TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

E Anders Tegnell non sarà la briscola di destra nel 2022

Il fallimento è arrivato e Kristerson ha cercato una cannuccia

Pagina di apertura Aftonbladet Indipendentemente un socialdemocratico.

Göteborg. La propaganda di intimidazione era enorme. Il virus di febbraio e marzo 2020 è stato tratto da un film horror. Uno studio ben pubblicizzato condotto da ricercatori dell’Università di Uppsala, del Karolinska Institutet e del KTH ha scoperto che 81.000 svedesi moriranno prima del 1 luglio 2020. Per gestire l’assistenza sanitaria, avremo bisogno di 40 volte più letti IVA del solito.

Ci è stato detto che la rotta della Svezia era un “esperimento” pericoloso per la vita che avrebbe tolto la vita a gran parte della popolazione. Faremo peggio di tutti i Paesi che hanno chiuso le scuole e accettato la sfida.

Poi abbiamo fatto ancora calcoli molto prudenti”, ha detto Lynn Kamerlin, professore di chimica all’Università di Uppsala, che faceva parte del gruppo di ricerca.

Ma non c’era un unico numero corretto.

Nei media stranieri sembrava lo stesso. I giornali solitamente considerati seri, il New York Times, La Repubblica, The German Focus, The Guardian e altri ci hanno definito stupidi. A volte in articoli così pieni di errori di fatto che è difficile fare subito una ricerca.

Io stesso sono stato chiamato da molti media stranieri che chiaramente credevano che la vita qui si svolgesse come al solito. Quando ho raccontato loro della mia vita quotidiana e di quanto drammatici fossero i cambiamenti nella realtà, chiaramente non mi hanno creduto. È stata una lezione utile su come le redazioni pericolose possono andare nella tana del coniglio.

“Il risultato inevitabile è che milioni di persone hanno vissuto in libertà e milioni di bambini hanno distrutto la loro istruzione, invano”. Johann Underberg scrive

A un anno e mezzo dall’inizio della pandemia, sappiamo che quel tipo di critica era sbagliata. Oggi bisogna scegliere con molta attenzione paesi, periodi temporali e statistiche se si vuole presentare la strategia svedese come un fiasco.

Se si verifica un tasso di mortalità in eccesso per tutto il 2020, la Svezia è al 21° posto su 31 in Europa, secondo Eurostat. Lo ha affermato lo scrittore e giornalista Johann Underberg in Sydsvenskan. E sembra che i maggiori media internazionali, molto critici nei confronti della strategia svedese, abbiano completamente smesso di scrivere di noi.

Significativamente, i paesi in Europa che hanno effettivamente optato per i blocchi autoritari hanno generalmente fatto peggio di noi. In numeri assoluti, è scioccante leggere il bilancio delle vittime. A livello globale, secondo le statistiche ufficiali, finora sono morte più di cinque milioni di persone a causa della pandemia. Nel Regno Unito morirono 140.000, in Italia 130.000 e in Francia circa 120.000.
Se guardi ai paesi dell’UE delle nostre dimensioni, l’Ungheria ha 30.000 morti e il Belgio 26.000, il doppio della Svezia. Questo nonostante le rigide restrizioni con il coprifuoco e una società chiusa.

“Il risultato inevitabile è che milioni di persone hanno vissuto in libertà e milioni di bambini hanno distrutto la loro istruzione, invano”. Scrive Johann Underberg.

Questo potrebbe puntare il dito sul motivo per cui l’epidemia non è sotto controllo qui al Congresso socialdemocratico di Göteborg.

È iniziato con l’ammissione di tutti Stefan Lovin Conferenza di mercoledì con un sospiro di sollievo com’è bello ritrovarsi finalmente. “Ci siamo mancati”, ha detto.

La pandemia si ricorda anche che tutti gli eventi e gli espositori circostanti sono spariti. Il partito del Congresso sembra essere stato un evento tranquillo.

Comunque sembra strano. Dopotutto, viviamo in una sorta di situazione di emergenza da marzo 2020.

READ  Joachim Persson al Game Show di Varberg: "Lotteria Italiana"

Venerdì, l’autorità statale interessata a Corona ha presentato il suo secondo rapporto intermedio, i moderati e Democratici Svedesi Tentai, un po’ tiepidamente, di suggerire che la gestione della crisi da parte del governo fallì di nuovo. Qualcosa che non hanno fatto quando la pandemia era al suo peggio. Invece, c’era pace e grande sostegno per il modello svedese.

Sfortunatamente, il corpo di Corona è stato modellato in modo tale che una vera critica alla gestione frammentata delle crisi e al pensiero del tubo di scarico tra le autorità è quasi inimmaginabile.

Il comitato probabilmente si accontenterà di trovare un capro espiatorio, come Stefan Lofven o Anders Tegnell, per poi rimuovere tutti i veri problemi sotto il tappeto.

La nostra gestione della crisi civile è così ostaggio di così tanti giovani papi nelle autorità, nelle regioni e nei comuni, che nessuno oserebbe combattere una vera battaglia contro di essa. Anche nella prossima crisi, la regione di Stoccolma potrà rifiutarsi di collaborare con il governo e SKR potrà restare.

Quindi, nonostante il rapporto della commissione sia stato presentato meno di una settimana fa, sembra che sia già stato dimenticato qui a Göteborg.

Se parli con rappresentanti o membri del consiglio di partito, ci saranno questioni molto diverse rispetto ai virus in discussione. Alcuni vogliono un voto sul quadro economico, altri vogliono abolire la Giornata delle qualifiche, l’embargo nucleare, le cure dentistiche, la tassa sulla proprietà, una politica dei rifugiati più generosa o varie questioni normative interne.

Uomini Corona?

No.

Lo stesso fenomeno può essere visto nel resto del dibattito pubblico: la corona è diventata la questione elettorale che è scomparsa.

READ  Vigneti turchi in lotta con vento contrario - P1 mattina1

Finora, l’epidemia non è finita. In Olanda iniziano a essere reintrodotte le restrizioni e in Danimarca il contagio si sta diffondendo nuovamente. Forse vedremo lo stesso sviluppo qui alla fine dell’anno. Ma la carica politica sembra essere stata persa. E Anders Tegnell probabilmente non sarà il vincitore corretto delle elezioni del prossimo anno, anche se l’Autorità Corona farà un grande passo.

Anche l’opposizione di destra stenta a trovare la parola giusta dopo che Jimmy Okesson ha già definito la strategia svedese del “massacro” e Ebba Bush Ha detto che Stefan Lofven “coraggiosamente” ha lasciato che l’infezione si diffondesse.

Cosa farai dopo?

Forse la verità è davvero molto semplice, affrontare una pandemia è dura e le cose andranno male. La gente lo capisce. Ma l’equilibrio della Svezia tra libertà individuale e sostegno pubblico alle imprese nella crisi e le restrizioni del virus Corona era comunque molto ragionevole.

Non siamo ancora usciti dalla crisi, insieme abbiamo fatto del nostro meglio nella peggiore crisi della Svezia dalla seconda guerra mondiale. È qualcosa di cui essere orgogliosi, ma dopotutto è dietro di noi.

Le elezioni del prossimo anno probabilmente ruoteranno attorno a cose diverse da Anders Tegnell. E potrebbe andare bene.

Inserito:

Iscriviti alla newsletter di Lidarrediactionen

Ricevi il miglior giornalismo d’opinione svedese con il cuore a sinistra, direttamente nella tua casella di posta.