TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“I malati di carbonio non dovrebbero finire in lista d’attesa”

La pandemia di Covid-19 ha colpito gravemente la società svedese e l’assistenza sanitaria. L’assistenza differita sta ora iniziando a creare di per sé rischi significativi per la salute. Un nuovo studio della società di ricerche di mercato Ipsos mostra che 7 pazienti su 10 con BPCO non hanno osato cercare cure a causa del rischio di infezione. Quando ora vediamo la luce nel tunnel della pandemia e i debiti di assistenza possono iniziare a essere pagati, è fondamentale che l’assistenza al carbone alla fine diventi in cima alla lista delle priorità.

La pandemia ha messo a dura prova il sistema sanitario svedese. L’assistenza sanitaria ha concentrato le risorse disponibili sul controllo dell’epidemia, il che ha portato, per ovvie ragioni, all’abbandono di altre cure sanitarie.

Leggi di più: Ricercatore: un forte calo del carbone in Svezia

Un gruppo particolarmente a rischio è rappresentato dai pazienti con monossido di carbonio. Oggi la malattia è, secondo l’OMS, la terza causa di morte più comune al mondo e si stima che circa mezzo milione di persone in Svezia abbiano anidride carbonica secondo l’Agenzia svedese per i medicinali del 2015. Nonostante ciò, il carbonio ha una bassa priorità in svedese sanitario. Le ragioni possono essere molte. Per molto tempo si è creduto che non avessero nulla da offrire a quei pazienti con danni polmonari irreversibili. Un’altra ragione è che i funzionari sanitari hanno abbassato il livello di carbone non stanziando risorse sufficienti. stretta associazione con il fumo; “I fumatori dovrebbero incolpare se stessi” è una situazione che appare più comune nel carbone che in altri stili di vita o malattie associate al fumo. Ciò ha portato a considerare il carbonio uno stigma e a ritardare la ricerca di cure da parte dei pazienti.

READ  Bjorn Wiemann: i medici stavano aspettando che gli uomini con la sifilide morissero

I pazienti affetti da carbonio sono considerati un gruppo ad alto rischio per il covid-19 e rischiano di ammalarsi gravemente se vengono infettati. Sono stati quindi invitati a prestare molta attenzione a seguire le restrizioni durante la diffusione dell’infezione in corso. La nuova diagnosi di carbonio è stata in gran parte interrotta perché i test di funzionalità polmonare (spirometria) non possono essere eseguiti senza il rischio di diffondere l’infezione. Ciò ha conseguenze dannose perché la diagnosi, il trattamento e il follow-up del monossido di carbonio richiedono un contatto medico continuo. I pazienti di carbone sono finiti nell’episodio 22.

Oggi sappiamo che la moderna terapia del carbonio come i cambiamenti dello stile di vita (smettere di fumare, attività fisica e alimentazione) e i farmaci appropriati forniscono sollievo sintomatico, riduzione del consumo di assistenza sanitaria e riduzione della mortalità. Tuttavia, il presupposto è che la diagnosi sia fatta precocemente e che il follow-up venga effettuato regolarmente. Una diagnosi di carbonio con misure corrette prese all’età di 45 anni rispetto a una diagnosi dopo 20-25 anni può significare la differenza tra una vita di pensionamento fisicamente attiva e una vita con una qualità della vita significativamente ridotta.

Nel sondaggio Ipsos, condotto per conto dell’azienda farmaceutica Boehringer Ingelheim AB, è stato chiesto a 47 medici di base e 53 infermieri come la pandemia abbia cambiato lo stato dell’assistenza ai pazienti CO.

Noi che ci siamo iscritti a questo articolo di discussione siamo co-sponsor del carbone. Non siamo stati coinvolti nel lavoro di indagine, ma riteniamo che i risultati mostrino condizioni nelle cure primarie che richiedono attenzione.

I risultati del sondaggio mostrano come la cura del carbone sia stata costretta a rimanere indietro a causa della pandemia.

READ  Molti polli sono stati uccisi - timori per l'influenza aviaria

• Tre quarti di loro hanno riferito che il numero di incontri personali con pazienti con monossido di carbonio è diminuito.

• La metà di loro ha dichiarato che il trattamento farmacologico non è stato avviato a causa delle difficoltà nel seguire il paziente.

• Più di due terzi affermano che i pazienti con monossido di carbonio non cercano cure per paura di infezioni.

• Poco meno di due terzi ha riferito che i pazienti con monossido di carbonio mancano i tempi di prenotazione a causa della paura di infezione.

Inoltre, il numero di spirometrie eseguite per diagnosticare e seguire i pazienti con carbone di legna è stato significativamente ridotto a causa del rischio di contrarre l’infezione da COVID-19 durante gli esami.

Un appello all’assistenza sanitaria: quando più persone vengono vaccinate ora, cerchiamo di migliorare lo stato dell’assistenza sanitaria. Quando la situazione si calma, linee guida che stabiliscono che gli esami spirometrici dovrebbero essere evitati e dovrebbe esserci personale disponibile che può eseguire i test. I malati di carbone non dovrebbero finire in fila quando il debito delle cure è pagato.

Vorremmo sollecitare l’assistenza sanitaria a cercare quei pazienti che si sono astenuti dal prenotare visite di ritorno o che sono stati inseriti in una lista d’attesa a causa della pandemia. Con la riduzione della diffusione dell’infezione e le norme igieniche più rigorose, è tempo di tornare alle precedenti procedure di routine relative al regolare follow-up dei pazienti con CO, in particolare di quelli molto malati.

Lo studio Ipsos ha mostrato che molti pazienti con monossido di carbonio non ricevono le cure di cui hanno bisogno a causa della pandemia. Ciò porta a sofferenze inutili e, a lungo termine, a un onere maggiore per l’assistenza sanitaria, consentendo il peggioramento della malattia, con conseguente aumento dei costi e scarsi risultati del trattamento. Ora dobbiamo garantire insieme che i pazienti affetti da carbonio abbiano la priorità e continuino a ricevere le cure di cui hanno bisogno e a cui hanno diritto.

READ  Identificazione di un meccanismo che può inibire la crescita del cancro al seno -

Kjell Larson, Specialista in Pneumologia, Professore Emerito, Stoccolma

Hanna Sandlovsky, specialista in medicina generale, con il dott. Stoccolma

Karen Lespers, Specialista in Medicina Generale, Professore Associato, Uppsala

Ann Lindberg, pneumologo, professore, umeo

Bjorn Stalberg, Specialista in Medicina Generale, Professore Associato, Uppsala

Krister Janson, pneumologo, professore, Uppsala

Commenti:

Lavori nel settore sanitario e vuoi commentare un copione basato sul tuo ruolo professionale?

clic quaggiù!

I commenti vengono pubblicati dopo la revisione.