TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eric Neiva parla della semifinale degli Europei tra Francia e Spagna

Pubblicato il 2024-07-09 23.42

Monaco. Pensiamo di sapere una o due cose sul calcio oggi.

Al vertice, governati da sistemi, caratterizzati dal controllo e dominati dall’esperienza – e da qualche parte ne abbiamo la prova.

Poi arriva un sedicenne e ci dà uno schiaffo sul nascere.

Chissà come lo valuteremo tra 20 anni, ma questo non ha alcuna importanza in una calda notte a Monaco.

Quando Lamine Yamal si voltò e fece oscillare il piede sinistro, sembrò iconico ed epocale. Sembrava che il futuro stesse facendo irruzione e ci portasse in una nuova era.

Proprio come quando Jude Bellingham ha segnato contro la Slovacchia, non è stato il gol della vittoria, ma lo consideriamo come il gol della vittoria, e sarà ricordato come il gol della vittoria.

La nuova foto di copertina della Commissione Europea è il momento decisivo per l'erede.

E per distinguere l'uno dall'altro – in effetti, la mezza età dell'uomo qui non è la cosa principale. Questa è la qualità, il carattere e il carattere di Lamin Yamal.

La mia opinione generale è che l'individualizzazione del calcio sia andata troppo oltre, sia per l'uso quotidiano che per le feste. C'è troppa celebrità, troppo marchio personale, troppi cacciatori di selfie che prendono d'assalto il palco, troppi Golden Globe.

Ma parla di un'opinione che non ha wormhole.

Possiamo ignorare Cristiano Ronaldo – in un certo senso trascende la rima, la ragione e l’analisi di questi tempi – ma più a lungo va avanti il ​​mese del Campionato Europeo, più diventa chiaro che si tratta di collettivismo, sistema e forma.

Non vuoi perderti ciò che potrebbe accadere

Il calcio è diventato robotico e dall’altra parte di tutte le strutture non c’è più spazio per individui, stelle e pionieri.

READ  Joe Cole vede la selezione di Xabi Alonso: 'Decisione terribile'

Il polso non si è alzato quando Kylian Mbappe, Kevin De Bruyne, Bernardo Silva o anche Jude Bellingham hanno ricevuto la palla. Siamo abituati al fatto che nove volte su dieci si girano e giocano al contrario.

Più di ogni altra cosa, è anche per questo che guardare Lamin Yamal giocare a calcio è così gratificante. Tieni sempre la testa alta, il passo veloce e lo sguardo avanti. Sempre quell'intenzione ardente di fare qualcosa di costruttivo e creativo.

Quando prende la palla, ti alzi dalla sedia con uno sguardo torvo, perché non vuoi perderti a tutti i costi quello che potrebbe succedere dopo.

Anche prima della partita era in testa alla classifica degli assist agli Europei, e ora ha sparato un cross ad effetto sulla fronte di Fabian Ruiz dopo soli cinque minuti. La Spagna avrebbe dovuto essere in vantaggio da allora, ma ora ha dovuto aspettare metà tempo, e ora ha dovuto premere l'angolo per trovare da sola una via d'uscita.

Lamine Yamal - Blocco spagnolo.

Dopo il vantaggio francese, per dieci minuti i Reds sono sembrati molto difficili. Sono stati respinti nel piano, hanno avuto difficoltà a trovare una via d'uscita e avevano bisogno di iniziativa e ispirazione.

Hanno capito.

La formazione del calcio spagnolo inizia sempre più a fare la differenza Giocatori di strada E Giocatori accademiciE rispettivamente giocatori di strada e giocatori delle accademie.

Al giorno d’oggi, si accetta che l’ossessione per il calcio con cui hanno dominato il mondo abbia un lato negativo, e che arrivi un punto in cui al dominio viene data troppa priorità.

READ  Oliver Solberg è stato costretto a rompere in Belgio - era in testa

Questa squadra è il prodotto di quelle idee.

Tutti hanno avuto qualche forma di allenamento in grandi club, ma non hanno mai dimenticato le strade da cui provenivano e il calcio che giocavano lì. Più della metà degli undici titolari – Lamine Yamal, Neco Williams, Dani Olmo, Fabian Ruiz, Jesús Navas e Marc Cucurella – si definiscono chiaramente prima di tutto giocatori di strada. Giocatori di strada.

Oggi sono incoraggiati a rimanere tali anche nelle formazioni giovanili e nelle semifinali degli Europei.

Poi…?

Prova le cose! Usa i tuoi punti di forza! passaggio!

Spara da 25 metri di distanza e potresti centrare il bersaglio. Lascia cadere la palla e dribbla con lo stesso movimento e potresti creare spazio per respingere il tiro anche in un'area di rigore stretta.

Prendete la scelta inaspettata, quella difficile, e anche la sconfitta contro i biancoblu di Didier Deschamps non sarà la fine. Poi lo 0-1 potrebbe trasformarsi in 2-1 in quattro minuti magici e magnetici.

Poi…? Poi non smettiamo di giocare a scavare trincee in mezzo alla nostra metà campo. Quindi continuiamo esattamente la stessa cosa.

Di tanto in tanto ci sarà un dribbling o un passaggio condiviso nella propria area di rigore – questa non è ancora una squadra completamente matura – ma è chiaro che questo comportamento ha molto più fascino di quanto costi.

Nico Williams deve guidare da solo verso quello che sembra un vicolo cieco, cercando di trovare un tunnel da lì. Dani Olmo zigzaga per il campo creando nuove giocate sulla parete. E Lamin Yamal può continuare a fare quasi quello che vuole finché non si esaurisce completamente.

READ  Campione storico Nelson CL per Kristianstad

Proprio come l'altro anno scorso, nella semifinale degli Europei ha deviato un pallone di sinistro sul cross lungo della Francia. Poi era l'EC U17 e ora è la versione per adulti.

Una volta non è una volta, due volte è di solito un'abitudine, quindi perché non provarci per una terza volta?! A dieci minuti dalla fine della semifinale, Lamine Yamal riprova la stessa manovra, è a pochi centimetri dal successo e i tifosi spagnoli cominciano a chinarsi su di lui.

Qualcuno ha detto che ha 16 anni?

E non è solo questa sezione a rispondere. La risposta arriva da tutta l'arena, da tutta Europa, perché Lamine Yamal stasera ha elettrizzato la barca e questo torneo.

Qualcuno ha detto che aveva 16 anni…?

Apparecchi in bocca, libri di testo nella camera d'albergo. Mai prima d'ora un giocatore così giovane aveva segnato in un torneo europeo, per non parlare della semifinale di un torneo davvero importante. Né Pelé, né il padrino di Leo Messi, nessuno.

Istintivamente, ovviamente, trovo difficile vedere Lamin Yamal raggiungere le stesse vette – il rapporto tra quanto sei bravo a 16 anni e quanto sei bravo a 26 è spesso tenue – ma se non ti permetti di pensare in grande come stasera, non lo farai mai.

Il mondo del calcio ha mai visto un 16enne di queste qualità…? La risposta non è importante, ma la risposta è divertente, perché la risposta è no.

Un ultimo sguardo e un dribbling sulla linea lunga al 93'. Poi è arrivato il momento di Lamine Yamal per ringraziare e consegnare il pallone ai grandi. Possono gestire tutto da soli negli ultimi tre minuti.