TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La polizia indaga su quattro giocatori argentini dopo una partita scandalosa: il capo della FIFA definisce la situazione “assolutamente folle”

Il big match tra Brasile e Argentina nelle qualificazioni ai Mondiali sudamericani è stato un evento farsesco. La FIFA sta ora avviando un’indagine e il Tottenham vuole multare i suoi giocatori della nazionale. – È pazzesco, ma dobbiamo affrontarlo, afferma il presidente della FIFA Gianni Infantino.

La partita di domenica è stata sospesa pochi minuti dopo l’ingresso allo stadio dei rappresentanti dell’autorità sanitaria brasiliana Anfisa.

A parlare dell’accaduto è ora il presidente dell’International Football Association, la Fifa.

– Abbiamo visto cosa è successo nella partita tra Brasile e Argentina. Due delle squadre più emozionanti del Sud America. È pazzesco, ma dobbiamo affrontare queste sfide, questi problemi che si aggiungono alla crisi del Corona, afferma il presidente Gianni Infantino.

Lo sfondo era che quattro giocatori argentini, tre dei quali nella formazione iniziale, con base in Inghilterra, devono aver mentito all’ingresso in Brasile che non avevano trascorso del tempo in Inghilterra nelle ultime due settimane, secondo Anvisa.

L’autorità sanitaria ha poi chiesto che i giocatori vengano immediatamente messi in quarantena. Quando il trio era in partita undici, dopotutto, Anfisa ha fermato la partita.

Due dei giocatori coinvolti sono Christian Romero e Giovanni Lo Celso, entrambi del Tottenham. Secondo Football London, il duo ha viaggiato senza il permesso del club e rischia una multa al suo ritorno a Londra.

Non è ancora stato deciso se la partita si svolgerà o meno.

“Il primo resoconto ufficiale della partita è stato inviato alla FIFA. Le informazioni saranno analizzate dal comitato disciplinare competente e una decisione presa a tempo debito”, ha affermato la FIFA in una nota.

READ  La tristezza aumenta ogni ora quando i dispersi non vengono trovati ال

controllo di polizia

La polizia sta indagando su quattro giocatori argentini dopo che l’autorità sanitaria brasiliana ha sospeso la scandalosa partita contro il Brasile.

Lo scandalo minaccia di rendere nervosi i club della Premier League riguardo al rilascio di giocatori per futuri incarichi della squadra nazionale.

È un disastro, afferma Christian Purslow, CEO di Aston Villas.

Lunedì la polizia brasiliana ha annunciato che il Quartetto era indagato per aver fornito informazioni false alle autorità.

Due dei giocatori, Emiliano Martinez ed Emiliano Buendia, lavorano per l’Aston Villa. Il club ha consegnato il duo alla nazionale nonostante la decisione della Premier League di non consentire ai giocatori di recarsi nei paesi inseriti nella lista rossa dal governo britannico.

Sia l’Argentina che il Brasile sono nella “lista rossa” britannica, il che significa che i rimpatriati dai due Paesi devono essere messi in quarantena per almeno dieci giorni.

Lo scandalo rischia di creare più ansia tra i club inglesi.

– Questo è un disastro. Christian Purslow, amministratore delegato dell’Aston Villas, ha dichiarato alla BBC che ciò che è accaduto in Brasile domenica è stata una delle cose più straordinarie che abbia visto nel calcio nella mia vita.

‘infelice e dannoso’

I quattro giocatori hanno lasciato la nazionale e stanno tornando alle rispettive squadre di club. Purslow spera di trovare una soluzione prima della prossima sosta della nazionale, all’inizio di ottobre.

– Non capisco davvero cosa sia successo, ma è molto sfortunato e dannoso per lo sport. Abbiamo fatto tutto il possibile per raggiungere un accordo ragionevole con la Federcalcio argentina in modo che i nostri giocatori possano giocare queste partite importanti, dice.

READ  Il capocannoniere di Ecklund fa il suo debutto quando Tre Kronor sconfigge la Danimarca

Abbiamo già molto interesse a licenziare i giocatori per le qualificazioni ai Mondiali in Sud America, quindi spero che si possa trovare una soluzione ragionevole prima di ottobre in modo da non ripetere quello che è successo.

Nel peggiore dei casi, potrebbe scoraggiare i club dal rilasciare i propri giocatori in futuro, secondo Purslow.

– Dice che renderebbe nervoso qualsiasi dirigente di club sano di mente nel rilasciare i suoi giocatori in altri paesi nel bel mezzo di una crisi.