TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ecco come la pubblicità cambia le tue abitudini alimentari

Ecco come la pubblicità cambia le tue abitudini alimentari

Non è un caso che la pubblicità esterna si riferisca solitamente a cibi dolci e ricchi di grassi, secondo il ricercatore di marketing Erik Modig della Stockholm School of Economics. Lo scopo della pubblicità è ricordarci il nostro profondo bisogno di ricompensarci con qualcosa che riteniamo buono.

“Noi esseri umani dovremmo ovviamente ricevere ricompense e indulgere in cose buone, ma poi la domanda è: quanto spesso e quanto?”, dice Eric.

– Dovremmo pensare: “Oh, il cioccolato è buono, me lo concederò”. Dopo il messaggio pubblicitario, raramente si è lontani da un negozio o da un chiosco. Noi esseri umani siamo più ricettivi alla pubblicità rispetto a ciò che consideriamo una ricompensa. Ecco perché non vediamo pubblicità esterna per verdure e fiocchi d'avena, afferma Eric Modig.

Durante l'evoluzione, abbiamo sviluppato una forte attrazione A zuccheri e grassi perché aumentavano le nostre possibilità di sopravvivenza. Attraverso gli alimenti ricchi di calorie che ci provengono dalla natura, siamo in grado di accumulare energia, oltre a nutrienti importanti come vitamine e minerali.

Ma Eric Modig ritiene che non si tratti solo del modo in cui l’evoluzione ci ha plasmato. Anche gli usi e i costumi della società hanno una forte influenza.

Da bambini ci viene insegnato a definire i dolci, le bibite e le patatine come una ricompensa e che dovrebbero essere i dolci del venerdì e i dolci del sabato. È un condizionamento a livello sociale. Qui anche le aziende commerciali contribuiscono molto alla definizione degli standard. Prendiamo, ad esempio, Halloween con il suo “dolcetto o scherzetto” (dolcetto o scherzetto) di cui noi come società godiamo e scegliamo di introdurre, afferma Eric Modig.

Le normative operano in violazione degli standard

Allo stesso modo delle pubblicità aziendali Può cambiare il comportamento delle persone, così come possono cambiare regolamenti di vario genere. Eric Modig spiega quanto le bevande analcoliche pensiamo siano normali.

READ  L'arte di guarire da altre prospettive

– Se la bevanda normale è mezzo litro, la gente berrà mezzo litro. Ma se è 2,5 dL, la gente lo berrà e alla fine sarà insoddisfatto.

Un altro esempio è la dimensione Sui sacchetti sullo scaffale delle caramelle sfuse. Più grande è la borsa, più caramelle devi comprare per sentirti come se ne avessi abbastanza.

Uno scaffale del negozio pieno di bevande analcoliche
Il cibo che scegliamo di acquistare e mangiare e ciò che ci piace è fortemente influenzato dal marketing e dall’accesso. Foto: Edis Buturi

In generale, ritiene che ciò sia necessario Norme che modifichino i comportamenti e che i politici, indipendentemente dal colore del governo, tengano conto degli interessi aziendali a scapito della salute pubblica. In Svezia, ogni adulto è in sovrappeso o obeso e, quando si tratta di bambini di età compresa tra 6 e 9 anni, un bambino su quattro è in sovrappeso o obeso.

Oltre al peso corporeo in eccesso Può portare a malattie cardiovascolari e diabete e aumenta il rischio di 13 diverse forme di cancro.

Senza norme, la responsabilità ricade in gran parte sul singolo, che non ha chiesto fin dall'inizio che lo spazio pubblico fosse “coperto” con adesivi che ricordano i dolci.

Il social media marketing è una terra di nessuno.

Quando l’UNICEF Svezia e la Heart and Lung Foundation hanno indagato sull’esposizione alla pubblicità alimentare a cui erano esposti i bambini, hanno scoperto che l’80% della pubblicità esterna riguardava cibo malsano, cibo che a lungo andare può farti ammalare.

HUn altro studio dell'Università di Göteborg Sembra che due alimenti su tre nelle pubblicità dei negozi di alimentari siano collegati a cibi malsani. Veramente?

– Noi esseri umani dovremmo ovviamente ricevere ricompense e indulgere in cose buone, ma poi la domanda è: quanto spesso e quanto? Eric dice.

Regolamenti e leggi Secondo lui potrebbe applicarsi anche al contenuto di zuccheri e grassi, così come esistono norme su altri ingredienti dannosi per la salute.

READ  Non è necessariamente il grasso che porta ad un infarto
Ragazza in piedi con il gelato in mano a bordo piscina.
Ad esempio, i bambini spesso sentono che gli influencer sono come i loro amici e hanno difficoltà a distinguere tra pubblicità e contenuti normali. Foto: Axel Oberg

– Coloro che gestiscono le aziende sono solitamente persone innovative. Se il contenuto di zucchero venisse ridotto in modo significativo, troverebbero il modo di produrre i prodotti che amiamo e che desideriamo acquistare.

Pensa che la gente potrebbe arrabbiarsi e pensare che “l’intervento statale” sarebbe una sensazione passeggera.

– Oggi poche persone si lamentano del fatto che fumare nei ristoranti è illegale. Naturalmente noi esseri umani odiamo il cambiamento, ma allo stesso tempo siamo bravi ad adattarci, afferma Eric Modig.

Inoltre, un sondaggio ha mostrato Secondo Novus, l'80% della popolazione svedese vuole che il governo sviluppi un piano d'azione per abitudini alimentari sane e il 71% vuole mangiare più sano di quanto non faccia oggi.

Lo stesso messaggio nelle nuove arene

La pubblicità degli alimenti malsani non è cambiata, il principio di base è lo stesso di 50 anni fa, afferma Eric Modig. Ma ciò che è cambiato è il panorama dei media e il numero di opportunità di esposizione. Al giorno d'oggi ci sono più superfici su cui le aziende possono esporre i propri prodotti.

L'altra differenza è che le aziende Utilizza la raccolta di dati, mappando ciò che piace online a un particolare individuo e quindi indirizzando gli annunci a quella persona. Quando si tratta di pubblicizzare caramelle e altri alimenti poco salutari, la raccolta dei dati non viene utilizzata in questo modo.

– Il singolo consumatore non ha un grande valore, ma piuttosto la grande massa è il gruppo target perché la pubblicità mira a ricordare alle persone il generale bisogno umano di ricompensa, dice Eric Modig.

In una certa misura, gli influencer lo fannoSoprattutto quelli rivolti ai bambini e ai giovani, che pubblicizzano dolci, bibite e altri alimenti poco salutari. L'influencer può provare le caramelle appena lanciate o bere sempre una certa bibita nel proprio profilo. Ecco uno degli ambiti più trascurati dai politici in termini di regolamentazione.

READ  Il contenuto di alone più basso nelle acque reflue da prima di Natale
Vetrina del negozio piena di biscotti con gocce di cioccolato.
La maggior parte dei buoni affari – “compra tre, paghi due” – riguarda cibi poco salutari. Oggi abbiamo anche una distanza fisica più breve per il fast food. Foto: Axel Oberg

-Si potrebbe dire che il marketing sui social media è un paese un po' senza legge. Le aziende possono senza problemi commercializzare prodotti indesiderati, anche tra i bambini e i giovani. È davvero strano. La mia opinione personale è che i politici dovrebbero lavorare di più con i regolamenti e la legislazione in questo particolare settore, afferma Eric Modig.

Un'altra cosa tipica Quando si tratta di commercializzare alimenti non salutari, lo sconto sulla quantità è del tipo “prendi tre, paghi due”. Questo perché il margine di profitto è superiore, ad esempio, a quello di una mela.

– I prodotti offerti con uno sconto sulla quantità sono spesso prodotti indesiderati, cioè malsani o di scarsa qualità. Si può dire che se c'è un margine elevato su un prodotto, spesso è peggio per la salute.

Comprare tre scatole di caramelle Il prezzo di due rendeva “normale” anche avere in casa i dolci “in scorta”. Alla fine, ridurre la quantità porta a mangiare più dolci di quanto si intendesse.