TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo la sconfitta di Macron: più incerto il percorso della Francia nell'Unione Europea

Dopo la sconfitta di Macron: più incerto il percorso della Francia nell’Unione Europea

Dopo la perdita di Emmanuel Macron alle elezioni parlamentari francesi di domenica, la stampa internazionale specula sulla futura politica della Francia nei confronti dell’Unione europea.

Come risponderà la Francia all’attuale grande crisi con un parlamento frammentato che non è mai stato antieuropeo, si chiede Christophe Berti, caporedattore del quotidiano belga Le Soir.

Appena due mesi dopo che Emmanuel Macron è stato rieletto presidente della Francia, ha affrontato una grave sconfitta politica alle elezioni parlamentari francesi di domenica.

Con 100 parlamentari in meno, il presidente francese Emmanuel Macron ha perso di gran lunga la maggioranza assoluta nella legislatura del paese. Il risultato è uno dei peggiori per un presidente francese da molto tempo – non dagli anni ’80 a un presidente mancava la maggioranza assoluta in parlamento – e probabilmente ridurrà le possibilità di Macron di attuare la politica per la quale è stato rieletto. alle elezioni presidenziali di aprile.

Invece di poter, come durante il suo primo mandato, approvare nuove leggi a maggioranza propria, il presidente dovrà ora cercare cooperazione e concessioni con altri partiti.

Il vincitore delle elezioni sono stati i partiti esterni. L’Alleanza di Sinistra – formata dal partito di sinistra occupato dalla Francia, dal Partito Socialista, dal Partito dei Verdi e dal Partito Comunista – che divenne il secondo gruppo politico più grande, ma anche il nazionalista di destra e l’Assemblea Nazionale legata alla Russia, che più che ha raddoppiato il numero dei membri.

Gilles Evaldi, politologo francese, avverte che il mandato quinquennale iniziato ora sarà molto complesso.

La polarizzazione che emerge dai sondaggi costituisce tre schieramenti che si scontrano e si oppongono in tutto. Europa, economia, immigrazione, sicurezza: non sono d’accordo su niente, dice sul quotidiano svizzero indipendente Tempi bassi.

READ  Più gas da Algeri, quindi rispondiamo a Putin. Ho subito ottenuto tre miliardi ...

“Il Parlamento è più antieuropeo che mai”

È probabile che il debole ruolo di Macron in patria abbia conseguenze anche all’interno dell’UE, cosa di cui scrivono soprattutto i media liberali indipendenti.

Il quotidiano belga La Libre Belgique, quotidiano politicamente indipendente ma considerato di carattere liberal-conservatore, Scrive È un giorno triste per l’Europa.

– La Francia sotto la guida di Macron, nell’odierna situazione geostrategica, avrebbe svolto un ruolo di primo piano insieme alla Germania nell’affrontare le formidabili sfide che l’invasione russa dell’Ucraina ha posto agli europei, come la sicurezza e la transizione energetica. Il principale scrittore François Mathieu scrive che abbiamo un presidente debole ancor prima che abbia avuto il tempo di iniziare davvero.

Anche il contendente, il liberale indipendente Le Soir, Scrive Il risultato è preoccupante per l’Europa.

– Certo, viene da chiedersi come reagirà la Francia alle grandi crisi attuali – la guerra in Ucraina, il piano di ripresa economica, la crisi ambientale – con un Parlamento così diviso che non è mai stato antieuropeo, caporedattore Christophe Berti rileva che l’unica potenza nucleare in Europa è stata indebolita dalla Francia, che si sta risvegliando e ingovernabile.

‘La posizione europea della Francia è molto incerta’

Anche indipendente dal quotidiano centrale Washington Post Vede il risultato come un colpo politico per Emmanuel Macron “che potrebbe complicare la sua leadership in un momento in cui l’Europa deve affrontare le profonde sfide poste dalla guerra in Ucraina”.

“Sebbene i presidenti francesi esercitino più potere in politica estera e in altre aree rispetto ai loro omologhi in molti altri paesi europei, fa ancora affidamento sulla Camera dei deputati per molti dei suoi importanti progetti”, ha scritto il quotidiano.

READ  Lotta per il potere in Libia a dieci anni dalla morte del dittatore

Uno scenario “del tutto impareggiabile nella tradizione politica e istituzionale del sistema presidenziale francese, che mette tutto in gioco: le riforme liberali, ma anche la posizione internazionale della Francia sull’Europa e la guerra in Ucraina”, il quotidiano di centrodestra italiano segnalato. No Stampa.

La posizione europea e internazionale della Francia è diventata più ambigua”.