TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dibattito: Starrin Investigations: “Quando era al massimo, non riuscivo ad alzare il braccio sinistro”

Dibattito: Starrin Investigations: “Quando era al massimo, non riuscivo ad alzare il braccio sinistro”

È arrivato di nascosto e non ho capito cosa mi ero imbattuto. Terribile dolore ai muscoli: spalle, schiena, cosce. Quello che è successo? Bene, ho sofferto di “Polymyalgia Rheumatika” in breve, PMR o come viene chiamato in svedese standard, “Muskelrheumatism”. Fortunatamente, esiste un trattamento efficace e la malattia “muore” da sola dopo circa un anno.

Il rischio di soffrire di malattie aumenta man mano che si invecchia. È qualcosa su cui dobbiamo fare affidamento e non possiamo fare molto al riguardo. Devi abituarti all’idea. Certo, è possibile posticipare l’ammalarsi seguendo i consigli sulla salute. Ma alla fine c’è un punto.

Tra i lati positivi, dopotutto viviamo più a lungo. Negli ultimi 100 anni, l’aspettativa di vita per le donne è aumentata in numero approssimativo da 60 a 85 anni e per gli uomini da circa 58 a 81 anni. In altre parole, un aumento dai 23 ai 25 anni. Se guardiamo agli ultimi 50 anni, l’aspettativa di vita è aumentata di otto anni per le donne e di nove anni per gli uomini.

Una delle malattie che colpisce maggiormente gli anziani è quella che ho incontrato io stesso, la Polymyalgia Rheumatika, cioè i “reumatismi muscolari”. A quel tempo, non sapevo nulla di questa malattia. Non ne ho nemmeno sentito parlare anche se non è affatto raro.

I sintomi hanno iniziato lentamente a comparire nel febbraio 2021. Rigidità e dolore alle spalle, alla schiena, alle cosce e ai fianchi. I problemi sono aumentati. All’inizio ho pensato che potesse essere il dolore dell’esercizio. Ma ha abbandonato quell’idea. È peggiorato. Non poteva alzare il braccio sinistro, ma il destro doveva aiutarlo. Dormi tranquillo. Ogni piccolo movimento fa male. Alzarsi dal letto richiede un’attenta pianificazione. Ho alternato l’assunzione di paracetamolo e ibuprofene. L’ibuprofene è stato utile ma niente paracetamolo.

READ  Lavandino influenzale: "Ciao"

Passarono due settimane. Nessun miglioramento in vista. E comincio a pensare che potrebbe essere covid-19. Dì a un amico in un’e-mail cosa stai provando. Mi ha chiamato e mi ha detto:

– Bengan Penso che tu abbia la PMR – Polymyalgia Rheumatika. Io stesso sono stato colpito. Me lo disse alla fine del trattamento con cortisone. Descrivere l’efficacia dei corticosteroidi. Il dolore e la rigidità sono scomparsi dopo circa un giorno. E l’energia è tornata.

Ho chiamato il centro sanitario e ho subito preso un appuntamento. Lì ho incontrato un medico molto cordiale e competente che ha detto che avevo la PMR e che ero in cura con cortisone.

Mi è stato prescritto il cortisone. Sappi che possono volerci almeno due anni. Gradualmente, la dose di cortisone verrà ridotta. Sapevo che poteva esserci una ricaduta e che poi saresti tornato alla dose che ha funzionato.

Il dolore e la rigidità sono scomparsi dopo circa un giorno. Ed è stata una sensazione incredibile difficile da descrivere a parole. Ho letto che puoi sballarti con il cortisone. Ho avuto un “calcio” e sono diventato un po’ ossessionato. Volevo fare entrambe le cose. E sono nate molte idee.

Durante il viaggio ho avuto due ricadute e poi sono tornato alla dose precedente, che ha funzionato. Al momento in cui scriviamo, la dose è molto bassa e ci auguriamo che il trattamento con cortisone venga completato presto.

La malattia colpisce principalmente gli anziani. È molto raro tra quelli di età inferiore ai 50 anni. Raggiunge il suo “picco” intorno ai 75 anni ed è da due a tre volte più comune nelle donne che negli uomini.

READ  Un resoconto approfondito e completo dell'area difficile da raggiungere

La geografia della malattia sconcerta i ricercatori. Si verifica principalmente nelle aree con una popolazione scandinava – in Svezia, Norvegia, Danimarca e nelle aree degli Stati Uniti dove vivono molte persone di origine scandinava. Ad esempio, è da otto a nove volte più comune in Norvegia che in Italia. In gran parte del mondo, come nei paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina, si verifica raramente. Puoi leggere tutto questo in un articolo pubblico dello scorso anno sul Journal of Internal Medicine.

Quella che oggi viene chiamata polimialgia reumatica fu descritta per la prima volta nel 1888. Ma ci volle fino al 1957 prima che le persone iniziassero a chiamare la malattia specificamente polimialgia reumatica. Il medico inglese Stuart Barber fu il primo a farlo.

Il termine reumatismi muscolari è in uso da diverse centinaia di anni. Già nel 1592, il medico francese Guillaume de Bailleau descrisse il dolore muscoloscheletrico come reumatismo. E nel diciottesimo secolo, il termine reumatismi muscolari iniziò ad essere usato per il dolore che non distorceva il tessuto cellulare.

Il cortisone è stato effettivamente scoperto nel 1929 dagli scienziati americani Edward Kendall e Harold Mason e hanno ricevuto il Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina nel 1950 per le loro scoperte.

Il cortisone è ora considerato un farmaco miracoloso. Nell’autunno del 1948 fu utilizzato per la prima volta nel trattamento delle malattie infiammatorie. È stato somministrato a un paziente con grave artrite reumatoide. E l’effetto è stato sorprendente.

La causa del reumatismo muscolare non è nota né si sa perché si fermi. Perché sembra “guarire” da solo.

READ  Nuovo studio sul rituximab - I ricercatori vogliono che il Consiglio nazionale per la salute e il benessere ripensi

Come ho detto, i ricercatori non sanno perché le persone soffrano di reumatismi muscolari. Ma ovviamente ci sono teorie. Uno è che si riferisce a fattori ambientali. Quel qualcosa nell’ambiente viene in qualche modo trasmesso agli umani. Un’altra teoria è che potrebbe avere qualcosa a che fare con fattori genetici.

PMR o reumatismi muscolari è una condizione relativamente sconosciuta tra l’uomo comune. Ma è più comune di quanto si possa pensare. Quando ho iniziato a dire ai miei amici che avevo la malattia, sette o otto di loro hanno detto di averla o di averla.

Non si parla di reumatismi muscolari. Probabilmente perché non provoca ronzio dopo che il trattamento con cortisone ha iniziato a funzionare. Non ti accorgi della malattia. Ti muovi come al solito. Non è visibile. Rimane calmo e per qualche motivo inspiegabile guarisce.

Bengt Starin

Professore Emerito all’Università di Karlstad