TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Enormi quantità di metano si trovano sotto i fondali marini dell’Artico

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Enormi quantità di metano sono incapsulate sotto il fondo del mare nell’Artico.

Ora potenti gas serra rischiano di essere rilasciati a una velocità mai vista prima.

Ciò significa che potremmo dover ridurre le nostre emissioni dalla società più velocemente, afferma il professor Organ Gustafsson.

Gli scienziati del clima sono da tempo preoccupati per il clima più caldo nell’Artico. Quando le temperature aumentano, il permafrost si scioglie. Qualcosa che porta alle emissioni di metano, che a sua volta aumenta il cambiamento climatico.

Negli ultimi anni, i ricercatori sono stati in grado di osservare come le bolle di metano sono filtrate in superficie nel mare di Laptin, parte dell’Oceano Artico, nella Siberia settentrionale. La domanda era da dove venivano.

La fonte delle emissioni è rimasta misteriosa.

È stato ipotizzato che si tratti di materia organica immagazzinata che è stata disciolta e convertita in metano. O è solo metano già formato.

La calotta glaciale Sannikovsundet nell'Oceano Artico.

Immagine: NASA Earth Observatory

La calotta glaciale Sannikovsundet nell’Oceano Artico.

Cotto con riscaldamento

Una terza teoria ha sostenuto che si tratta di gas naturale proveniente da enormi fonti sotterranee. Il permafrost ha precedentemente tenuto in posizione questo gas, ma quando si scioglie, la pressione aumenta e si formano delle crepe sul fondo del mare, provocando il rilascio del gas.

Ora un progetto di ricerca russo-svedese, guidato dal professor Organ Gustafsson presso il Pauline Climate Research Center dell’Università di Stoccolma, ha trovato la spiegazione.

Rischio di emissioni significative

In un articolo Negli Atti della National Academy of Sciences, i ricercatori descrivono come, con l’aiuto di studi sulla formazione molecolare del metano, hanno dimostrato che la maggior parte delle emissioni proviene da una fonte di gas naturale profonda.

READ  Attenzione: la condivisione è contagiosa come la varicella - Tegnell: Molto non lo sappiamo

Ciò significa che c’è il rischio che in futuro vedremo emissioni molto più grandi perché il metano non deve prima essere formato attraverso la lenta decomposizione batterica della materia organica, afferma Organ Gustafsson.

Le emissioni di gas serra del permafrost non sono incluse nei calcoli climatici su cui si fonda l’accordo di Parigi, che mira a limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi.

Foto: Eva Dahlin / Università di Stoccolma

Professor Organ Gustafson

“Gira la curva importante”

Ciò significa che potremmo dover ridurre le nostre emissioni dalla società a un ritmo più veloce per raggiungere l’obiettivo climatico, afferma Organ Gustafsson.

Allo stesso tempo, vuole alleviare le paure.

Finora, il metano prodotto dallo scongelamento del permafrost non influenza molto i livelli nell’atmosfera. Ma questo mostra quanto sia importante ora invertire le nostre curve di emissione.

Pubblicato: