TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo il vertice UE: informazioni tardive sul conflitto polacco

Dopo il vertice UE: informazioni tardive sul conflitto polacco

Londra. Il vertice di Bruxelles non ha portato ad alcuna risposta su come la Commissione europea dovrebbe agire contro la Polonia. Ma il tono è stato alzato da molti leader.

“Voglio dire, la Polonia è andata troppo oltre”, ha detto il primo ministro irlandese Michael Martin.

I leader dell’Unione Europea hanno concluso Venerdì, l’incontro di due giorni segue i colloqui ad alta priorità sulla crisi energetica, sulla politica commerciale e su come la pandemia continua a diffondere ansia negli Stati membri.

In conclusione, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha ricevuto un caloroso benvenuto dopo il suo 107esimo e ultimo vertice.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel.Foto:Marcus Schreiber

Ma è stata l’escalation della disputa tra l’Unione Europea e la Polonia a mettere in ombra i colloqui.

Il vertice è stato il primo dopo una controversa decisione della Corte costituzionale polacca, controllata da giudici leali. In primavera, il primo ministro Mateusz Morawiecki ha chiesto un’indagine, che a ottobre ha portato a una sentenza del tribunale secondo cui la legge polacca invalidava il diritto dell’UE in alcune aree.

La decisione ha suscitato forti proteste sul fatto che il governo nazionalista conservatore del PiS stesse minando i valori fondamentali dell’unione e non seguendo le regole firmate da tutti gli Stati membri.

Germania, Francia e Italia hanno affermato che il conflitto richiede un dialogo continuo per raggiungere una soluzione.

Altri leader hanno preso il sopravvento Una linea più dura e si dice che il primo ministro olandese Mark Rutte abbia voluto vedere un’azione disciplinare immediata.

Rutte ha affermato, ad esempio, che la Polonia non può contare di ricevere i 57 miliardi di euro che il Paese vuole dal Fondo europeo per la ripresa della corona. La Commissione europea non ha ancora accettato di pagare i soldi.

“È difficile immaginare come una grande quantità di denaro, che è stata il risultato della discussione sul riscatto lo scorso anno, sarà messa a disposizione della Polonia quando questo non è stato determinato”, ha spiegato.

Il primo ministro olandese Mark Rutte.
Il primo ministro olandese Mark Rutte.Foto:Pietro Dejong

Anche il primo ministro irlandese, Michael Martin, è stato chiaro sulla sua posizione, osservando che altri paesi sarebbero responsabili del sostegno finanziario di cui la Polonia ha bisogno dopo la pandemia.

“È davvero uno schiaffo in faccia per quei paesi avere uno stato membro che trarrebbe grandi benefici da questa situazione”, ha detto all’Irish Times.

Il primo ministro irlandese Michael Martin.
Il primo ministro irlandese Michael Martin.Foto:Joanna Giron

Secondo quanto riferito dai colloqui, durati più di due ore, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ribadito che sono allo studio tre diverse misure, in risposta alle misure prese dalla Polonia.

ma allora Le discussioni sono finite e non si sa ancora quale alternativa aspettarsi.

Le alternative includono una misura di violazione, un nuovo strumento per fermare i fondi di bilancio della Polonia e un processo che eliminerebbe il paese dai suoi diritti di voto.

Il primo ministro Stefan Lofven ha dichiarato durante una conferenza stampa in occasione dell’incontro che spetta alla Commissione decidere come affrontare questo problema.

“È positivo che la discussione venga sollevata e che il comitato abbia il compito di capire quale alternativa vuole utilizzare”, ha affermato Lofven, secondo TT.

Il primo ministro Stefan Lofven.
Il primo ministro Stefan Lofven.Foto:Stefan Gerivong / TT

L’escalation della controversia ha sollevato sempre più domande sul futuro della Polonia nell’Unione e se potrebbe portare a una cosiddetta Polexit.

Il primo ministro Morawiecki aveva in precedenza negato che la Polonia avesse il desiderio di lasciare il sindacato.

Allo stesso tempo, i sondaggi d’opinione mostrano che c’è poco sostegno tra gli elettori polacchi.


READ  Referendum di Berlino sulla crisi abitativa - DN.SE