprattutto, l’intera cosa in sé e per sé, essere in grado di inviare qualcosa a un’altra stella e anche ottenere dati da essa, è una cosa incredibilmente grande. Se ti capita di individuare l’uno o l’altro, dice Christer Vogelsang, sì, diventa ancora più eccitante.

READ  Articoli più popolari del 2021: ecco i preferiti dei nostri lettori