TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Christopher Jacobsen sullo sci e l’obiettivo del ciclo dell’acqua

Christopher Jacobsen è davvero veloce con un paio di sci e potrebbe fare molto bene, se solo tagliasse il traguardo.

Quest’ultimo è stato il problema dello slalomista svedese la scorsa stagione.

Jacobsen ha precedentemente parlato del rooting e della ramificazione che lo fa accadere. L’unico problema è che è una reazione, una reazione.

– Ci sono piccoli dettagli che sono difficili da vedere e potrebbero non verificarsi durante l’allenamento. È più quando c’è competizione, quando corri e diventa molto più forte quando succede, dice.

Come si allena qualcosa che non può essere addestrato?

– È complicato. Dobbiamo trovare altre cose che pensiamo influenzino il prossimo round. Ho qualche piccolo dettaglio tecnico, tra cui un inutile movimento verso il basso che mi fa perdere un po’ di contatto con la neve.

– ma poi cerca di esercitarsi a essere gentile, e diventa davvero difficile. È difficile provare a fare esercizio. È molto più difficile di tutti gli altri dettagli tecnici su cui lavori, come si vede chiaramente nell’analisi video.

Non posso guidare altro che al cento per cento.

Allo stesso tempo, conosci le tue capacità. Quanto ti entra in testa?

– è difficile. Devi scommettere per poter vincere anche tu. Non posso guidare altro che al cento per cento.

– ma diventa troppo pesante per la testa. Dopo aver corso cinque gare consecutive, è difficile vedermi guidare una pista senza striature, anche quando fantastico di guidare.

– Non importa quanto lavori mentalmente e provi a superarlo. Esiste nel subconscio. Una volta e non una volta e due volte lo esegui. Ma poi le cose iniziano a farsi difficili. Spero davvero che i pezzi su cui stiamo lavorando aiutino.

READ  Quindi la cucina è diventata un elemento caldo nella narrativa
Christopher Jacobsen (a destra) festeggia con il terzo posto nella competizione di Coppa del Mondo a Madonna di Campiglio in Italia nel dicembre 2021.

Foto: Sammy Minkoff/TT

prossima stagione Come al solito offre gare di Coppa del Mondo, ma anche WC dopo la fine dell’anno.

Christopher Jacobsen ha chiari i suoi obiettivi.

– In Coppa del Mondo continuerò a lottare per il podio e cercherò di ottenere la prima vittoria. Voglio obiettivi alti. È dove vuoi essere, dove è divertente.

– Poi voglio ottenere una medaglia ai Mondiali e avere lo stesso atteggiamento che avevo prima nei tornei. Posso finire decimo in Coppa del Mondo, ma in Coppa del Mondo devi abbandonare l’ultima parte. Si tratta di darmi la possibilità nella prima gara, e poi si tratta solo di bruciare nelle altre due gare.

Lo svedese ha chiuso la scorsa stagione Guidare fino al traguardo della Coppa del Mondo a Meribel, in Francia. Finì per essere il tredicesimo.

– Penso ancora di aver chiuso la scorsa stagione. Alla fine ho ottenuto un risultato, dopodiché è stato un lungo processo di ricarica. Quindi non si attaccano comunque ai fantasmi.

piccolo sorriso.

– ma poi tornano rapidamente, se le cose iniziano ad andare male.

LEGGI DI PIÙ: Swenn-Larsson segna la prima vittoria in Coppa del Mondo della sua carriera: “L’ho sognato per molto tempo”