TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I resti umani di 2000 anni sono i meglio conservati di sempre

I resti umani di 2000 anni sono i meglio conservati di sempre

I capelli, un orecchio in parte visibile e in parte i resti mummificati di un ex schiavo che è avanzato nelle classi sociali, sono stati trovati nell’antica città romana di Pompei, secondo i rapporti. guardiano.

Le spoglie di Marco Vinerius Secondo sono state ritrovate in un cimitero vicino al cimitero di Porta Sarno, che era una delle principali porte della città. Si ritiene che la tomba risalga ai decenni prima che Pompei fosse distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Il risultato è descritto Come i migliori resti umani mai scoperti a Pompei. I primi test mostrano che è morto a poco più di 60 anni. La tomba ha una facciata decorata con piante verdi su fondo azzurro e una camera sepolcrale.

Gli archeologi hanno detto che il ritrovamento era insolito perché i morti venivano cremati in epoca romana. Nella tomba è stata rinvenuta anche una lastra di vetro recante il nome di una donna di nome Novia Amabilis, che potrebbe essere stata la moglie di Seccondio.

“Pompei non finisce mai di stupire”, ha detto il ministro della Cultura Dario Franceschini.

dopo averlo modificato Dalla schiavitù, Marco Vinerio Secondo entrò a far parte degli Augustales, un collegio di sacerdoti responsabili di una forma di culto imperiale. Il fatto che sia stato sepolto in una tomba dimostra che è riuscito a raggiungere una buona posizione sociale ed economica.

Gli archeologi hanno anche scoperto un’iscrizione dedicata a Secundio su una lastra di marmo attaccata alla tomba. L’iscrizione si riferisce a rappresentazioni teatrali avvenute in lingua greca.

Questa è stata “la prima chiara testimonianza di spettacoli a Pompei in greco”, ha affermato Gabriel Zustregel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, e “la prova del vivace clima culturale e dell’apertura che caratterizzava l’antica Pompei”.

READ  Più paesi offrono agli anziani una terza dose del vaccino