TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli infermieri in congedo parentale non sono discriminati – lavoro

È il Discrimination Ombudsman, DO, che ha perseguito il caso dell’infermiera di terapia intensiva contro il suo datore di lavoro, la regione di Västmanland.

L’infermiera di terapia intensiva lavora stabilmente nella regione del Västmanland da oltre un decennio.

Negli ultimi anni ha avuto un buon sviluppo salariale, è stata valutata come “particolarmente qualificata” ed è stata anche incoraggiata dal suo supervisore a candidarsi per l’iniziativa di sviluppo “Il capo di domani”.

È stato accettato e completato.

Non sul posto durante una pandemia

Allo stesso tempo, era in congedo parentale. Prima full time per poco più di un anno, poi part time. Durante la revisione salariale nel 2021, l’infermiera era insoddisfatta del suo aumento di stipendio.

Era del 2,8% e quindi inferiore alla media del 2,95% per tutti gli infermieri di terapia intensiva del distretto.

Quando l’infermiera ha voluto una spiegazione, le è stato detto, secondo il DO, che avrebbe dovuto accontentarsi dell’aumento medio e che quest’anno il suo datore di lavoro ha scelto di premiare le persone che “hanno fatto un buon lavoro” durante la pandemia di COVID-19.

L’infermiera non è stata in grado di farlo, poiché in quel momento era in congedo parentale. Pertanto, il Dipartimento di Stato ritiene che il datore di lavoro abbia violato il divieto di danneggiare il congedo parentale.

È difficile interpretare il modello salariale

A ciò si oppone il suo datore di lavoro, che ritiene che la spiegazione sia un malinteso.

Si ritiene che il motivo per cui la dipendente in questione non abbia ottenuto uno sviluppo salariale così buono nel 2021 come nell’anno precedente abbia a che fare con il fatto che era molto apprezzata nella definizione dello stipendio dell’anno precedente.

READ  Le leggi di emergenza di Trudeau sono al vaglio della commissione

Quindi è stato introdotto un nuovo modulo per gli standard salariali, che molti manager hanno trovato difficile da usare. Pertanto, l’infermiera di terapia intensiva, così come molti dei suoi colleghi, sono stati rivisti nella revisione salariale del 2021.

Mancato collegamento al congedo parentale

Nella sentenza emessa ieri, mercoledì 7 dicembre, il Tribunale del lavoro ha scelto di seguire la linea del datore di lavoro. L’infermiera ritiene di essere stata trattata allo stesso modo dell’altra infermiera nella stessa situazione.

Secondo AD, il fatto che non abbia ricevuto più aumenti di stipendio nel 2021 non ha nulla a che fare con il congedo di paternità.

Pertanto, il datore di lavoro viene assolto e l’Ombudsman for Discrimination deve risarcire la Regione Västmanland per la somma di SEK 202.400 per le spese processuali.

bisogno di guida

È una delusione, ovviamente. Rimaniamo fedeli alla nostra valutazione, afferma Karin Ahlstrand Oxhamre, il capo dell’unità in DO che era il rappresentante dell’infermiere di terapia intensiva.

Ritiene che sia necessaria una guida nei casi di rifiuto durante il congedo di paternità.

– Riceviamo molte segnalazioni relative a lui. Finora solo quest’anno, sono stati circa 60 di quelli.

Fatti/Divieto di discriminazione

Un datore di lavoro non può danneggiare un dipendente o una persona in cerca di lavoro per motivi legati al congedo parentale. Ciò è evidente dal divieto della legge sul congedo parentale.

Il Parental Leave Act è una legge sul lavoro entrata in vigore nel 1995. Regola il diritto al congedo di paternità e il diritto a richiedere modalità di lavoro flessibili in alcuni casi per motivi assistenziali.

READ  Ibiza impiega stranieri per infiltrarsi nelle feste

La legge disciplina anche i divieti di danneggiare il congedo parentale e i dipendenti che richiedono modalità di lavoro flessibili. I divieti sono descritti nella Sezione 16.