TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Greta Thunberg ha risposto su Twitter dopo le critiche della SSU

Il leader della SSU Yubert Aziz ha collegato Greta Thunberg al fascismo ambientale.

Ora risponde l’attivista diciottenne.

“La lotta per la giustizia climatica è anche la lotta per la democrazia”, ​​ha scritto su Twitter.

Due alti rappresentanti Socialisti Democratici sindacati giovanili, SSU, ha scelto di affrontare le tempeste Greta Thunberg.

La presidentessa Lisa Naboo è stata la prima ad andarsene.

– Greta, hai detto che la cosa più importante che un giovane può fare è diventare un attivista. Non sono d’accordo con te. Nessuna soluzione alla crisi climatica sarà politicamente neutrale. In un discorso alla Conferenza dei socialdemocratici questo fine settimana, ha affermato che la cosa più importante che puoi fare come giovane donna è entrare in politica e assicurarti di prendere la decisione giusta.

Lunedì sera, il direttore delle comunicazioni Yubert Aziz ha fatto un altro passo.

“Sei sicuramente riuscito a ‘sradicare il sistema’ da un giorno all’altro. Attendo con entusiasmo cosa intendi ora, come l’ecofascismo?”, ha twittato.

Il post è stato poi cancellato.

“Sarebbe stato stupido per me essere così scortese e alludere così tanto alla visione della democrazia di Greta Thunberg”, ha scritto Aziz in un tweet successivo.

Il presidente della SSU Lisa Nabo e il direttore delle comunicazioni Yubert Aziz hanno entrambi utilizzato Twitter per esprimere le loro critiche all’attivista per il clima Greta Thunberg, 18 anni.

Il vertice della SSU si rammarica della formulazione

Aftonbladet è in contatto con Yubert Aziz, che ha rifiutato l’intervista. Tuttavia, sviluppa la sua logica tramite messaggi di testo.

READ  Cina: qui i giovani possono giocare con il computer tre ore alla settimana

Ha aggiunto: “Non ho dubbi che Greta sia per la democrazia. È stata una reazione clamorosa a qualcuno che mi ha provocato su Twitter. I forum spesso si affollano, ma non dovrei essere provocato”.

“Voglio dire, ci sono dichiarazioni di Greta Thunberg che possono essere rimesse in discussione. Sul tema della partecipazione politica dei partiti, lei ne ha preso le distanze e ha detto che la cosa più importante che i giovani possono fare è l’attivismo. È un peccato che una tale contraddizione non esiste”.

Aziz ha anche scritto:

“Mi dispiace di essermi espresso così. Non intendevo dire che Greta Thunberg fosse un’eco-fascista, ma piuttosto che la politica che i nostri politici chiedono non sembra fornire uno scambio di sostegno a tale politica tra l’elettorato . I grandi cambiamenti non possono procedere senza il sostegno della gente”.

Greta Thunberg durante il discorso di venerdì prima di una dimostrazione sul clima durante il vertice delle Nazioni Unite sul clima COP26 a Glasgow, in Scozia.

“Dimostra che la socialdemocrazia è in crisi”

Martedì pomeriggio è arrivata la risposta di Greta Thunberg ai ciucci per bambini.

“La nostra civiltà è sempre più minacciata quando il pianeta è destabilizzato. È una minaccia per tutto, inclusa la democrazia”, ​​ha twittato.

“La democrazia è tutto. Non possiamo salvare il nostro pianeta vivente senza di essa”.

Le proposte dei rappresentanti della SSU hanno portato a un acceso dibattito sui social. Lo storico e giornalista freelance Victor Pressfeldt è stato tra coloro che hanno risposto.

– Penso che sia molto strano. In passato, i socialisti democratici avevano un forte rapporto organico con i movimenti popolari. È stato ritenuto assolutamente necessario rilanciare la democrazia, ha affermato.

READ  Il ministro insincero si scusa con la gente, non con la moglie

– Ma ora quel collegamento è interrotto. Queste dichiarazioni mostrano che i movimenti popolari sono visti come minacce, non come risorse.

Breisfeldt vede nelle critiche di Greta un segno che i socialdemocratici sono in grande difficoltà.

– Questo indica che i socialdemocratici sono in crisi. Questo vale non solo in Svezia ma in tutta Europa. Dice che stanno perdendo membri e sono passati dai partiti del movimento popolare a partiti che spesso gestiscono una qualche forma di status quo.

Inserito: