TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Decide il finlandese Doldes – L’Europa batte gli USA nella Solheim Cup

È difficile da descrivere a parole, sto ancora tremando. Abbiamo guardato il tabellone e sapevamo che sarebbe stato un successo importante. Ma non sapevo come fosse andata nelle altre partite. “Sapevo che dovevo indossarlo”, ha detto alla trasmissione Discovery.

Castren, che ha fatto il suo debutto nell’LPGA Tour di recente, l’anno scorso, ha giocato un match singolo alla pari contro Lizette Salas. Quando l’americano, che non aveva mai perso una partita di singolare alla Solheim Cup, ha sbagliato un birdie alla 18esima buca, il colpo si è rivelato. La 26enne non ha lasciato che la gravità del momento le impedisse di minimizzare e difendere la Solheim Cup per l’Europa.

Il nuovo arrivato e Sagstrom sono tra i vincitori

La vittoria è stata stabilita all’inizio della giornata, tra gli altri, dalle debuttanti Leona Maguire e dalla svedese Madeleine Sagstrom.

Maguire ha colpito Jennifer Kupshaw già alla 14a buca e alla 16a Sgstrom ha deciso contro Ally Ewing.

– È stata una buona settimana, la squadra è stata fantastica. Non ho ancora contribuito. Stamattina stavo in fila pensando: “Aspetta un attimo, devo essere me stesso, non posso fare il gioco di qualcun altro” e l’ho trovata oggi. “Sono molto orgoglioso di me stesso”, dice Sagstrom nella trasmissione Discovery.

Nordqvist gioca l’equalizzatore

Anna Nordqvist ha incontrato Lexi Thompson nel suo primo singolo. Dopo una partita combattuta, ben giocata e divertente, il duello si è concluso con un pareggio, proprio come le stelle si sono incontrate nella Solheim Cup quattro anni fa.

– Abbiamo giocato molto bene. Mi sarebbe piaciuto inserire più tiri, ma non si può desiderare di più, è stata una buona giornata, dice Nordqvist su Discovery.

READ  Neymar vs Messi nel sogno finale

I sostenitori europei sono stati costretti a rimanere a casa a causa della pandemia di Corona, mentre gli Stati Uniti sono stati sostenuti da 30.000 americani rumorosi. Nordqvist ammette di essersi persa gli applausi collaterali.

“era difficile”

– È stato difficile senza sostenitori europei. Non farti applaudire, quindi non sai se ti sei perso il green. È stato un buon drive all’undicesima buca, ma non ci sono stati applausi, quindi non sapevo se le cose stavano andando bene, dice.