TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni italiane: a Roma la maggior parte delle cose va avanti come al solito

Elezioni italiane: a Roma la maggior parte delle cose va avanti come al solito

L'angolo di Hakan La maggior parte delle cose sono come al solito a Roma. Ma in politica le cose sono più complicate di quanto non siano state da molto tempo. Dopo le elezioni di domenica, Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d'Italia, sembra stia imparando a formare un governo. Un partito che porta con sé l’eredità del dopoguerra e del postfascismo.

La maggior parte delle cose sono come al solito a Roma. Sono seduto in un ristorante vicino a Villa Borghese a parlare delle elezioni italiane. L'umidità è più alta del solito. Ci vengono ricordate le crisi del mondo esterno. Quest'inverno tutti dovrebbero risparmiare energia in ogni modo immaginabile. Il consiglio ora si riduce alla pasta italiana. Continuare la cottura alla temperatura di post-riscaldamento, fino a leggere le istruzioni. Altrimenti la vita quotidiana continua come se non fosse successo nulla di utile. L’Italia è un Paese, come disse Giuseppe Tomasi di Lampedusa ne Il Gattopardo, dove “tutto deve cambiare per restare sempre uguale”.

Ma in politica le cose sono più flessibili e confuse, mutevole e sorprendente, di quanto lo sia stata per moltissimo tempo. L’Italia ha certamente una lunga storia di governi di coalizione di breve durata, che storicamente sono durati in media poco più di un anno. Dopo la guerra si sono avvicendati 69 governi.

Dopo le elezioni di domenica 25 settembre, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, sembra stia imparando a formare un governo. L’accusa storica è chiara e schiacciante. Sebbene il partito di Meloni abbia solo dieci anni, porta ancora con sé un’eredità del dopoguerra e del postfascismo. Si iscrisse giovanissima ad Alleanza Nazionale Originariamente chiamato Movimento Sociale Italiano, prese il comando quando la dittatura fascista di Benito Mussolini cadde alla fine della guerra. Si tratta di un’eredità che lei e i “fratelli italiani”, come vengono chiamati, non negano, ma non vogliono “rivendicarla”. “Fratelli d'Italia” o “Fratelli d'Italia” (è anche il nome dell'inno nazionale italiano):

Riuniamoci in gruppi *
Siamo pronti a morire/Prepariamoci a morire
Siamo pronti a morire/Prepariamoci a morire

L'Italia ha chiamato
SÌ!

Lo siamo da secoli
Perseguitato, deriso
Perché non siamo un popolo
Perché siamo divisi
Dateceli uno per uno
Conoscenza, speranza
In modo che diventiamo uniti
Il momento è già arrivato

*Unità militare rumena!


L’inno nazionale ovviamente non è un canto di battaglia fascista, anche se può suonarlo. Il testo si riferisce invece alla tarda unificazione d'Italia della fine dell'Ottocento. La libertà dal tormento dell'Austria fu ottenuta almeno con la forza delle armi. D'altro canto, la presa del potere da parte dei fascisti e la “Marcia su Roma” del 1922 costituiscono un capitolo oscuro nella storia del Paese. Sebbene Benito Mussolini non andasse a piedi, prese lui stesso il treno per raggiungere la capitale e il potere. L’Italia democratica che prese forma nel dopoguerra si basò su una carta antifascista. Costituzionalmente sono state stabilite restrizioni e separazione dei poteri che impediscono che la storia si ripeta.

READ  Un messaggio inaspettato da parte dei fornai, che non si vedeva da diversi mesi

Molti vogliono davvero un ritorno a una sorta di moderno governo mussoliniano? Non è realmente possibile vedere uno spostamento generale a destra tra gli elettori italiani.

Perché la Meloni adesso, dopo cento anni, diventerà presidente del Consiglio? Molti vogliono davvero un ritorno a una sorta di moderno governo mussoliniano? Non è realmente possibile vedere uno spostamento generale a destra tra gli elettori italiani. D’altro canto, c’è l’estremismo di destra, poiché i partiti di estrema destra hanno recentemente rafforzato la loro posizione. Ma l’Italia non ha un alto tasso di crimini d’odio, e la violenza politica che perseguitava il paese negli anni ’70 è oggi completamente assente. In termini di valori, gli italiani non sono più liberali degli altri europei. A destra è accettato anche il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Naturalmente, la critica all’immigrazione è ampia. Ma è più esteso che in altri paesi, per esempio che in Svezia?

D’altro canto, la sfiducia nei confronti della classe politica è diffusaE ha radici profonde. L’Italia ha avuto la sua giusta dose di politici corrotti. Inoltre, la divisione politica e l’incapacità della sinistra di offrire un’alternativa stabile hanno portato alla smobilitazione del movimento. Perché per quanto riguarda gli elettori, se la “sinistra” riesce a unirsi, e se si leggono attentamente i sondaggi, potrebbe riuscire a tenere il passo con la destra. Ma la sinistra è divisa. In un sistema elettorale che combina la delega maggioritaria e la rappresentanza proporzionale, la capacità di stabilire alleanze con molti altri partiti è cruciale per la capacità di prendere il potere governativo.

Al centro della questione, ovviamente, c'è lo scarso sviluppo economico dell'Italia. Lo testimonia l’evoluzione del Pil nel tempo. Il dopoguerra significò crescita, modernizzazione e maggiore prosperità per ampi gruppi di lavoratori dipendenti. L’Italia ha poi attraversato i difficili anni ’90, ma dopo la fine del secolo il PIL è cresciuto rapidamente. Ma dopo la crisi finanziaria, il PIL è diminuito e non si è più ripreso. In termini pratici, stiamo parlando di 15 anni di stagnazione o declino economico, che hanno significato condizioni economiche peggiori per ampi segmenti della popolazione. Anche l’Italia si trova ad affrontare un problema di debito nelle sue finanze pubbliche. Il debito pubblico totale è superiore al 150% e solo la Grecia mostra numeri peggiori nell’Unione Europea. La crisi dell’euro ha colpito duramente l’Italia. Inizialmente l’epidemia è stata particolarmente grave nelle zone settentrionali dell’Italia e il duro lockdown ha avuto un pesante prezzo sociale ed economico. La crisi politica era quindi radicata nel debole sviluppo economico, con molti italiani che vedevano diminuite le loro prospettive future.

La “Prima Repubblica” in Italia durò dal 1946 al 1992. La Democrazia Cristiana e il Partito Comunista si contesero allora gli elettori e il potere. Naturalmente la maggioranza fu dominata e governata dalla Democrazia Cristiana. Ma quando venne sollevato il coperchio sulla corruzione sconfinata e sui profondi legami con la mafia, il grande Partito Democratico Cristiano crollò come un castello di carte. La caduta del muro significò la trasformazione del Partito Comunista in un partito socialista democratico. Dopo il 1992, è stato Silvio Berlusconi che in questo vuoto è diventato la forza dominante della destra, e che ha trovato alleanze con l’estrema destra, ad esempio, “La Lega”, che ora è solo “Lega”. Mentre i democristiani di sinistra e i socialliberali aderirono al Partito Socialdemocratico (ex Partito Comunista), che fu ribattezzato “Partito Democo” (Partito Democratico). Per un quarto di secolo, il potere si è alternato tra la sinistra e la destra, ed entrambi i partiti hanno formato coalizioni elettorali in grado di governare.

READ  I requisiti dell'imposta sul valore aggiunto digitale dell'Unione europea minacciano di diventare un colpo multimiliardario per le imprese

Per quanto riguarda gli elettori, se la “sinistra” riesce a unirsi, e se si leggono attentamente i sondaggi, potrebbe riuscire a tenere il passo con la destra. Ma la sinistra è divisa.

Grande insoddisfazione per la classe politica Ora gli sviluppi economici hanno ridisegnato ancora una volta la mappa politica. Prima di queste elezioni, i partiti di estrema destra avevano aumentato significativamente il loro sostegno. Ma prima c’era un nuovo tipo di partito populista. Il Movimento Cinque Stelle (M5S) o Movimento cinque stelle è stato fondato nel 2009. Molti non hanno preso sul serio il partito fin dall'inizio, ed era guidato dal comico Beppe Grillo. Ma il successo è stato epico. È un classico partito anti-establishment fondato su un populismo duro. Naturalmente contiene critiche all'immigrazione. Ma ci sono anche elementi anarchici o democratici diretti. E la compassione della giustizia. Questo successo ha permesso all’attuale leader del partito, Giuseppe Conte, di diventare primo ministro nel 2018. Ma il malcontento è stato assorbito anche dalla Lega, un vecchio partito separatista e di estrema destra con sede nel nord Italia, ora guidato da Matteo Salvini. È stato un anno turbolento per il governo. Dopo molti colpi di scena, nel 2021 c’è stato un governo di coalizione guidato da Mario Draghi, che non è mai stato attivo nella politica dei partiti, ma ha avuto una carriera impressionante come stabile funzionario pubblico italiano. Un partito è stato escluso dal governo Draghi. Questo partito è ormai cresciuto in modo significativo. Quindi questo partito era i “Fratelli d'Italia”. Così l’insoddisfazione degli elettori è passata da un partito all’altro e ora al terzo. Questo è dove siamo adesso.

Pochi giorni prima delle elezioni, durante una cena ho avuto una conversazione con alcuni intellettuali di sinistra provenienti dall’ambiente socialdemocratico e socialista. Le elezioni non hanno portato ulteriore entusiasmo, ma piuttosto qualche timore. Si può votare per il Movimento Cinque Stelle, che recentemente è diventato più di sinistra. Ha aggiunto che il Partito Democratico ha vacillato e non è riuscito a negoziare un’alleanza più ampia tra il centrosinistra. Cercare di creare una simile alleanza non è stata una manovra del tutto semplice. Dei due partiti centristi, uno ha un leader che in precedenza è stato ministro del Pd e l'altro ha un leader che tra il 2014 e il 2016 è stato primo ministro dello stesso partito, Matteo Renzi, la versione italiana di Tony Blair. Va notato che il Movimento Cinque Stelle dà priorità alle questioni di giustizia sociale e ha una base elettorale che la sinistra in Italia aveva precedentemente mobilitato, soprattutto nel Sud Italia, ma che ora ha perso. Ora troviamo le roccaforti più forti del Partito Democratico nella classe media urbana. L'altro non sapeva davvero se sarebbe stato l'uno o l'altro. Oscillava tra il Partito Democratico e il Movimento Cinque Stelle. Il terzo voterà per il Partito Democratico e ritiene che il governo caduto quest’estate, guidato da Mario Draghi, sia stato il massimo che l’Italia potesse ottenere in questo momento.

READ  SJ è diventato un'icona per la Svezia

L'hadith dice qualcosa sulla divisione, sulla dualità e sulla resa La sinistra prima di queste elezioni. E su questo versante c’è molta incompetenza politica. L’Italia avrà quindi il suo governo più di destra dal dopoguerra, con Giorgia Meloni primo ministro. A proposito, sono cresciuto in una casa della classe operaia. Formerà un governo con la Lega guidata da Matteo Salvini e le rovine del partito di Silvio Berlusconi. Naturalmente è difficile prevedere cosa potrebbe fare un governo del genere, cosa realmente vuole fare e cosa può fare. In ogni caso, il presidente ungherese Viktor Orban avrà un alleato nell’Unione Europea. La Commissione a Bruxelles dovrà affrontare una domenica tesa nel giorno delle elezioni e una realtà politica complessa da affrontare in futuro, oltre a tutto il resto. Una delle sfide riguarda il fronte contro la Russia. Salvini e Berlusconi hanno stabilito contatti con Putin e la Russia, ma la Meloni, invece, ora ha promesso di continuare a sostenere l’Ucraina. L’Italia fa molto affidamento sugli aiuti finanziari dell’UE, che potrebbero rappresentare un importante fattore limitante, anche per questo governo di estrema destra.

La coalizione Meloni avrà il sostegno di una percentuale compresa tra il 40 e il 45 per cento degli elettori. Il sistema elettorale italiano, per come è attualmente strutturato, garantisce una maggioranza stabile. Ma il Movimento Cinque Stelle sembra andare bene e potrebbe conquistare molti seggi nel sud più povero dell’Italia. Molti hanno avvertito che la Meloni potrebbe ottenere una maggioranza di due terzi dei seggi, poiché il numero degli eletti è diminuito significativamente in queste elezioni. In questo caso, può far approvare modifiche costituzionali senza consultare i cittadini in un referendum. I “Fratelli d’Italia” vogliono, tra le altre cose, un presidente eletto direttamente con più poteri. Bandito in epoca antifascista. Tutto cambia. La domanda è: tutto rimarrà uguale? Una cosa è certa: l’instabilità e la volatilità degli elettori continueranno.

Hakan Bengtsson