TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I satelliti renderanno la luna più comoda

I futuri viaggiatori non dovrebbero inciampare sulla luna a caso. Pertanto, il corpo celeste deve essere dotato di un proprio sistema di navigazione satellitare. Annuncia l’Agenzia spaziale europea ESA.

Secondo le organizzazioni spaziali ESA e NASA, dovrebbe essere più facile trovare la persona giusta per chi va sulla luna. Galleria fotografica.immagine: Liz serud / TT

Nei prossimi anni sono previste numerose nuove esplorazioni sulla luna. A partire dal prossimo anno, ad esempio, Giappone, Cina, India, Russia ed Emirati Arabi Uniti hanno in programma di lanciare lander lunari e veicoli spaziali per esplorare le montagne e le valli del corpo celeste in vari progetti. E nel 2024, la NASA prevede di nuovo, per la prima volta in più di 50 anni, di consentire agli astronauti di camminare sulla superficie della Luna.

Un po ‘più tardi, ci sono anche piani per creare una base lunare permanente. Quindi ora è il momento di abbellire l’infrastruttura digitale della luna, secondo l’Agenzia spaziale europea e la NASA.

Oggi, i viaggiatori lunari si affidano ai segnali di grandi e costose reti di antenne sulla Terra per arrivare nel posto giusto. Per coloro che sono abituati a inserire solo un indirizzo nel telefono, è una procedura incomprensibilmente lenta, che produce anche un risultato un po ‘traballante. Invece di essere precisi fino a pochi metri, una persona che atterrasse sulla luna potrebbe essere grata se il sito non deviasse per più di pochi chilometri.

Pertanto, l’Agenzia spaziale europea e la NASA hanno incaricato due consorzi di sviluppare piani su come equipaggiare la luna con la propria rete di satelliti.

“Un sistema di navigazione e comunicazione robusto e affidabile renderà dozzine di missioni lunari pianificate più convenienti e consentirà a paesi ancora più piccoli di diventare nazioni per i viaggi spaziali che ispirano le future generazioni di scienziati e ingegneri”, ha affermato Elodi Viau dell’Agenzia spaziale europea.

READ  Zen 3 con 3D V-Cache è pronto per affrontare Intel Alder Lake

Oltre a facilitare la navigazione, i satelliti consentiranno di inviare grandi quantità di informazioni più velocemente di oggi, ad esempio dal retro della luna. Il rapporto è così brutto che l’astronauta americano Michael Collins si sentì “solo in un modo mai visto prima sulla Terra” quando, nel 1969, ruotò attorno alle rivoluzioni intorno alla luna, aspettando che i compagni di viaggio Neil Armstrong e Buzz Aldrin tornassero dal volo lungo la superficie del corpo celeste.

Secondo l’Agenzia spaziale europea e la NASA, questo non dovrebbe essere il caso quando ci si trova sulla o vicino alla luna.

“Adesso siamo tutti abituati alle videoconferenze. Chissà, forse potremo usare Skype dalla Luna”, dice Elodi Viau.

Allo stato attuale dei piani, i satelliti potrebbero essere operativi entro la fine di questo decennio.

Realtà

L’uomo e la luna

La prima cosa che gli umani hanno fatto per raggiungere la luna è stata la Luna 2 sovietica, che è atterrata nel 1959.

Nel 1969, l’Apollo 11 sbarcò sulla luna e l’americano Neil Armstrong divenne il primo uomo a mettere piede sulla luna.

La Cina ha fatto il suo primo atterraggio lunare nel 2013. Nel gennaio 2019, la navicella spaziale Chang’e-4 è atterrata sulla superficie lunare, qualcosa che nessun paese aveva raggiunto con successo prima.

Alcuni altri paesi, tra cui Giappone e India, hanno tentato di inviare veicoli spaziali sulla luna.