TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo la notizia del cessate il fuoco – Eva spera di entrare a Gaza

Dopo 11 giorni di combattimenti militari, giovedì sera Israele e Hamas hanno deciso di fermare gli attacchi reciproci e, secondo le informazioni, il cessate il fuoco entrerà in vigore dalle 02:00 di venerdì sera.

Il conflitto ha finora causato 12 vittime da parte israeliana, inclusi due bambini, secondo le autorità israeliane. Altri palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani e, secondo i funzionari sanitari di Gaza, il bilancio delle vittime giovedì ha raggiunto quota 232, dopo che un altro palestinese è stato ucciso in un attacco israeliano l’undicesimo giorno dei combattimenti. Il numero dei feriti a Gaza è di almeno 1.900.

Eva Hickey, infermiera per medici La dichiarazione illimitata di un cessate il fuoco significa aumentare le speranze di entrare a Gaza. Sono arrivato a Gerusalemme da Gaza circa due settimane fa per aiutare la Mezzaluna Rossa, dopo gli scontri alla moschea di Al-Aqsa.

Sono rimasto lì quando sono iniziati i missili e gli attacchi aerei e sono stati chiusi i valichi di frontiera tra Israele e Gaza. Da allora, agli aiuti umanitari è stato negato l’ingresso a Gaza. Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli aiuti umanitari (OCHA), solo cinque dei 24 camion di aiuti sono stati autorizzati a entrare a Gaza al valico di frontiera di Kerem Shalom.

Eva Hickey ora spera di ricevere venerdì un messaggio positivo sulla libertà di passaggio.

– È stato così frustrante sedersi qui e aspettare perché le esigenze sono così grandi. Riceviamo molte segnalazioni dall’interno del sistema sanitario che è a corto di materiali, medicinali e personale. Ho visto un sistema sanitario gravemente malato con attrezzature obsolete e dipendente da donazioni e assistenza esterna. I membri del personale caddero in ginocchio in una delle guerre più difficili, con molti di loro feriti.

READ  Giappone: tutte le prenotazioni dei voli sono sospese

Anche se sei accettato A Gaza, si teme che il cessate il fuoco sia fragile, dice Eva Hickey, e che gli aiuti non stiano ancora raggiungendo il livello dell’assistenza sanitaria.

Spero che si calmi finché non arriviamo agli ospedali con materiali e medicinali. Ci auguriamo che venga raggiunto un cessate il fuoco e che possiamo uscire e aiutare tutti i civili colpiti, afferma Eva Hickey.

Per saperne di più: Nathan Shahar: cessate il fuoco di venerdì: un accordo a lungo termine