TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rischio di tensione se Biden avesse ammesso il genocidio

Pubblicato:
Aggiornato:

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe considerare i massacri degli armeni e di altre minoranze cristiane nell'impero ottomano come un genocidio.  Galleria fotografica.

Foto: Evan Vucci / AP / TT

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe considerare i massacri degli armeni e di altre minoranze cristiane nell’impero ottomano come un genocidio. Galleria fotografica.

Newsletter

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe riconoscere il massacro degli armeni durante la prima guerra mondiale come genocidio. La scelta delle parole rischia di aumentare le tensioni con la Turchia, che però non è più vista come un alleato altrettanto importante, secondo un esperto.

Più tardi, sabato, Joe Biden dovrebbe riconoscere i massacri degli armeni e di altre minoranze cristiane nell’impero ottomano come genocidio. In questo caso, sarebbe il primo presidente degli Stati Uniti a usare la parola genocidio sul massacro.

Molti candidati alla presidenza ne hanno parlato durante le loro campagne elettorali, ma una volta eletti non è stato così, ha detto a TT Paul Levine, presidente dell’Istituto per gli studi sulla Turchia dell’Università di Stoccolma.

Sabato sono passati 106 anni dall’inizio del massacro ei ricordi delle vittime vengono commemorati in celebrazioni in tutto il mondo. Diversi paesi, tra cui Francia e Russia, hanno riconosciuto il massacro come genocidio.

La Turchia storicamente ha risposto con forza quando alcuni paesi lo hanno descritto come genocidio, dice Levin.

Levin osserva che una simile dichiarazione di Biden richiederebbe al presidente Recep Tayyip Erdogan di lasciare una forte impronta a casa.

Allo stesso tempo, la Turchia, che sta attraversando un periodo economico difficile, ha un grande bisogno di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti, ha affermato.

READ  "Come puoi impedire a qualcuno di ricordare la sua storia?"

Data

Il governo di Ankara ha ammesso che molti armeni sono stati uccisi negli scontri con le forze ottomane durante la prima guerra mondiale, prima della formazione della Repubblica di Turchia, ma mette in dubbio il numero delle vittime e nega che l’uccisione sia stata sistematica.

Può essere difficile capire la causa di una parola allergia. “Penso che sia tutta una questione di identità”, dice Levine.

– Tutti i turchi fin dall’infanzia hanno ricevuto una storia che ha scritto su come è stato fondato il paese. Quindi, accettare che alcuni di coloro che hanno partecipato alla fondazione della repubblica abbiano avuto anche una mano nel genocidio è incoerente con la scrittura della storia.

I governi di Ankara e Washington sono già stati fortemente in disaccordo su una serie di questioni, e il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha avvertito Biden all’inizio di questa settimana che la dichiarazione sul genocidio avrebbe danneggiato le relazioni tra i due paesi.

L’amministrazione Biden ha affermato che intende rendere i diritti umani una parte importante della politica estera, quindi il problema è che la Turchia è andata in una direzione autoritaria molto forte, dice Levine.

Alleato complesso

Dal punto di vista americano, Paul Levine ritiene che non ci sia più un grande rischio di riferirsi alle uccisioni di massa come genocidio.

In passato, gli Stati Uniti avevano troppa paura di rischiare la relazione, perché la Turchia era vista come un alleato molto importante. Ora la Turchia non è più vista come un partner indispensabile, ma piuttosto come un alleato sempre più grintoso e complesso.

READ  "Man in the Hole" morto nell'altalena - un membro della tribù originale

Levin ritiene che qualsiasi conseguenza della scelta delle parole potrebbe influenzare l’Armenia in primo luogo.

Per molti armeni, questo sarà molto importante, dice.

Era una situazione di stallo, sia per il rapporto tra Armenia e Turchia ma anche tra Armenia e Stati Uniti. Sarebbe positivo se potessimo migliorare le relazioni tra Armenia e Turchia, ma non credo che ciò sia strettamente correlato a questa situazione.

Pubblicato: