TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Critiche all'indagine israeliana sull'attacco al convoglio umanitario a Gaza

Critiche all'indagine israeliana sull'attacco al convoglio umanitario a Gaza

L'esercito israeliano ha inizialmente affermato che “diversi uomini armati” erano vicini al convoglio, ma in seguito si è scusato dopo aver ammesso che i suoi soldati non avevano seguito il protocollo e non avevano ricevuto informazioni importanti sulla missione umanitaria precedentemente approvata.

Due alti ufficiali sono stati licenziati dopo che l’esercito israeliano aveva indagato sull’attacco mortale avvenuto a Gaza il 1° aprile. Altri tre sono stati chiusi.

La guerra tra Israele e Hamas

  • Ecco il documento che mette pressione su Benjamin Netanyahu

  • Gilda Hamidi Nia

    Dettagli: l'Iran potrebbe rispondere oggi all'attacco al consolato

Israele indica due errori apparenti come causa dell'incidente: un malinteso sui veicoli umanitari e il fatto che quella che si credeva fosse una borsa è stata scambiata per un'arma. secondo I tempi di Israele Un agente sospettava che in una delle auto viaggiasse un sostenitore armato di Hamas.

Richiede un'indagine indipendente

Tuttavia, il rapporto dell’IDF è stato respinto da molti attori.

Lo chiede la World Central Kitchen, l’organizzazione umanitaria dove sono stati uccisi gli operatori umanitari Nella situazione attuale Un'indagine approfondita sull'attacco ai veicoli con marchio WCK:

“Abbiamo chiesto ai governi di Australia, Canada, Stati Uniti, Polonia e Regno Unito di unirsi a noi nel chiedere un’indagine indipendente da parte di terzi su questi attacchi, incluso se siano stati effettuati deliberatamente o abbiano in qualche modo violato il diritto internazionale. “

JavaScript deve essere abilitato per riprodurre il video

“Ci hanno preso di mira deliberatamente”. Ascolta José Andrés, chef ispano-americano e fondatore di World Central Kitchen, parlare dell'attacco aereo mortale e della spiegazione di Israele per l'incidente. immagine: Reuters.

Anche i rappresentanti dei governi di Polonia, Gran Bretagna e Australia – tre dei paesi da cui provengono gli operatori umanitari – vogliono vedere una revisione completamente indipendente.

READ  Atene sarà più brava ad affrontare il maltempo

– Abbiamo chiarito che le informazioni che abbiamo ricevuto finora non sono all'altezza delle nostre aspettative, afferma il ministro degli Esteri australiano Penny Wong.

secondo BBC Israele è ora sotto pressione da parte dei suoi principali partner occidentali affinché annuncino i risultati dell'indagine.

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha dichiarato: “Questi risultati devono essere pubblicati integralmente e seguiti da una revisione completamente indipendente per garantire la massima trasparenza e responsabilità possibili”. Su X.