TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chiesto aiuto su Twitter – È morto per sospetto Corona

La situazione peggiora ogni giorno in India

Pubblicato:
Aggiornato:

Newsletter

Più volte, Vinay Srivastava, 65 anni, è stata negata le cure in un ospedale.

Poi ha iniziato a twittare disperatamente, chiedendo aiuto.

Per ogni tweet, il livello di ossigeno nel sangue è diminuito. Dopo due giorni, non poteva più sopportarlo.

L’assistenza sanitaria in India è stata spinta al punto di rottura a causa della seconda ondata di pandemie. Il Paese ha ormai superato il Brasile e solo gli Stati Uniti hanno confermato un’infezione confermata nel mondo.

Giovedì sono stati registrati quasi 315.000 nuovi casi di infezione, il numero giornaliero più alto per qualsiasi paese durante l’intera pandemia. Venerdì, il triste record è stato battuto di nuovo con 332.921 feriti di recente.

Una coda di vaccini a Mumbai, in India.

Foto: Rafiq Maqbool / T.

Una coda di vaccini a Mumbai, in India.

Dietro i numeri ci sono le persone. Coloro che cercano disperatamente cure, ma non sono ammessi in ospedali sovraffollati. I media indiani, sia tradizionali che sociali, sono pieni di storie come questa.

Un figlio viaggia di città in città con il padre sieropositivo e una bombola di ossigeno sul sedile posteriore Senza essere accettato da nessun medico. La madre deve essere trasferita in ospedale quando l’ossigeno sta finendo Passa le ultime 36 ore della sua vita ad aspettare un’ambulanza che non arriva mai.

Lettere di raccomandazione mancanti

Poi abbiamo la storia di Vinay Srivastava. Sta attirando l’attenzione dei media in tutto il mondo in questo momento e non è senza motivo.

Il 65enne, giornalista di professione, era un paziente sospettato di avere sintomi di COVID-19 ed era costretto a letto nella sua casa di Lucknow, Uttar Pradesh, nel nord dell’India.

READ  Il cileno-svedese festeggia la vittoria di Borek: 'Il discorso più bello che sento da tanto tempo'

Suo figlio stava cercando disperatamente di arrivare in un ospedale per riceverlo. Ma Vinay Srivastava non aveva una lettera di raccomandazione dal medico capo, che è un requisito statale per i pazienti Corona per ricevere cure.

Tre diversi ospedali hanno rifiutato l’ingresso al 65enne, Rapporti di Newsweek.

Riprendi su Twitter

Venerdì 16 aprile Vinay Srivastava si è rivolta a Twitter disperata. Per due giorni ha chiesto aiuto e ad ogni tweet l’ossigeno nel sangue è diminuito.

Il 95% è considerato normale e meno dell’88% è preoccupante, secondo Newsweek.

Già venerdì, l’ossigenazione di Vinay Srivastava era molto più bassa.

Medici e ospedali nel nostro stato sono diventati tirannici. Ho 65 anni e mio figlio Spondilite Questo ha fatto scendere il mio livello di ossigeno a 52 e nessun laboratorio o dottore in ospedale ha risposto al telefono “, ha scritto in un tweet al ministro di Stato Yogi Adityanath.

Il figlio Harshett non ha mai smesso di combattere per suo padre. Quando è stato ripetutamente privato in ospedale, ha cercato di avere una bombola di ossigeno. Alla fine, dovette prenderne in prestito uno da un parente. È vuoto.

– Sono uscito nel cuore della notte per riempirlo. C’era anche una lunga coda per quello. Ho dovuto combattere con gli altri per salvare mio padre, Dice il figlio del quotidiano indiano The Print.

Entro sabato, l’ossigenazione di Vinay Srivastava era diminuita ancora di più. Pubblicazione di immagini su un pulsossimetro che misura il livello di ossigeno nel sangue. Il numero in azzurro mostrava il 31 percento.

Ha twittato: “Quando qualcuno mi aiuterà?”

READ  Fonti: così il governo bielorusso regola l'ingresso dei migranti nell'Unione europea

Nel frattempo, il figlio Harshett ha cercato di convincere il medico capo dell’ospedale locale a scrivere una lettera di raccomandazione in modo che il padre potesse ricevere cure. Le guardie lo fermarono sulla porta.

Fu allora che incontrò il giornalista di The Print che ha reso famosa questa storia.

– Mio padre è giornalista da 30 anni, ha detto a un giornalista le lacrime di Harshett.

Ha aiutato le persone durante la sua carriera e ha speso tutti i suoi risparmi per aiutare i bisognosi durante la pandemia. Ma quando combatte per la sua vita, nessuno può aiutarlo.

Il ministro ha agito dopo la morte

Un sabato mattina, il modello ha selezionato il test PCR di Vinay Srivastava. Ci sarebbero voluti tre giorni per la risposta, il messaggio era.

La morte è arrivata prima. Nel pomeriggio, il 65enne non lo sopporta più.

Una foto della famiglia al-Haddad diffusa sul corpo coperto di Vinay Srivastava su Twitter da Surya Pratap Singh, un funzionario locale a Lucknow.

“La richiesta di aiuto del giornalista Vinay Srivastava non è stata ascoltata mentre era in vita, ma anche dopo la sua morte, la sua famiglia ha continuato ad aspettare l’ambulanza”, ha scritto.

Sulla scia di ciò, il Segretario di Stato ha ora ordinato agli ospedali di ricevere pazienti con sintomi di Corona senza la necessità di una lettera di raccomandazione o di un test positivo, ha riferito The Print.

Foto: TT

Le persone sono in fila per riempire le bombole di ossigeno.

Pubblicato:

Continuare a leggere