TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il background di Pratasevic nel battaglione Azov non è sorprendente

La partecipazione di Raman Pratasevich in qualche modo alle attività del Battaglione Volontari Azov ucraino sembra essere corretta. Ciò è stato confermato, tra l’altro, dal comandante in capo del battaglione, Andrej Beletsky.

Sì, Raman ha davvero combattuto contro l’occupazione dell’Ucraina, insieme all’Azov e ad altre unità militari. Era con noi vicino a Sjyrokyne, dove è stato ferito. Ma la sua arma da giornalista non era il fucile automatico, ma la penna, come scrisse il comandante dell’Azov Andrey Beltsky. Sul suo canale Telegram.

In un’intervista dell’agosto 2020 per l’indipendente Nastoyashtjej vremja, il padre di Pratasevic, Dzmitri Pratasevic, ha detto che suo figlio è stato assicurato alla giustizia all’inizio del 2014, “quando era nel Donbas e combatteva per l’esercito ucraino”. Questo videoclip è stato ristampato dal giornalista russo Alexander Coates, che lavora per il Cremlino-pro-Cremlino Komsomolskaya Pravda:


https://twitter.com/sashakots/status/1397445599692214273?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1397445599692214273%7Ct7gr%5E%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1397445599692214273%7Ct7gr%5E%7Ctweli%4Ctweli%5Egr -donbasse-1555337.html

Ma il 25 maggio di quest’anno Dzimitri Pratasevich dice a Nastoyashtjeje vremja Non sa che suo figlio avrebbe partecipato alla guerra.

Personalmente non so se abbia combattuto nel Donbas. So che era in gloria. Ha lavorato come libero professionista e fotoreporter. Ma dice che non so della guerra nel Donbass.

negli ultimi Nelle ultime settimane, i media filo-bielorussi hanno pubblicato immagini di Pratasevich come soldato dell’Azov, in uniforme e mitragliatrice. Queste foto sembrano essere trapelate dal KGB bielorusso.

L’autenticità delle foto non può essere garantita. Tuttavia, diverse fonti indipendenti confermano che Pratasevi era coinvolto nelle attività di Azov. Bielorusso indipendente Nasja Niva ha pubblicato un’intervista Con un soldato sconosciuto del battaglione Azov.

– Lo ricordo da Urzov (dove aveva sede la Brigata Azov). Giovane ragazzo. Beltsky (comandante in capo delle forze armate) non si fidava di lui. La gente pensava che fosse lì per raccogliere informazioni. Non ha partecipato ad alcuna operazione di guerra. È andato ad allenarsi, ha scattato foto con un’arma in mano ed è andato per la sua strada, come raccontato da uno sconosciuto ex soldato azov della Niva Nasa.

READ  La donna pipistrello Shi Zhengli sulla teoria di laboratorio della corona

Nel 2015 ha pubblicato Svoboda Radio, finanziato dagli Stati Uniti Colloquio Con uno sconosciuto soldato bielorusso del battaglione Azov. Il soldato si fa chiamare Kim. L’immagine in cui si trova con un kalashnikov sulla spalla e la faccia smussata è identica a una delle immagini fornite dai fedeli media di Lukashenko. Ora si sta diffondendo. Ma Kim ha 22 anni e nel 2015 Pratasevic ne aveva 20.

Che cosa esattamente Pratasevic ha fatto nel battaglione nazionale Azov che ancora non sappiamo. Tuttavia, è noto che molti attivisti di altri paesi post-sovietici si sono uniti ai battaglioni di volontari ucraini. Lo vedevano come parte di una lotta comune contro Putin.

È comune nei paesi dell’ex Unione Sovietica avere giornalisti attivi contro il regime. Il canale bielorusso bielorusso Nexta, il cui caporedattore era Pratasevich, ha svolto un ruolo attivo nelle manifestazioni contro Lukashenko. a Intervista dal 2020 Con il giornalista russo Yuri Dodd, l’allora caporedattore Pratasevich ha affermato che il ruolo di NEXTA è in parte politico. Pratasevi ha lavorato apertamente con il leader dell’opposizione Svyatlana Tsychanuskaga e ha lavorato come il suo fotografo.

Era chiaro fin dall’inizio che Pratasevic era più di un semplice giornalista.

I media pro-Lukashenko stanno ora cercando di fare soldi da questa parte della guerra di propaganda.

Leggi di più:

“Qualcuno del KGB è nella mia scia”

Anna Lina Loren: Il problema tossico di Lukashenko è un problema crescente per Putin