TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I tagli al gas aumentano i prezzi dell’elettricità in Svezia

La Russia alla fine ha fatto ciò che molti temevano, ma altri non credevano sarebbe successo: hanno interrotto le spedizioni di gas naturale in Polonia e Bulgaria quando questi paesi si sono rifiutati di pagare i rubli richiesti dai russi.

Il prezzo del gas naturale è subito salito all’Amsterdam Commodity Exchange. Il gas è uno dei tanti input per la produzione di elettricità ed energia in Europa e, trattandosi di un mercato integrato, gli aumenti dei prezzi di una parte della produzione possono influenzare tutti i prezzi dell’elettricità.

Non risposto La domanda è cosa accadrà a lungo termine con il prezzo del gas e il prezzo dell’elettricità in Europa.

– Se guardi in isolamento dal mercato del gas, ovviamente, a parità di condizioni, il prezzo del gas aumenterà quando c’è meno gas dalla Russia, afferma Thina Saltvedt, analista capo di Nordea ed esperta di mercati del petrolio e del gas.

– Ma potrebbero esserci altri fattori che influenzano nella direzione opposta, ha detto.

È qui che va il gas russo

Distribuzione del gas russo esportato nell’Unione Europea *

È qui che va il gas russo

* Compresi i grafici per il Regno Unito: DN Fonte: Eurostat

Il fattore più importante è che ci stiamo dirigendo verso l’estate quando il caldo fa diminuire la domanda di elettricità. Ciò significa che non è affatto sicuro che i prezzi dell’elettricità aumenteranno, come temevano gli esperti due mesi fa, quando l’inverno era ancora in corso.

Altri fattori che possono entrare in conflitto con il fatto che il prezzo più alto del gas si traduce in un aumento generale dei prezzi dell’energia elettrica sono le condizioni meteorologiche. Se soffia di più, la produzione di energia eolica aumenta e quando la neve inizia a sciogliersi sulla catena montuosa, anche i serbatoi d’acqua si riempiono.

READ  Lac alza il prezzo del petrolio - Dagens PS
Rebecca Bergholtz, analista dell'Agenzia svedese per l'energia.

Rebecca Bergholtz, analista dell’Agenzia svedese per l’energia.

Foto: Agenzia svedese per l’energia

Quando è stata la guerra in Ucraina A fine febbraio, il prezzo del gas e del petrolio è fortemente aumentato come prima reazione. Tuttavia, da allora qualcosa è scivolato e Saltvedt pensa che qualcosa di simile accadrà questa volta.

– Ma a quale livello il prezzo si stabilizzerà a lungo termine, non sappiamo, ha detto.

– La Polonia ha affermato che la sospensione non colpisce molto il paese. Hanno strati riempiti. Aggiunge che può aiutare a stabilizzare i prezzi in una certa misura.

Rebecca Bergholtz si riferisce ad esso Che sia la Polonia che la Bulgaria si sono preparate a chiudere il gas.

– In particolare, la Polonia ha cercato per diversi anni di diversificare rispetto al gas naturale russo, afferma.

La Polonia ha investito in terminali che possono ricevere GNL dalle navi. Il paese ha anche firmato contratti a lungo termine con fornitori di GNL statunitensi.

Ma Bergoltz vede la pausa della Russia come un’indicazione che il governo del paese può andare avanti così come chiudere il rubinetto a Germania e Italia, due dei maggiori acquirenti di gas naturale russo.

La Russia ha mantenuto i suoi contratti per molti anni, anche dopo l’annessione della Crimea. E questo ora dimostra che la Russia è pronta a non essere la risorsa stabile in cui il Paese ha sempre voluto distinguersi, ha affermato.

Paesi più dipendenti dal gas russo

La quota del mix energetico di ciascun paese del gas russo importato *

Paesi più dipendenti dal gas russo

* Mancano i dati per Grecia, Gran Bretagna e Svezia. Le cifre sono state stimate utilizzando i dati per il gas importato 2021 (ENTSO-G) e il gas consumato 2020 (Eurostat). Grafica: DN Fonte: Eurostat

fermata del gas a un Paese come la Germania, secondo Bergoltz, che “l’Europa intera deve agire” per affrontare quella crisi. In una precedente intervista con DN, ho chiarito che potrebbe esserci un problema di legalizzazione.

Ma la situazione non è così grave finora: non c’è carenza di gas in Europa.

– In questo momento il mercato sta affrontando questa interruzione, ma ovviamente si riflette nei prezzi, afferma Bergholtz.

– La grande domanda è come sarà possibile, senza il gas russo, accumulare scorte prima dell’autunno e dell’inverno, aggiunge.

e deve Accade o accade. La Commissione Europea ha invitato gli Stati membri a garantire che le loro riserve di gas siano riempite almeno per l’80% entro il 1° novembre. Questo è molto più di quanto non avvenga di solito prima dell’inverno.

– Questo gas deve essere riempito ora. Ciò significa che la domanda potrebbe non diminuire durante l’estate come siamo abituati a vedere, avverte Bergoltz.

Thena Saltvedt, analista senior, Nordea.

Thena Saltvedt, analista senior, Nordea.

Foto: Nordea

Un’altra domanda Questo è quanto a lungo la Russia può mantenere il suo rifiuto di fornire gas.

– È un’ottima domanda. Thina Saltvedt afferma che la Russia dipende fortemente dalle entrate che il paese riceve dai paesi dell’UE

I tubi attraverso i quali scorre il gas sono a posto. A differenza del petrolio, non è facile spedire gas ad altri clienti. La Russia non ha abbastanza terminali GNL o navi dedicate per trasportare GNL ad altri clienti

– L’espansione dei gasdotti verso la Cina richiede molto tempo e costa molto, afferma Saltvedt.