TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stasera il cessate il fuoco tra Hamas e Israele

La decisione del mini governo israeliano è arrivata all’unanimità per un cessate il fuoco “reciproco e incondizionato” per combattere contro Gaza.
“Abbiamo raggiunto i nostri obiettivi di guerra, inflitto grandi danni ad Hamas e abbiamo ristabilito la nostra deterrenza contro l’organizzazione”, hanno scritto nella dichiarazione.

Hamas ha confermato il cessate il fuoco e Ali Baraka, il rappresentante di Hamas, lo ha descritto come “una perdita per Netanyahu e una vittoria per il popolo palestinese”, secondo l’Associated Press.
Per le strade di Gaza, scene di gioia sono esplose con il grido delle auto e lo sventolio delle bandiere palestinesi. SVT.

I servizi di sicurezza egiziani hanno mediato le deliberazioni La decisione del cessate il fuoco è arrivata dopo forti pressioni internazionali, aumentate negli ultimi giorni, principalmente dagli Stati Uniti e dal presidente Joe Biden.
Nella tarda notte di giovedì, Biden, in un discorso, ha espresso sostegno al diritto di Israele di difendersi dagli attacchi missilistici, ma ha anche promesso di fornire aiuti umanitari alla popolazione vulnerabile di Gaza.

Ma le domande che sono scoppiate nell’ultima battaglia rimangono.
Israele e il primo ministro Benjamin Netanyahu non hanno promesso nulla ad Hamas nella lotta per Gerusalemme e l’area contesa di Sheikh Jarrah nella parte orientale occupata della città. Se Israele si astiene dall’espellere i palestinesi del vicinato, sarà visto come una concessione ad Hamas. Se invece effettuano le evacuazioni, Hamas imparerà a rispondere con nuovi attacchi.

E Anders Pearson, esperto di Medio Oriente e scienziato politico presso la Linnaeus University, afferma che la caduta del cessate il fuoco non richiede molto.
C’è il rischio imminente che non sarà a lungo termine e che torneremo all’escalation come prima, dice a SVT.

READ  "Vado fuori dall'inferno"