TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eric Aussard sulla minaccia interna alla democrazia negli Stati Uniti.

Gli accademici americani sono felici di essere coinvolti in politica. Può trattarsi di partecipare a vari media, partecipare a manifestazioni, firmare lettere di protesta o candidarsi per un lavoro in un’amministrazione di cui ti piace la politica. Questo tipo di attività è spesso visto come un vantaggio nell’assegnazione di incarichi accademici, cosa che non sempre avviene in Svezia.

Alcuni dei miei amici americani hanno interrotto la loro carriera per lavorare periodicamente in varie posizioni in ministeri e agenzie governative. Un collega ha ottenuto un lavoro nella divisione pesante del budget della Casa Bianca e un altro è stato nominato ambasciatore dopo diversi tentativi. Quest’ultimo ha lavorato duramente con il senatore Gary Hart per diventare il candidato democratico alla presidenza nel 1988. Sembrava brillare per molto tempo, ma alla fine Hart è stato costretto a lasciare la campagna dopo aver rivelato la sua relazione con una giovane donna al di fuori del matrimonio. Il giudizio del collega è stato duro allora: “Se solo questo idiota fosse stato in grado di tirarsi su i pantaloni, avrei potuto ottenere un lavoro davvero eccezionale allora!”

Ricordo questi esempi quando ho letto la chiamata”dichiarazione di preoccupazionePiù di cento eminenti studiosi americani di democrazia hanno recentemente pubblicato, tra i firmatari nomi internazionali come Larry Bartels, Francis Fukuyama, Margaret Levy, Pippa Norris e Robert Putnam, che esprimono grave preoccupazione per il perdurare della democrazia nel Paese dopo le ultime elezioni presidenziali Tra le devastanti misure attuate o proposte negli stati a dominanza repubblicana per rendere più difficile il voto, si prevede che i cambiamenti colpiranno in particolare le minoranze e gli elettori più giovani.

READ  Il miliardario cinese Sun Dao è stato condannato a 18 anni di carcere

Secondo il Brennan Center Per la giustizia alla NYU Law School, 14 stati hanno emanato 22 nuove leggi con varie restrizioni di voto e molte altre sono in lavorazione. Di recente, i repubblicani del Texas hanno tentato di approvare una legge simile, che originariamente includeva anche restrizioni alla possibilità di votare in anticipo la domenica. È il giorno della settimana in cui le fila degli elettori neri colgono l’occasione per votare dopo aver visitato la chiesa, un’attività chiamata “anime alle urne”. Tuttavia, il voto non ha avuto luogo dopo che i Democratici hanno lasciato insieme la sala per protesta. Ma il governatore repubblicano ha promesso di chiamare i fedeli per far rispettare la legge. Tutto viene fatto in nome della tutela dell'”integrità elettorale”, nonostante le elezioni del 2020, secondo le autorità competenti, siano state le più sicure di sempre.

Vediamo un partito che si è messo in una psicosi collettiva. In Arizona si sta svolgendo un farsesco riconteggio dei voti in una circoscrizione che Joe Biden ha chiaramente vinto

In appello, gli scienziati politici hanno scritto che le leggi nel loro insieme stanno cambiando i sistemi politici in un numero crescente di stati in modo che non soddisfino più i requisiti minimi per elezioni libere ed eque. “Ecco perché la nostra intera democrazia è in pericolo ora”, dice. Parole grosse ma vere. Dopo che i repubblicani hanno perso il potere al Congresso e alla Casa Bianca, hanno concentrato le loro attività sugli stati, dove avevano una posizione forte. In molti stati uguali, il processo elettorale viene ora politicizzato dando alla maggioranza delle assemblee elette l’opportunità di rivedere i risultati elettorali. I deputati del partito affermano che la “purezza” e la “qualità” delle elezioni devono essere garantite, argomenti che ricordano la retorica dell’era dell’apartheid.

READ  Michael Winarsky: Putin è contento del vertice

vedere una festa che si mettono in una psicosi collettiva. In Arizona, in un collegio elettorale che Joe Biden ha chiaramente vinto, sta avvenendo un conteggio farsa dei voti. È stato commissionato dalla maggioranza repubblicana al Senato dello stato e ora sta ispirando altri stati a fare lo stesso. La stragrande maggioranza degli elettori del partito – fino al 70% in alcuni sondaggi – afferma di credere alle bugie di Donald Trump secondo cui ha vinto le elezioni e che l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio è stato effettuato da estremisti di sinistra, non da sostenitori di Trump. e suprematisti bianchi. La dirigenza del partito gemette, timorosa di imbattersi nel grande leader.

Per fermare lo sviluppo di una minaccia contro l’autoritarismo, i ricercatori nell’appello hanno fatto appello al Congresso per votare su due disegni di legge che sono stati adottati dalla Camera dei Rappresentanti e sono ora all’esame del Senato. L’uno aumenterebbe notevolmente le probabilità di voto, mentre l’altro riporterebbe due importanti disposizioni del Voting Rights Act del 1965, che la Corte Suprema ha annullato nel 2013. Chiedono inoltre al Senato di abrogare il rinvio, tattica di rinvio un disegno di legge dal voto. Ma niente di tutto questo è probabile che accada, poiché le proposte sono controverse anche all’interno del gruppo del Partito Democratico.

Gli elettori in fila per votare alle elezioni del Senato della Georgia del 2020.

Nella foto: Michael Holahan

Gli scienziati politici evitano Per fare alcune previsioni, ma vorrei concludere con un possibile scenario futuro. Prima delle elezioni di medio termine del 2022, i distretti verranno ridistribuiti in base ai risultati del censimento dell’anno scorso. Nella maggior parte degli stati, la maggioranza nel Congresso di stato lo fa, e qui i repubblicani hanno un grande vantaggio in quanto controllano la grande maggioranza (30) di loro. Se riusciranno a riconquistare la maggioranza al Congresso, sarà l’attuale leadership del partito che controllerà il processo alla conferma delle prossime elezioni presidenziali.

A gennaio, ben 147 membri repubblicani del Congresso hanno votato contro la ratifica delle elezioni presidenziali del 2020. Quindi volevano cancellare le elezioni che i funzionari avevano approvato in tutti i 50 stati, così come circa 60 tribunali federali che hanno respinto all’unanimità le lamentele di il fatale perdente. Tra i negazionisti c’erano gli attuali leader del Partito della Camera Kevin McCarthy, Steve Scalise ed Elise Stefanik. Come si posizioneranno nella posizione di maggioranza in futuro se il candidato democratico vincerà di nuovo nel 2024? Seguiranno quindi la legge o soccomberanno alle pressioni di al-Qaeda e di un ex presidente irriformabile?

Una delle chiamate La posizione è Harvardstatsvetaren Daniel ZiblattÈ coautore del popolare libro How Democracies Die. In un’intervista con Jake Tapper alla CNN, gli è stato recentemente chiesto quanto sia preoccupato per la democrazia americana. Su una scala da 1 a 10, dove 1 significa “per niente ansioso” e 10 significa “terrorizzato”, ha risposto 8. Voglio anche mettermi in gioco. Il regime è sopravvissuto a guerre e crisi, ma bisogna tornare alla guerra civile per trovare una minaccia interna alla democrazia più grande di quella che il Paese affronta oggi.

Leggi di più:

Eric Ausard: Ora i repubblicani stanno cercando di rendere più difficile il voto per i neri

Eric Ausard: Potrebbe diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti con l’aiuto di una teoria del complotto razzista