TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Matthias Pygmo sulla parità di cure

Papà ha avuto quasi due anni in più: pensi che ne sia valsa la pena?

Intervento chirurgico allo spioncino per un uomo affetto da cancro alla prostata.

Lacrime di rabbia E la tristezza cadde sul pavimento della cucina della fattoria nella foresta. Mio padre, un insegnante di scuola media in pensione della Norland High, aveva appena sentito che esiste un modo per rallentare il cancro. Ma non per lui. Il trattamento è costato molto denaro ed è stato fornito il più rapidamente possibile in Finlandia. L’assistenza sanitaria svedese sapeva che funzionava, ma non voleva pagare i costi per prolungare la vita degli uomini prostatici come lui. Quindi mio padre si preparò a morire.

Per legge, l’assistenza deve essere uguale per tutti indipendentemente da “talento, status sociale, reddito, età, ecc.” Le decisioni in ambito sanitario dovrebbero seguire il “principio dei valori umani”, ma alla luce della realtà è uno scherzo. Se hai i soldi, puoi acquistare cure migliori e più rapide in Svezia o all’estero. La qualità dell’assistenza dipende anche dal luogo in cui vivi: le differenze tra le regioni sono significative.

Chi lavora nella sanità lo sa, ovviamente; In Testo bruciato In Parabol Magazine evidenzia il medico CeciliaVerdinelli Decadimento totale. Lei ritiene che l’assistenza non possa “mantenere la promessa della legge ai cittadini di un’assistenza paritaria e basata sui bisogni”. Alcuni pazienti e/o parenti sono in grado di parlare da soli. Scoprono qual è il trattamento migliore, lo richiedono e lo ottengono. Altri si siedono obbedienti con il cappello in mano o si sentono così male che non riescono ad alzare la voce – non lo capiscono. Permette alla malattia di crescere nel corpo del paziente. Le persone soffrono inutilmente e muoiono prematuramente. L’efficienza dei costi si basa sul valore umano.

READ  L'Unione Europea inizia ad addestrare 15mila soldati ucraini

Hanne Kohler scrive per DN A Lo Stato non dovrebbe diluirsi Sulla pelle e prolunga la vita dei malati di Alzheimer. In un testo pieno di (deliberate?) interpretazioni errate di ricerche e studi, sono giunto alla conclusione che il prezzo del miglior farmaco che ha dimostrato la sua efficacia è troppo alto. “Come basteranno i soldi?” grida. Come se il “denaro” fosse fisso e incrollabile. Testa LO Susanna Gidonson Recentemente è stato suggerito che la tassa sui profitti bancari di miliardi di dollari potrebbe essere aumentata rispetto ai livelli incredibilmente bassi di oggi. Una proposta che gode di ampio sostegno nell’elettorato e potrebbe aiutare il settore pubblico ad eguagliare le capacità dell’assistenza sanitaria privata. Ma Cuellar non è il solo a essere riluttante a fornire cure moderne ed eque a tutti.

Questa deliberata frammentazione della società e il sistematico impoverimento del settore pubblico lo vediamo ovunque

Un giorno fu presa una decisione che avrebbe cambiato la vita di tutti gli uomini prostatici attuali e futuri del paese. Pluvicto è stato responsabile della sua approvazione e introduzione nella cura del cancro svedese. Blovocto è lo stesso tipo di prodotto che ha la Finlandia, utilizza un isotopo radioattivo che rende il trattamento del cancro mirato. Il ricercatore svedese dell’Agenzia per le prestazioni dentistiche e farmaceutiche TLV concorda con i risultati dello studio internazionale di fase III condotto: Il metodo funziona e allunga la vita rispetto ai vecchi trattamenti chemioterapici standard. Ma il costo della preparazione scoraggia l’investigatore, che si scoraggia. Moltiplicato per tutti i pazienti, si tratta ovviamente di molti milioni. Il prezzo della vita che lo Stato non vuole pagare per chi comunque morirà presto.

READ  Variabile delta: soffrono di più

Nuovo consiglio Trattamenti” – chiamato anche “Consiglio NT” – e quindi interrompe nuovi trattamenti. Proprio come prima per motivi di costi Interrompi il farmaco Ad esempio l’atrofia muscolare. Il consiglio è composto – avete indovinato – dai rappresentanti dei servizi sanitari delle regioni. Coloro che devono pagare per nuovi farmaci e metodi. Non quelli del settore che curano ogni giorno gli uomini prostatici o che sono i maggiori esperti in oncologia. Il consiglio è composto da burocrati che indossano camici da medico. La loro decisione è scritta in chiaro: gli uomini che soffrono di prostata dovrebbero decidere per quanto tempo avranno una vita. Sì, a meno che non possano pagarsi da soli: chi può permetterselo può continuare ad andare in Finlandia e prolungare la propria vita.

Come dice Arne Anka: “Tutte queste guerre parlano per noi stessi”. Naturalmente sono pazzo e dovrei cogliere l’occasione per pregare Orazio Engdahl I suoi aiutanti più giovani si scusano per essersi appropriati dei loro curriculum. Ma mio padre e i suoi miserabili fratelli non sono la cosa principale; Naturalmente non è stato il loro destino a spingermi a scrivere questo e un intero libro su queste sciocchezze.

Via questa pubblicazione consapevole La società, l’impoverimento sistemico del settore pubblico – lo vediamo ovunque. Nella sanità, nella scuola e nell’assistenza agli anziani. Sì, ovviamente le nostre risorse sono limitate e la politica è la priorità. Ma ci voleva anche la politica, o almeno una volta ce n’era bisogno. Come persona al potere, permettere che la sopravvivenza diventi una questione puramente finanziaria è una ricetta sicura per il disprezzo politico. Invece, fornire il miglior trattamento globale per tutti non sarà solo un investimento nel trattamento degli uomini affetti da prostata o dei malati di Alzheimer. Servirà come segnale prezioso e unificante sulla nostra identità in questo Paese. Il valore umano non ha mai un prezzo elevato. Dovrebbe essere un faro di luce per la nostra società, ma anche un pacchetto di riforme politiche facile da realizzare con un’ampia gamma di finanziamenti.

READ  Putin vuole intimidire i critici e spingerli all’obbedienza

Non potevo lasciare che mio padre morisse lì, nella sua vecchia cucina, così ho sperperato tutti i miei soldi, ho venduto delle cose e ho pagato le sue cure finlandesi. Ha protestato, tra l’altro, per motivi ideologici (“Mathias, ho e jo privat!”), ma alla fine è finito sul traghetto finlandese. Ha ottenuto il farmaco mirato che lo Stato non ha voluto pagare. Recenti radiografie, non disponibili nella sua zona natale, hanno dimostrato che il cancro era quasi completamente regredito. Abbiamo festeggiato a Helsinki: la nostra coppia con grappa al Sea Horse e la loro prima visita ad un bar karaoke. Ho cantato “Jelly”. Ha ottenuto quasi altri due anni.

Ne valeva la pena? cosa ne pensi?