TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco perché è così difficile per noi diventare moderati

A volte può essere difficile vedere la soluzione più semplice.

Immagina una torre contratta, con un tetto di un pezzo in un angolo. Come si può rinforzare un edificio in modo che possa sopportare il peso dei mattoni, senza che il tetto crolli e cada sul povero lego man sotto?

“Ottieni un dollaro se riesci a gestirlo. Ogni pezzo di Lego in più che aggiungi costa un centesimo. Cambia il design come preferisci e prenditi il ​​tempo che vuoi”, erano le istruzioni per un gruppo di persone a cui era stato assegnato il compito . Sebbene costino denaro, la maggior parte di loro ne ha montati altri tre, uno su ogni angolo, per mantenere il soffitto in posizione.

In un altro gruppo, dove lo sperimentatore ha aggiunto la frase “Ma rimuovere i pezzi è gratuito e non costa nulla” nelle istruzioni, la maggioranza è giunta alla conclusione che la soluzione più semplice ed economica è ovviamente rimuovere l’unico pezzo nell’angolo e posizionare se il soffitto è immagazzinato direttamente sotto.

– La frase “Ma la rimozione dei pezzi è gratuita” non contiene nuove informazioni. Non è necessario. Ma fa pensare ai partecipanti che sia una possibile alternativa alla rimozione dei frammenti, afferma Gabrielle Adams, ricercatrice di psicologia sociale presso l’Università della Virginia a Charlottesville, negli Stati Uniti.

Finché diamo loro l’idea che possono rimuovere qualcosa, alla maggior parte delle persone piace questa soluzione. Pertanto, possiamo concludere che quando le persone nel primo caso non hanno rimosso un pezzo, era possibile che non prendessero nemmeno in considerazione questa possibilità, afferma Benjamin Converse, ricercatore in psicologia sociale e psicologia cognitiva presso la stessa università.

“La perfezione non si avvera Antoine de Saint-Exupéry, autore de Il piccolo principe, ha scritto quando nient’altro poteva essere aggiunto, ma quando nient’altro poteva essere rimosso. Frasi come “meno è meglio” e “uccidi i tuoi cari” trasmettono la stessa cosa: che la soluzione migliore è spesso sbucciare piuttosto che aggiungere.

READ  Appello di McConaughey alla Casa Bianca: prenditi la tua responsabilità

Iniziamo a pensare se questi promemoria sono in atto perché altrimenti le persone non hanno questa opzione. Benjamin Converse afferma che non ci sono state ricerche su questo argomento.

La prima idea per indagare ulteriormente sulla questione è arrivata quando un collega di Gabrielle Adams e Benjamin Converse ha costruito un ponte in Lego con suo figlio. I pali di bronzo erano di diverse altezze, e mentre il tizio cercava un altro pezzo di Lego per livellarlo, il figlio risolse il problema rimuovendo invece un pezzo della gamba più lunga.

Abbiamo fatto osservazioni più simili. Quando le persone hanno bisogno di cambiare qualcosa, si chiedono cosa possono aggiungere. Ma non si chiedono cosa possono rimuovere, dice Gabrielle Adams.

I ricercatori hanno condotto molti studi sistematici, chiedendo alle persone di migliorare cose come edifici in Lego, ricette, articoli e itinerari, e hanno scoperto che le osservazioni erano corrette. La maggior parte dei partecipanti voleva aggiungere di più anziché sottrarre. L’unica eccezione era quando le ricette contenevano ingredienti non necessari o inaspettati, come il cioccolato su panini caldi al formaggio.

Gabrielle Adams e il suo staff hanno anche esaminato tutte le risposte ricevute quando il nuovo presidente dell’università ha chiesto al personale e agli studenti suggerimenti per miglioramenti.

Poi abbiamo visto che anche nel mondo reale e con proposte reali, le persone hanno maggiori probabilità di trovare idee per aggiungere cose nuove. Benjamin Converse dice che sono più attraenti.

Il prossimo passo per i ricercatori Per vedere perché lavoriamo in questo modo.

Abbiamo trovato due alternative principali. Le persone possono pensare allo stesso modo ai due tipi di cambiamento, ma per qualche motivo preferiscono aggiungerli. Oppure potrebbero anche non considerare affatto la sottrazione. Benjamin Converse dice che stanno solo cercando cose da aggiungere senza pensare al ridimensionamento.

READ  La campagna di Donald Trump ha appreso che Sidney Powell e Rudy Giuliani stavano mentendo

L’ultimo incarico suggerisce con una torre del nodo che supererà i mattoni e test simili, poiché le persone devono suggerire miglioramenti al campo da golf in miniatura o creare uno schema simmetrico mentre risolvono un altro compito.

Quando stai cercando di migliorare qualcosa, la domanda veloce: “Cosa posso aggiungere a questo?” Viene visualizzato nell’intestazione per impostazione predefinita. Pensare alla sottrazione non deve essere più difficile, ma sembra che dobbiamo fare molto di più per venirne fuori, dice Benjamin Converse.

I risultati dei ricercatori sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista natura.

Ci sono molti esempi reali Sulla tendenza umana ad aggiungere al miglioramento delle cose quando è meglio sottrarre.

Puoi confrontare il modo in cui Benjamin e io abbiamo imparato ad andare in bicicletta con il modo in cui i nostri bambini stanno imparando ad andare in bicicletta ora. Benjamin e io abbiamo guidato tricicli e biciclette con ruote di supporto. Gabrielle Adams dice che la maggior parte dei bambini oggigiorno sta imparando a guidare le motociclette.

Il La prima bici fu inventata in Germania nel 1817 ed era solo una bicicletta. I pedali non hanno ricevuto le biciclette fino a 50 anni dopo. Tuttavia, ci è voluta fino alla fine degli anni ’90 perché qualcuno avesse l’idea Per produrre in massa biciclette da jogging per bambini, E ho capito che era meglio rimuovere i pedali che mettere le ruote di supporto.

I risultati dei ricercatori potrebbero anche spiegare la popolarità dell’esperta di pulizie Mary Kondo e di altri sostenitori dell’eliminazione degli oggetti non necessari e della vita di meno.

– Mary Kondo ricorda alle persone di pulire. Questo è utile perché il nostro lavoro indica che le persone non lo pensano spontaneamente come un veicolo di miglioramento. Ci sono molti libri su come semplificare le cose. Il fatto che abbiano così tanto successo e popolarità indica che è un’idea nuova per le persone. Ciò è in linea con i nostri risultati, afferma Gabrielle Adams.

READ  Blinkin a Kiev chiede unità contro la Russia

Quindi vale la pena notare che Mary Kondo ha iniziato a vendere i fondi. Quindi ora puoi acquistare più scatole da loro per salvare le cose che ti piacciono, dice Benjamin Converse.

I ricercatori affermano che la nostra tendenza ad espandersi piuttosto che a ridursi ha conseguenze, sia per la nostra vita quotidiana che per la società nel suo insieme.

Quando si tratta di cose come il cambiamento climatico, il razzismo e problemi così difficili e pericolosi, possiamo chiederci cosa possiamo fare e cosa possiamo rimuovere. Forse dobbiamo puntare a questo e non chiederci solo come migliorare le cose, ma come possiamo migliorare le cose aggiungendo? Come possiamo migliorare le cose rimuovendole? Dice Gabrielle Adams.

Possiamo vedere problemi davvero grandi come i risultati di tutte le piccole valutazioni e decisioni che prendiamo a livello individuale. Se perdiamo il piccolo impatto della rimozione di qualcosa a livello individuale, afferma Benjamin Converse, tutto può trasformarsi in problemi su larga scala.