TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli svedesi amano il rosso blu e il giallo

In tempi di festa nazionale, può essere pertinente esaminare alcuni aspetti che vengono facilmente trascurati quando si guarda al nazionalismo svedese. Questa volta, scelgo di volgere lo sguardo a tutte le capanne rosse che vogliamo sentire come le più svedesi di tutte, ma non proprio al collo da più di un secolo e mezzo – ovunque nelle nostre campagne.

Se abbiamo Torniamo al 18° secolo con la macchina del tempo, di cui non abbiamo visto molto. Abbiamo scoperto che quasi tutte le case erano grigie invece che rosse. Cioè, non sono dipinti. Se le case di legno – e quasi tutte le case nel 18° secolo erano costruite in legno – potessero rimanere non dipinte, prima o poi diventerebbero grigie. Perché usare la vernice? È costoso e non necessario. Questo è ciò che pensava la gente comune. Ma c’è stato un cambiamento lungo la strada.

Il cambiamento di colore culturale può essere descritto come una forma di ideali che perde. Cominciò nel XVI e XVII secolo con reali e nobili che amavano le case rosse: case maestose con facciate in mattoni e tetti in rame o almeno case dipinte a imitazione di mattoni e rame. Era costoso e gli dava uno status.

Nel passaggio successivo La borghesia di Stoccolma e di Göteborg voleva case ugualmente belle e, poiché avevano i soldi, non era difficile realizzare gli ideali. Poi venne il tempo dei preti e dei grandi contadini. Avevano risorse finanziarie molto semplici, ma potevano almeno creare le proprie idee e obiettivi e cercare soluzioni.

È qui che è entrato in scena il colore rosso, non il falso colore rosso. Man mano che l’attuale situazione nei ranghi militari si diffondeva e il kraft dei soldati veniva dipinto di rosso di tanto in tanto, pastori e proprietari di case erano più inclini a seguirne l’esempio. Nel XIX secolo, la produzione industriale di vernice rossa rese economicamente possibile l’acquisto di notevoli quantità di merci, le dighe esplosero e le fattorie e le capanne rosse iniziarono a diffondersi in tutto il paese.

READ  L'idiosincratico Dusenberg era nascosto nel fieno durante la guerra

Ne fa parte Il rosso ha più proprietà di quelle direttamente correlate all’estetica e allo stato. Il legno durerà più a lungo se verniciato, il che significa che la vernice è un buon investimento futuro. All’inizio del XX secolo, quando l’attività da casa individuale si stabilì in Svezia, era consuetudine che le nuove piccole case fossero progettate in rosso fin dall’inizio. Pensavano che le solite case svedesi sarebbero state così.

Il quotidiano della domenica di questa settimana è legato alla storia svedese. Si tratta di Eric XIV, un re che è infinitamente migliore del tiranno pazzo che vuole ritrarre in antiche opere storiche.

/ Dick Harrison