TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Critica che H&M non garantisca il rinnovo dell'accordo di sicurezza per gli stabilimenti tessili del Bangladesh

Critica che H&M non garantisca il rinnovo dell’accordo di sicurezza per gli stabilimenti tessili del Bangladesh

Quasi otto anni fa, il 24 aprile 2013, più di 1.100 persone sono state uccise e 2.500 ferite quando una fabbrica tessile è crollata in Bangladesh. A quel punto i lavori sull’impianto non erano stati interrotti, anche se c’erano chiari segni di carenze nella costruzione.

Dopo il disastro, diverse aziende di abbigliamento hanno firmato un accordo con i sindacati globali e locali, al fine di garantire la sicurezza degli incendi e degli edifici nelle fabbriche in Bangladesh. L’accordo implica che gli edifici vengano ispezionati e le carenze segnalate e risolte. Se le aziende di abbigliamento non riescono a fissare miglioramenti, i sindacati possono ritenerle responsabili in tribunale, secondo l’accordo, che regola anche il modo in cui le aziende di abbigliamento possono contribuire al finanziamento delle riparazioni. La conformità è verificata da organizzazioni senza scopo di lucro.

Ma in un solo mese, il 31 maggio, Il contratto scade. Il gigante svedese dell’abbigliamento H&M è una di queste società che esita a farci sapere se estenderà l’accordo. Maria Sajodin, esperta dell’organizzazione no profit Fair Action, è molto importante.

Deve esserci un’organizzazione indipendente che studia come funziona l’azienda. Perché non vogliamo tornare da H&M per rivedere il lavoro in fabbrica. Sappiamo che non funziona, dice.

Ha scritto la scorsa settimana Numerosi investitori, tra cui Nordia, Un invito alle aziende di abbigliamento a prolungare il contratto. Scatole Nordia Possiede poco più di 23,5 milioni di azioni di H&M.

La stessa H&M dichiara di far parte del RMG Sustainability Council, RSC, che nel 2020 ha preso in carico l’accordo, a seguito di una decisione delle autorità locali.

Misrat Qadir, responsabile degli affari pubblici A H&M in Bangladesh, ha scritto in un’e-mail tramite la divisione stampa dell’azienda che hanno visto cambiamenti evidenti in Bangladesh da quando l’accordo è stato firmato nel 2013. Masarat afferma che il loro obiettivo ora è garantire l’indipendenza e le risorse di RSC, ma ha rifiutato per commentare la volontà di prorogare l’accordo.

READ  Sospensione. Dan Lucas: Prendere in prestito per acquistare azioni è una cattiva idea

“Stiamo anche partecipando a negoziati su come continuare il lavoro quando il periodo di transizione terminerà nel maggio 2021. E poiché questi negoziati sono ancora in corso, non possiamo commentare ulteriormente”, ha scritto Masarrat Qadir.

Ma Maria Sajodin dice che il lavoro dell’RSC non era destinato a sostituire l’accordo originale. Entrambi sono necessari, dice.

Come possiamo vedere, sono necessari sia l’RSC, che assume il lavoro di sicurezza sul campo, sia l’accordo legalmente vincolante che monitora e dove ci sono opportunità di rivendicare la responsabilità da parte delle singole aziende. Non è così, o entrambe le cose, dice Maria.

Senza un accordo legalmente vincolante, i sindacati non potranno esercitare pressioni su H&M e le fabbriche di abbigliamento. Non capiamo davvero che H&M esiti a firmare nuovamente l’accordo.

Ma non è certo che si ritireranno, vero? Potrebbero rinegoziare?

In questi casi, il punto di partenza dovrebbe essere che dicano di sì, firmeremo e poi potranno parlare dei dettagli. Ma chiaramente non hanno detto di sì.