TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Google rende impossibile evitare la sorveglianza

Poco più di un anno fa, un procuratore generale dell’Arizona ha citato in giudizio Google. L’accusa era che Google avesse raccolto i dati sulla posizione dai telefoni cellulari Android degli utenti, anche se avevano fermato in modo specifico la raccolta e la trasmissione di queste informazioni nelle impostazioni del loro telefono cellulare.

Questa è considerata frode nello stato dell’Arizona e da allora si sono svolte azioni legali nello stato degli Stati Uniti.

La novità è che il giudice, su richiesta di due organizzazioni di categoria, Il prossimo contenuto digitale E il News Media Alliance, Ho deciso di postare qualche minuto. Il motivo è che è nell’interesse pubblico sapere che Google ha utilizzato le sue importanti risorse per impedire agli utenti di sapere come e quanto il gigante della ricerca sta raccogliendo dati.

Leggi anche

Confuso? Questo è il punto!

Le pubblicazioni mostrano, tra le altre cose, che Google ha continuato a raccogliere dati sulla posizione dai telefoni cellulari degli utenti anche se gli utenti avevano disabilitato la condivisione dei dati sulla posizione nelle Impostazioni.

Inoltre, Google ha reso più difficile trovare opzioni per proteggere la sua privacy nelle Impostazioni. La società ha anche fatto pressioni sui produttori di telefoni cellulari per nascondere il più possibile le impostazioni sulla privacy nei loro prodotti. Sono rapporti Interessato al commercio.

Anche i dipendenti di Google hanno avuto difficoltà a sapere come interagiscono tra loro le diverse opzioni di configurazione. La testimone nel caso, Jin Chai di Google, responsabile dei servizi di appartamento, lo ha ammesso quando è stata interrogata in tribunale.

READ  GTA Online assicura alcuni aggiornamenti per le auto per le serie PS5 e Xbox

Questo è il modo in cui Google raccoglie i tuoi dati

Secondo Business Insider, Google utilizza diversi metodi per scoprire la posizione fisica di un utente, indipendentemente da quanto cerchi di evitarlo.

Questo viene fatto, tra le altre cose, scansionando le reti Wi-Fi nelle vicinanze e utilizzando app di terze parti. Secondo un altro testimone di Google nel caso, non c’è modo di condividere le informazioni con un’app di terze parti senza che le informazioni raggiungano anche Google.

Forse questo è il motivo per cui “Apple mangia il nostro pranzo”, come avrebbe detto un dipendente di Google in occasione di un’udienza in tribunale.

Il dipendente era consapevole che i dubbi degli utenti sulla condivisione dei propri dati con Google avrebbero potuto spingerli a passare ad Apple, consentendo sempre più a fornitori di terze parti di offrire app e servizi che raccolgono dati sulla posizione degli utenti senza costringerli a fornire le informazioni. Per Apple.