TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I medicinali di Helena non sono disponibili per il resto dell'anno: un “gigantesco disastro”

Pubblicato il 2024-05-13 22.15

Helena Frizelle, 66 anni, soffre di diabete e ha bisogno di assumere insulina ogni giorno.

Ma ora – e per il resto dell’anno – mancano le alternative a lunga durata d’azione di cui hai bisogno.

-È un disastro enorme! “È la prima volta che provo una cosa del genere”, dice Helena Frizelle.

Per 60 anni Helena Frizelle ha vissuto con il diabete di tipo 1.

Ogni mattina prendi una dose di insulina ad azione prolungata. Tresiba. Ma quando è andata in farmacia per fare un rifornimento, le è stato detto che erano esauriti.

– Ho sofferto di diabete per quasi tutta la mia vita e non c'è mai stato un problema con la disponibilità di insulina come adesso, dice Helena Frizel.

READ  Più giovani che mai soffrono di disturbi alimentari

Ha visitato diverse altre farmacie ma ha ricevuto la stessa risposta.

-Questa dose di insulina mi serve come base durante la giornata. Senza di esso, i valori della glicemia sono così alti che diventa difficile stare alzato, camminare e parlare.

Carenza per il resto dell'anno

Secondo l'Agenzia svedese per i medicinali, sia Tresiba che Lantus rimangono nell'elenco. Mancherà fino al 31 dicembre 2024.

Sono disponibili altre tre opzioni di insulina ad azione prolungata. I loro nomi sono Levemir, Toujeo e Abasaglar. Ma il passaggio ad esempio dopo aver utilizzato Tresiba non è sempre privo di problemi.

Jonny Ludvigsson, professore senior presso l'Università di Linköping, è considerato tra i migliori ricercatori al mondo nel campo del diabete di tipo 1. Spiega che è possibile passare a un altro tipo di insulina, ma ciò potrebbe causare problemi.

-Non è facile cambiare completamente. Causa problemi di adattamento a chi è abituato ad affrontare una particolare variabile. Può essere difficile mantenere lo stesso livello di zucchero nel sangue, il che può causare problemi.

Vi è una carenza di diversi tipi di insulina ad azione prolungata.

Un problema particolare per i giovani

Quando si cambiano i farmaci, i diabetici devono gestire un livello di insulina diverso da quello a cui sono abituati. Johnny Ludvigson ritiene che possa rappresentare un problema particolare per i bambini e i giovani.

Johnny Ludvigsson è un professore senior presso l'Università di Linköping.

– Potrebbero essere necessarie diverse settimane per adattarsi e trovare il giusto livello per il corpo. Soprattutto quando si passa da Tresiba. Gli adulti hanno una vita più regolare e mangiano alla stessa ora, ma gli adolescenti e i bambini in particolare hanno una vita più variata quando si tratta di queste cose. Ciò rende tutto più difficile, dice Johnny Ludvigson.

READ  Cinque ospedali universitari su sette soffocano la formazione continua

Secondo lui è straordinario che ci sia una tale carenza.

– Per quanto ne so, mai prima d'ora si era verificata una carenza per così tanto tempo. È un peccato e molto strano. Non riesco a capire come ciò sia possibile in Svezia.

– La Svezia come paese deve essere in grado di soddisfare e gestire meglio le richieste in modo che non si verifichino carenze come questa, afferma Jonny Ludvigsson.

La causa della carenza di farmaci è descritta come complessa. Secondo le aziende farmaceutiche ciò è in gran parte dovuto a fattori legati alla produzione, come la capacità produttiva e la pianificazione della produzione.

Altre ragioni generali per l'aumento dei medicinali residui notificati sono dovute, tra l'altro, alla situazione globale con guerre ed epidemie.

“Come fai a stare in piedi?”

Dopo aver frugato nelle farmacie della zona, Helena Frizzell ha finalmente ottenuto una scatola di Tresiba. Questo le dà un po' di tranquillità per un po', ma è preoccupata per cosa accadrà quando la dose finirà.

– Quando sono entrato in farmacia e gliel'ho detto, il medico mi ha detto: Lo avete lasciato acceso per 10 giorni? Come fai a stare in piedi?” Questo è quanto di peggio possa essere. Nel peggiore dei casi potresti perdere conoscenza e se non c'è nessuno che si prenda cura di te, c'è il rischio che tu non riesca a farlo. sopravvivere.

Noi, 500.000 diabetici nel Paese, ne abbiamo bisogno ogni giorno. Helena Frizelle dice che bisogna sistemarlo.