TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli autocrati traggono vantaggio dalla democrazia  cultura

Gli autocrati traggono vantaggio dalla democrazia cultura

commento. La parola “democrazia” è spesso considerata sinonimo di “buono”. La democrazia è indiscutibilmente una buona cosa. Obiettivo ambizioso quindi.

Un pensiero: la democrazia non è buona. Neanche male. La democrazia non offre garanzie, basti pensare a tutti i regimi che sono arrivati ​​al potere (per la prima volta) in maniera pienamente democratica. La democrazia soffre di un dilemma intrinseco: le forze che vogliono abolire la democrazia devono, in una società democratica, poter operare liberamente e godere di tutti i diritti democratici.

Da quanto sopra si può trarre la conclusione: la democrazia non è un obiettivo. È una condizione. La democrazia è ciò che facciamo. E qui arriva la parte davvero difficile: quel “noi” che resta sempre inafferrabile.

Ma sotto la dittatura in cui sono cresciuto era molto semplice: la divisione tra “noi” e “loro” era del tutto normale. “Loro” erano tutti coloro che ci governavano: lo Stato, il partito, i funzionari ideologici, i censori, la polizia segreta e così via. “Noi” avevamo diritti solo sulla carta, eravamo le masse che, come il bestiame, esistevano solo per fornire a “loro” cibo e vestiti. (Se ci riesci, puoi occuparti dell'intrattenimento, come animali da circo ben addestrati.) Quando non serviva più a niente, o se cercavamo di ingrassare, o semplicemente decidevano di non farlo, venivamo liquidati , scomparsi nei campi e nelle prigioni e isolati negli istituti psichiatrici. Non abbiamo potuto influenzare.

Ci siamo abituati a odiare silenziosamente l’autorità e a parlarne male nelle nostre cucine.

In un certo senso, era anche una vita molto più semplice di quella vissuta in una democrazia. Potresti dire che non avevi scelta. Non puoi ancora cambiare nulla. Se non puoi partecipare e influenzare, non dovresti essere ritenuto responsabile. Non siamo stati “noi” a strangolare la rivoluzione in Ungheria, né siamo stati noi a distruggere lo sviluppo democratico in Cecoslovacchia e a affogare l’Afghanistan nel sangue. Erano “loro”.

READ  Pagati 10 miliardi senza effetto - Parlamento

Forse è per questo che la transizione verso la democrazia è così dolorosa. La libera scelta implica responsabilità, e se qualcun altro decide, tu eviti quella responsabilità. Ci siamo abituati a odiare silenziosamente l’autorità e a parlarne male nelle nostre cucine. “Loro” hanno deciso, “noi” no. È da qui che nasce lo strano desiderio della “mano forte”?

Nel mio paese d’origine, la Bielorussia, abbiamo assistito ad alcuni anni di sviluppo democratico dopo la scomparsa dell’Unione Sovietica. Poi il popolo ha votato – in modo del tutto democratico – per Mr Lukashenka. Questo è successo quasi 30 anni fa. Resta Lukashenko, la democrazia se n’è andata. Al giorno d'oggi, questo comportamento è quasi una tendenza. Le persone in Ungheria e Slovacchia, ma anche negli Stati Uniti e in India (solo per citarne alcuni), sostengono le forze che vogliono minare la democrazia. Sembra che votiamo per loro.

Alexander Lukashenko è presidente della Bielorussia dal 1994.

Foto: Dmitry Azarov/Polaris Polaris Images

Ma chi siamo in un Paese democratico? Lo Stato è “noi”? la polizia? Istituzioni? partiti politici ? In una democrazia hai una scelta e quindi una responsabilità. Sì, credo che tutti i cittadini in una società democratica siano, in momenti diversi, parte di un “noi”. E che poi abbiamo una responsabilità condivisa. Per me è un po' incomprensibile come tu possa fingere che una festa che non ti piace non sia il risultato di uno sviluppo sociale nel quale sei stato molto coinvolto? Il partito e i suoi elettori sono arrivati ​​qui con una spedizione da Marte? Oppure non hai alcuna responsabilità per lo sviluppo della società perché hai sempre votato per il partito che ami?

READ  Elezioni parlamentari francesi: Melenchon sfida Macron

Nell’ambiente dissidente che mi ha formato da giovane in Unione Sovietica, c’era un principio: se non puoi influenzare l’esito di un gioco di potere, non dovresti parteciparvi. Questa era la forma base della protesta: non partecipavamo al loro mondo e ci illudevamo di non partecipare così al loro crimine. In una società democratica puoi influenzare il risultato e poi puoi partecipare.

Come ho detto, la democrazia è una condizione. Quale sia questa condizione lo stabiliranno i cittadini. Sono i cittadini a dare forma al contenuto della democrazia. Pertanto, si dovrebbero rispettare anche le scelte degli altri. E assumerci la responsabilità di come si sviluppa la nostra società condivisa. Puoi influenzare, puoi partecipare. si deve.


Dmitry Blaks è un dipendente di Expressen Kultur ed è anche regista, drammaturgo e direttore artistico di Dramaten.Doc.