TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cura sicura e consigli rapidi

Cura sicura e consigli rapidi

Attraverso un progetto di automonitoraggio, i pazienti con pressione alta o insufficienza cardiaca possono ora monitorare facilmente i propri valori da casa e comunicare rapidamente con il proprio centro sanitario.

Automonitoraggio significa che il paziente stesso, o con aiuto, misura e registra, ad esempio, la pressione sanguigna o il peso a casa tramite l'app. Il centro sanitario legge i valori e può quindi fornire i migliori farmaci e cure possibili, mentre il paziente impara di più sulla propria salute e su cosa può fare per sentirsi in salute.

Nel Norrbotten, l’automonitoraggio è attualmente disponibile in cinque centri sanitari, quattro dei quali fanno parte del progetto UE CIRCE-JA, dove la regione del Norrbotten sta collaborando con il Consiglio nazionale per la salute e il welfare fino al 2026 per acquisire conoscenze su come automonitorarsi. -tenere sotto controllo. Sarà ampiamente introdotto a lungo termine.

– Il progetto contribuisce a trovare nuovi modi di lavorare nel campo dell'assistenza sanitaria utilizzando la tecnologia digitale. L'automonitoraggio si traduce in un'assistenza uniforme e ravvicinata evitando allo stesso tempo visite mediche urgenti e spesso non pianificate, il che rappresenta un ulteriore vantaggio per il paziente in una grande contea come Norrbotten con lunghe distanze, afferma Susanne Norberg, promotrice aziendale.

160 pazienti

Nei centri sanitari di Jokkmok, Bagjala, Alvsbyn, Overtornia e Stadsviken a Luleå, ci sono circa 160 pazienti che utilizzano l'automonitoraggio per curare l'ipertensione (pressione alta) o l'insufficienza cardiaca.

Nel centro sanitario di Stadsviken a Luleå lavora l'infermiera Elin Elert, che segue i pazienti del centro sanitario attraverso l'automonitoraggio.

-Attualmente abbiamo circa 70 pazienti collegati. Monitorando i loro valori, possiamo vedere rapidamente come stanno i pazienti e offrire un trattamento preventivo a casa prima che abbiano bisogno di cure in ospedale, afferma Elaine Ellert.

Ogni paziente riceve un piano di cura che fornisce un quadro completo delle sue esigenze, degli obiettivi e degli interventi pianificati e, durante la prima settimana di automonitoraggio, i pazienti possono anche effettuare misurazioni ogni giorno.

Due giorni alla settimana, Elaine organizza un ricevimento in cui vede pazienti con insufficienza cardiaca o ipertensione, ma tiene traccia quotidianamente dei valori di misurazione registrati nel sistema. Ogni settimana lei e un medico fanno un giro, dove insieme visitano i pazienti che si automonitorano e aggiustano il trattamento quando necessario.

I pazienti la cui condizione è stabile per un periodo di tempo più lungo possono interrompere l’automonitoraggio, mentre alcuni pazienti possono anche utilizzare l’automonitoraggio per un periodo più breve se temporaneamente necessario.

– Abbiamo introdotto l'automonitoraggio a febbraio. Dopo poco più di tre mesi è positivo che si possano già vedere effetti positivi come valori migliori, maggiori opportunità di attuare misure tempestive e pazienti che si sentono più curati e sicuri, afferma la promotrice aziendale Maria Palo.

Pazienti unici

Poiché ogni paziente è unico e alcuni hanno più malattie, i valori della pressione alta possono variare notevolmente. L’attività fisica, le abitudini del sonno e la dieta sono altri fattori che possono influenzare anche la pressione sanguigna.

– Il valore è misurato in tre livelli o colori. Verde, arancione e rosso. Poiché tutto è come dovrebbe essere, il valore rientra nel livello verde. I valori che terminano con il livello arancione o rosso dovrebbero essere verificati e poi contattiamo i pazienti, chiediamo loro come stanno e possiamo suggerire farmaci”, spiega Elaine.

Ti vengono anche inviati consigli sanitari automatizzati su cosa puoi fare per sentirti meglio, ad esempio se soffri di pressione alta.

– I pazienti ritengono che l'automonitoraggio sia sicuro e conveniente. Comunichiamo bene e questo crea una sensazione di sicurezza, così possiamo discutere di come ti senti rapidamente e facilmente tramite chat. “È una sensazione molto positiva”, afferma Elaine Ellert.

Il centro sanitario di Stadsviken è uno dei cinque centri sanitari automonitorati.


Passo dopo passo: automonitoraggio della pressione alta

  1. Il paziente sviluppa un piano di automonitoraggio con l'infermiere o il medico per determinare quali valori verranno misurati, con quale frequenza e per quanto tempo.
  2. I misuratori di pressione sanguigna vengono spediti a casa gratuitamente e il paziente scarica un'app per telefono cellulare o tablet, che si collega al misuratore di pressione sanguigna.
  3. Il paziente misura regolarmente la pressione sanguigna a casa. I valori misurati vengono automaticamente inseriti nell'applicazione del paziente e inviati al centro sanitario.
  4. Il personale infermieristico del centro sanitario monitora regolarmente i valori dei pazienti e contatta il paziente se è necessario modificare il farmaco o il trattamento.
READ  Alta pressione sanguigna: il medico sui segni silenziosi di ...