TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I leader del G7 concordano sull'imposta globale sulle società

I leader del G7 concordano sull’imposta globale sulle società

I leader del club delle grandi potenze del mondo occidentale, il G7, sostengono la proposta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di imporre una tassa minima globale del 15% alle società, ha scritto in un tweet il consigliere per la sicurezza della Casa Bianca Jake Sullivan.

Secondo i sostenitori, lo scopo della tassa è fermare la spirale discendente della tassazione sui profitti aziendali, poiché i paesi hanno introdotto livelli di tassazione sempre più bassi per attirare gli investimenti.

Secondo Sullivan, un limite globale all’imposta sulle società è importante anche per garantire che le multinazionali paghino le loro spese, in modo che le risorse per gli investimenti della classe media tornino a casa nei paesi coinvolti.

I leader del G7 dovrebbero ricevere sostegno poiché i ministri delle finanze del G7 in una riunione del 5 giugno hanno deciso di sostenere la proposta.

Trattative più concrete su come sarà progettata tecnicamente la tassa ea quali livelli sarà attuata dovrebbero ora iniziare al G20 in Italia a luglio e successivamente all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

In un articolo per il Washington Post di questa settimana, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen e colleghi provenienti da Germania, Indonesia, Messico e Sudafrica scrivono di essere convinti che il livello minimo del 15% possa essere aumentato a lungo termine.

I leader al vertice del G7 in Cornovaglia, in Inghilterra, hanno anche concordato sulla necessità di maggiori stimoli finanziari per affrontare le conseguenze economiche della pandemia di COVID-19, ha riferito Reuters, citando una fonte diplomatica.

Il Fondo monetario internazionale ha precedentemente indicato che lo stimolo continuo è cruciale, ma lo sono anche i leader del G7 come Joe Biden, il primo ministro britannico Boris Johnson e il suo omologo italiano Mario Draghi.

Anche il cancelliere tedesco Angela Merkel sarà dietro questa linea, secondo una fonte di Reuters, nonostante il fatto che la Germania abbia tradizionalmente sostenuto una politica fiscale più severa.

“C’è stata qualche discussione sull’inflazione, ma c’era la sensazione che fosse solo un problema temporaneo”, ha detto la fonte.

Anche il leader del Paese ospitante, Boris Johnson, ha toccato l’argomento aprendo la riunione del G7. Nel suo discorso di apertura, Johnson ha sottolineato l’importanza di non ripetere gli errori della grande crisi finanziaria del 2008, quando la ripresa non ha coinvolto tutti i segmenti della società.


READ  Ecco le ultime offerte privilegiate