TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Engvi avverte dei dati sull'inflazione |  Hollandsposten

Engvi avverte dei dati sull’inflazione | Hollandsposten

Il mercato prevede che l’inflazione CPIF salga a un tasso annuo del 6,3% ad aprile, mentre la Riksbank si aspetta che raggiunga il 5,9%, che è paragonabile al suo obiettivo di inflazione del 2%.

E secondo Stefan Ingves, non è esattamente quanto l’inflazione mensile elevata sarà decisiva.

– Soprattutto, questo è il range, dice quando TT solleva la domanda su cosa lo preoccupa di più prima delle statistiche di giovedì rispetto a quelle della Svezia.

Sia i beni che i servizi sono aumentati

È la stessa cosa – cioè l’entità dell’inflazione – che in breve tempo ha indotto Ingves e la sua amministrazione ad abbandonare la visione dell’inflazione svedese come un problema temporaneo, che più o meno si risolverebbe da solo.

Ciò che è importante capire e seguire è cosa sta succedendo qui — perché ora abbiamo una situazione se si osservano gli ultimi numeri di inflazione in cui i prezzi di beni e servizi — e dell’energia — sono aumentati. Quindi ottieni l’ampiezza di tutto. Dice che tutto sta andando nella stessa direzione.

– Se tutto sta andando nella stessa direzione, è molto importante fermarlo del tutto, in modo che non diventi permanente e si inserisca nelle aspettative di inflazione. Poi ci vuole più tempo per cambiarlo, aggiunge.

L’obiettivo di Riksbank ora è quello di fare un atterraggio morbido con il giusto modello di misure di austerità: aumentare i tassi di interesse e liquidare il portafoglio di acquisto di supporto creato durante la pandemia. L’idea è che l’inflazione debba essere frenata senza che la politica monetaria trascini contemporaneamente l’economia svedese in recessione, con un forte aumento della disoccupazione e dramma nel mercato del reddito fisso.

READ  Lac alza il prezzo del petrolio - Dagens PS

La necessità di aumentare i tassi di interesse per un certo numero di anni

Ingves ritiene che ciò sia possibile, poiché iniziamo il viaggio da un livello di tasso di interesse molto basso e poiché l’attenzione non è fissata su alcun tasso di interesse massimo in futuro.

Non vediamo nemmeno i tassi di interesse massimi in futuro. Dice che potremmo aver bisogno di aumentare il tasso di interesse per un certo numero di anni.

– Quando ci occupiamo di questo in questo momento, abbiamo anche avuto uno sviluppo economico particolarmente buono e un buon sviluppo economico nel mercato del lavoro, dove ci sono molti posti vacanti. Aggiunge che questo significa che ci aspettiamo che le cose si stabilizzino nei prossimi anni.

L’unico inconveniente è di nuovo l’inflazione. Oppure, come dice Ingvis:

– Lo fa a condizione che abbiamo ragione nelle nostre aspettative di inflazione e che sia possibile da un lato aumentare il tasso di interesse ma dall’altro aumentare il tasso di interesse molto lentamente per un certo numero di anni.

Gli stipendi sono un pezzo importante del puzzle

Secondo Ingeves, il movimento dei salari, che diventa più caldo quando verranno raggiunti nuovi accordi l’anno prossimo, è un pezzo importante nel puzzle della politica monetaria.

La politica monetaria sarà certamente influenzata in una certa misura da ciò che sta accadendo su questo bordo. Ma nessuno dovrebbe immaginare una messa a punto della politica monetaria direttamente collegata ai salari, dice.

Non c’è relazione, da persona a persona, quando si tratta di aumenti salariali e variazioni dei tassi di interesse. Spetta a coloro che negoziano gli stipendi affrontare questo. Poi vedremo cosa ne risulterà.

READ  Lo stato organizza un finanziamento ponte per Fortum per gestire la situazione nel mercato dei derivati ​​​​dell'elettricità

Secondo Ingves, l’andamento dei salari è solo una parte di tutti i processi decisionali che influenzano le future decisioni sui tassi di interesse.

Dovresti fare una valutazione più ampia di ciò che sta accadendo nell’economia globale e nell’economia svedese e poi decidere cosa ritieni appropriato. Allora il movimento salariale diventa un elemento in esso. Ma la politica monetaria è più ampia e più ampia del movimento dei salari.