TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I panini sono stati elogiati insieme a Maradona e Matthias

Nel 1989, Anders Limpar lasciò gli Swiss Young Boys per giocare nella Cromonese d’Italia. Per un secondo prese una decisione di cui non si pentì.

– Tutti vedono il talento disponibile in Svizzera. È andata bene come squadra, quindi venire in Italia non è stato così strano. Sono molto fortunato. Questo include Gullit, Rijcard e von Boston a Milano, Matthias, Klinsmann e Prem, Inter, Maradona, Kerka e Alemao a Napoli. Dovevo essere nell’ambiente in cui ero il miglior calciatore del mondo, era così surreale. Nonostante giocassi nella Cromonese, era una brutta squadra. Incontrare quelle stelle è stato un grande momento nella mia vita di giocatore di football.

Com’è stata l’inquadratura?
– C’erano degli spettatori incredibili in quel momento. C’erano gli stadi che ne presero 110.000, proprio come San Siro, dove c’era San Pavlo, e ne prese 110.000, l’Olympico ne prese 80.000… Era come essere un gladiatore all’epoca. Più grandi sono gli spalti, più grande è la folla. Non è qualcosa a cui sei abituato quando giochi contro il San Gallo o lo Zurigo.

La Cromonese è uscita dalla serie. Tuttavia, Limbaugh è stato selezionato come terzo miglior giocatore straniero di Lieber dopo Diego Maradona e Lothar Matthias.

– Sì, è pazzesco come sia andata bene lì. Ma non puoi essere troppo felice, perché siamo partiti. Abbiamo perso con la Juventus 0-3, ci siamo seduti negli spogliatoi ed ero davvero triste. Non sono mai uscito, ma a loro non importava molto, quei giocatori.

Perchè no?
– Erano contenti di esserci, non pensavano fosse vero giocare in Serie A. Tre persone della squadra hanno una buona carriera, tra cui un portiere, Giuseppe Powell e un portiere che è andato alla Lazio. Ma poi solo i giocatori che hanno fallito. Hanno schizzato per una stagione. Erano già stati attaccati in anticipo, credo. L’esperienza è stata divertente per loro.

READ  Rivela il secondo nome sconosciuto di Armand Dupland