TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gioco high-stakes su una nota di telecomunicazioni – collegato a un CEO diffidente in un’asta gigante

Telecom Italia è balzata di oltre il 30% alla notizia che la società di venture capital KKR vuole acquistare un operatore.

Ma in Italia ci sono sentimenti contrastanti. E la domanda è se questa offerta fa parte del tentativo del top manager di restare al potere.

Questa è una delle dieci più grandi aziende in Italia che KKR vuole fare un’offerta questo fine settimana. La società americana fornisce 10,10,8 miliardi, 109 miliardi di corone per il tesoro nazionale, nell’interesse pubblico. La questione è politicamente delicata, anche perché l’Italia espande la sua rete a banda larga.

L’offerta non era vincolata e la società di media francese Vivandi, il più grande proprietario, non avrebbe dovuto vendere la sua partecipazione. I francesi affermano di avere un interesse di vecchia data per Telecom Italia e DIM. Quando Vivendi ha acquistato nel 2017, ora ha pagato il doppio delle azioni offerte da KKR.

Vivendi detiene circa il 24% del capitale di DIM. Negli ultimi anni, tuttavia, l’azienda ha dovuto affrontare una forte concorrenza, un calo dei profitti e una capitalizzazione di mercato in calo. Ma Vivendi ritiene che l’asta sottovaluti il ​​valore energetico a lungo termine di TIM.

Allo stesso tempo, non è un segreto che Vivendi non sia soddisfatta del lavoro svolto dall’amministratore delegato dell’operatore Luigi Kupitosi. Secondo La Repubblica, l’amministrazione francese lo definisce “l’allenatore che perde ogni sabato”. Nel giro di tre mesi, la società era stata avvertita due volte e, secondo Bloomberg, Vivek aveva assunto un’azienda per trovare un’alternativa adeguata a Luigi Kupitosi. Secondo i rapporti, i cambiamenti di gestione dovrebbero essere discussi nella riunione del comitato prevista per questo venerdì.

READ  Classifica Arizona: i 10 migliori ristoranti italiani per il 2021

Vivendi dovrebbe ora esplorare le ragioni del tentativo di KKR, inclusa la possibilità che Luigi Kupitosi possa aver avuto una mano nel gioco per difendersi.

Ci sono già rapporti tra KKR e TIM. L’anno scorso, la società di venture capital Fibercop ha acquisito l’espansione della banda larga, dove TIM ora possiede il 58% e il 37,5% di KKR.

Il ministero delle Finanze italiano ha annunciato che l’accordo potrebbe essere “una notizia positiva per il Paese” se si rivelasse vero. Il governo ha anche annunciato che nominerà un gruppo di esperti per monitorare da vicino la questione.

Attraverso la legge “Golden Power”, il governo ha l’opportunità di impedire alle aziende straniere di acquistare aziende strategicamente importanti. Hanno anche la possibilità di stabilire le condizioni per tali acquisti.

Lo ha notato Maurizio Landini, segretario generale della Cgil, il più grande sindacato del Paese, nel suo commento al quotidiano La Repubblica, dove ha affermato che il governo dovrebbe usare la legge se l’accordo KKR è contrario all’industria e all’occupazione del Paese. Interessi “.

Dal presidente del Consiglio Mario Draghi si sentono parole neutre sulla difesa degli interessi del Paese. Giovedì incontrerà il presidente francese Macron, che verrà a Roma per firmare un accordo bilaterale a cui i due Paesi stanno lavorando da anni. Sebbene la tempistica dell’incontro non sia legata all’offerta TIM, è uno degli argomenti in discussione.