TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Gli svedesi capiscono davvero che possiamo fare vino in Svezia”

Lo scorso anno l’epidemia ha portato a visite da record alle aziende vinicole svedesi e l’interesse dell’industria è in forte aumento. Nicholas Albinson della cantina Sardashaka vede una crescita che ben si adatta alla prossima stagione.

Nicholas e Anna Albinson hanno aperto alla Sardasha Cellar per questa stagione e non vedono l’ora che arrivi la prossima stagione. Oggi producono un totale di 4.000 bottiglie su due ettari. Entro il 2023, dovrebbero essere in piena produzione dai record e produrre circa 8.000 bottiglie. Foto: personale

Nella cantina Shartshaka fuori Waderstad, Nicholas e Anna Albinson producono vino dalle proprie uve da quasi dieci anni. Qui gestiscono un ristorante degustazione vini e un agriturismo. L’anno scorso, da parte loro, è stato fortemente segnato dagli effetti collaterali positivi dell’epidemia.

– Abbiamo avuto molti ospiti che sono venuti all’inizio della stagione, che hanno detto di essere effettivamente in Toscana, ma invece sono andati qui. Sono diventati vigneti svedesi invece che italiani. È stato un po ‘così, l’evento nel suo insieme. Gli svedesi capiscono davvero che possiamo produrre vino in Svezia, dice Niklas, che l’anno scorso aveva quasi 600 gusti di vino, più del doppio rispetto agli anni precedenti.

Ritiene inoltre che il crescente interesse da parte di consumatori e turisti sia la base per il vino svedese per ottenere maggiore attenzione.

– È stato scritto di più sul vino svedese. Oggigiorno i giornalisti del vino spesso rivisitano il vino svedese e molti capiscono che questo è davvero un prodotto da provare.

La tendenza con micro cantine e micro distillerie è chiara e punta nella direzione di una distinzione e artigianalità in tutto il settore. Allo stesso tempo, Nicholas gode non solo di coltivare giardini in Svezia, ma anche di ingrandirsi. Quando Nicholas e Anna hanno iniziato nel 2012, hanno piantato circa 1.000 dischi, che da allora sono aumentati fino a 8.000 oggi. Oggi, quando il settore è stabilito e dispone della conoscenza, molte persone investono di più in una volta.

READ  Influenza sulla storia del pittore di ceramica di Litkoping Henning Johnson, parte 10 - Crow Football e lavori estivi

– In termini svedesi, ora ci sono raccolti molto grandi.

Mantieni alta la qualità

Nicholas sottolinea che la Svezia è un paese vinicolo molto giovane con aree relativamente piccole e la qualità è molto importante.

– Se compri una bottiglia di vino e non va bene non la comprerai più. Puoi scrivere sulla bottiglia che il vino è andato di pari passo o è stato fatto di notte, ma se non è buono, non è un bar. Quando creiamo un piccolo volume come facciamo in Svezia, dobbiamo mantenere un’alta qualità.

Ci sono molti punti in quella direzione. Molti produttori di vino svedesi hanno recentemente vinto medaglie d’oro a concorsi enologici internazionali. Un fattore di successo, secondo Nicholas, ha un occhio per misurare i produttori di vino svedesi.

– Ci piace questo, ad esempio, per vedere esattamente quanti grammi di zucchero è. Un francese o un italiano possono ancora perseguire passione e gusto. È nella nostra mentalità, vogliamo misurare, vogliamo il controllo, siamo molto bravi, penso che ci aiuti a crescere in una professione sana.

Condizioni del nord

Il clima più freddo finora ha limitato la quantità di vino prodotto in Svezia ed esclude le uve classiche come il sardone e il risling. Oggi, la viticoltura svedese è dominata dal vitigno Solaris, che è adatto a un clima freddo e, tra le altre cose, è altamente resistente all’oidio.

– Nicholas dice che è l’ideale per uve molto gustose e vini brillanti.

Di conseguenza, il vitigno ha portato alla produzione solo del vino più brillante di Sardasha. Ma questa scelta viene fatta perché è uno dei vigneti nel nord della Svezia e necessita ancora di molto tempo per vendemmiare.

READ  Partita aggressiva Ferrari 812 - Dugens PS

– Il vino brillante viene ancora raccolto con un contenuto di zucchero inferiore rispetto al vino. Quindi l’uva ha bisogno di 75 grammi di zucchero per litro, cioè grammi di zucchero. Un vino richiede circa 100 grammi per litro, poi l’uva in campo ha bisogno di un altro mese, e poi ecco il gelo notturno. Ecco perché investiamo completamente in una parte della produzione di vino brillante e 1.500 meli.

Proprio freddo, devi stare all’erta come viticoltore e coltivatore di mele, spiega Nicholas, due notti erano meno gradi quando parlavamo. Quindi spara nei campi dove i boccioli si adattano per sopravvivere. Ma le condizioni per la stagione di quest’anno sono buone anche per il pubblico. L’anno scorso hanno raggiunto un record di vendite presso l’azienda e ci sono molte indicazioni che potrebbe essere battuto di nuovo.

– Fino all’inizio di agosto siamo per lo più completamente registrati. Ma a seconda che i controlli del governo continuino in alta stagione, sarà dura. Ma nel complesso, non vedo l’ora.

Vendita dalla fattoria

Oggi, Nicholas e Anna vendono le loro bevande principalmente durante la degustazione di vini e nei ristoranti locali. Secondo Nicholas, una logistica e un trasporto equivalgono a due giorni lavorativi a settimana.

– Quando sei un piccolo birrificio, hai la tendenza a cambiare improvvisamente da un birrificio a un autista. Quindi la questione delle vendite agricole è assolutamente cruciale affinché l’industria possa crescere e offrire l’opportunità di creare aziende finanziariamente stabili e sicure. Altrimenti sarebbe una bella caratteristica, perché nessuno osa fare un grande investimento, è un peccato.

L’articolo è stato pubblicato martedì 18 maggio 2021

– – –